Triskell, scoppia la polemica su caro-birre e finte cauzioni bicchieri, la risposta degli organizzatori

Triskell 2020

In occasione del ventennale, il grande festival celtico di Trieste sfida il coronavirus e con tutte le difficoltà organizzative decide di non mancare all’appuntamento in questo disgraziato 2020. Lo fa con qualche mese di ritardo, ma questo non è un problema per nessuno. Questa manifestazione, ormai ben radicata nel tessuto cittadino, porta sempre molta allegria, musica, ballo, divertimento e le immancabili bevande nordiche come le birre irlandesi e l’idromele. Quest’anno però, dove la crisi ha spianato i portafogli di molti triestini, è scoppiata la polemica sul prezzo delle birre, e dall’odiatissima voce “ sul ”.

L’organizzazione dell’evento non ci sta, e la portavoce replica così alle accuse:

“Rispondo a nome dell’organizzazione del sulle infinite che ci stanno diffamando per i al Triskell e sulla scritta “cauzione” dovuta a un errore di impostazione della ditta che noleggia le casse. I bicchieri non sono su “cauzione” infatti sono bicchieri “Ricordo del Ventennale” (quelli da 3 euro), con cordino e clip da portarsi a casa!!! e sono il gadget del Festival creati assieme alle magliette e alle borse per l’occasione! Sui pannelli esposti ai pub e al ristorante, è scritto chiaramente il costo delle due opzioni: (1€) o del Ventennale (3€), e che si paga una sola volta, pagando poi solo le ricariche, a prezzo oltretutto abbassato rispetto l’anno scorso (erano tutte a €6)! Lo scontrino NON è fiscale perché è di Associazione sportiva dilettantistica. La ditta che noleggia le casse ha scritto erroneamente “cauzione”, nonostante gli sia stata inviata la direttiva di scrivere “bicchiere compostabile” e “bicchiere ventennale”, cosa che da stasera apparirà sugli scontrini perché a quanto sembra, le spiegazioni sul funzionamento date a voce dal palco ogni sera e i grandi pannelli informativi rigidi con tutte le indicazioni di come funziona con i bicchieri, non li legge nessuno (!), salvo poi contestare la scritta cauzione sullo scontrino piccolo. Le birre, costano 1.50 in meno che al pub (una in pub costa 7 euro!), e sono birre originali fornite dalla ditta “xxxxx”, la stessa ditta che fornisce i pub del FVG e importate dall’estero. Quindi, chi dice che siamo ladri (1.50 in meno che al pub) e che le birre sono “acqua” (non è vero), di in quanto sono le stesse che trovate ai pub: Guinness, Cream e !
E per finire, visto che tutto questo casino è successo per 1 miserabile euro di “cauzione” che cauzione non è, abbiamo chiamato la ditta di Udine che correggerà la scritta sbagliata in “bicchiere comp” e “bicchiere XX”, altrimenti qualsiasi denuncia andrebbe a loro che hanno impostato la scritta per errore!
Faccio ancora presente, al di là di tutto questo malumore per niente (già abbiamo le nostre mille problematiche con il Covid e gli “xxxxxxx” che non vogliono indossare la mascherina quanto entrano, che mancava ora questa chicca che ha scatenato l’inferno. Per chi ancora scrive, che i prezzi del mangiare sono cari (non li facciamo noi ma il catering), ricordo che il Festival ha ingresso GRATUITO (!) inclusi i tutti i concerti di artisti internazionali, oltre alle centinaia di attività in area! Spero di aver chiarito una volta per tutte la questione”

triskell informazioni pub manifesto


corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...