Ora la Slovenia sostiene ingresso Croazia in area Schengen

area Schenghen

Riunione dei segretari di Stato a Ilirska Bistrica – Kangler: In linea di principio, sosteniamo l’ingresso della nell’area

La sostiene l’ingresso della Croazia nell’area Schengen, in quanto ciò renderà più facile prevenire la migrazione illegale alla frontiera esterna dell’UE, ha affermato il segretario di Stato al ministero dell’Interno Franc Kangler dopo un incontro con la sua controparte croata Terezija Gras.

” In linea di principio, sosteniamo l’ingresso della Croazia nell’area Schengen e vogliamo che la Croazia adotti tutti i regolamenti necessari e ci aspettiamo che, data la preparazione del compromesso tedesco, la questione venga aperta e risolta presto. Soprattutto, ci aspettiamo che la Croazia lo faccia ha invitato chiunque avesse commenti sulla loro voce a fare ulteriori commenti e risolvere il problema il prima possibile “, ha detto Kangler.

Il principale argomento di conversazione è stata la cooperazione nella prevenzione degli attraversamenti illegali attraverso il di Stato, poiché in Slovenia percepiamo un aumento del numero di attraversamenti illegali e una crescente pressione da parte degli immigrati illegali nell’Unione europea.

” Abbiamo riscontrato che l’aumento degli attraversamenti illegali in quest’area è molto ampio. Tuttavia, questo problema deve essere affrontato sistematicamente, non solo dalla Slovenia e dalla Croazia, ma dall’intera Unione europea “, ha detto Kangler. Ad aprile e maggio una percentuale significativa di immigrati clandestini è stata arrestata e circa 5.000 sono stati arrestati, mentre ben 98 trafficanti di persone sono in stato di fermo, anche più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Doppio controllo croato
” Sono lieto che ci sia un consenso sia in Slovenia che in Croazia sul fatto che l’adesione della Croazia a Schengen è il prossimo passo verso un maggiore controllo delle frontiere esterne “, ha affermato Grasova, sottolineando che la Croazia è l’unico paese europeo che controlla entrambi i confini esterni . come le frontiere interne dell’Unione europea e le nuove apparecchiature di controllo delle frontiere che sarebbero fornite all’ingresso in Schengen consentirebbero loro di farlo ancora più di prima.

Fino ad ora, la polizia slovena e croata hanno effettuato controlli congiunti rafforzati del confine di stato, proprio alla fine della scorsa settimana nelle regioni del Primorje-Gorski Kotar e dell’Istria. Simili controlli intensificati continueranno in futuro, ha affermato il direttore generale ad interim della polizia slovena, Andrej Jurič.

Meno pressione su Ilirska Bistrica
Il sindaco del comune di Ilirska Bistrica, Emil Rojc , ha affermato che il comune non ha più sentito la pressione degli immigrati clandestini, poiché ha scelto il percorso attraverso le foreste sotto lo Snežnik (Monte Nevoso) come rotta verso ovest e nord. Ciò si osserva principalmente nelle numerose discariche illegali lasciate dai illegali.

Kangler ha sottolineato che la polizia slovena e croata stanno già cooperando bene e che vogliono migliorare questo firmando un accordo di cooperazione, che si sta attualmente avvicinando alla fine del coordinamento.

migranti bosco confine Slovenia Croazia

Ad aprile e maggio, 5.000 sono stati arrestati al confine sloveno-croato

recinzione filo spinato confine slovenia croazia

recinzione in filo spinato sul confine sloveno-croato

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento