Deutsche Welle (DW) pubblica un documentario sul Porto di Trieste

Zeno D'Agostino

Il esamina principalmente la conquista della in Europa, e parla del nella .
Il , “China’s Gateway to Europe – The New Silk Road”, esplora come il nostro porto sia rimasto invischiato in un dibattito geopolitico contemporaneo.

Il commento di Deutsche Welle:

La città portuale di Trieste, situata nel mare Adriatico a due passi dalla Slovenia, è stata a lungo significativa. Già sotto la monarchia asburgica, tra il 1382 e il 1918, era un vivace snodo marittimo che serviva tutta l’Europa centrale.
Successivamente, durante la Guerra Fredda del XX secolo, il porto perse la sua importanza strategica quando la città sbarcò ai margini dell’Europa occidentale, proprio vicino all’ex Jugoslavia.
Ma in questi giorni, la città portuale adriatica sta vivendo una nuova era d’oro.
“Per capire l’importanza crescente del porto basta guardare la mappa”, spiega il presidente dell’Autorità portuale, Zeno D’Agostino. “L’economia dell’Europa orientale è in forte crescita e tutti questi paesi possono essere raggiunti molto rapidamente dal porto di Trieste”, sottolinea.

Da quando D’Agostino si è insediato nel 2015, il Porto di Trieste si è sviluppato rapidamente. Si dedica a trasformare il porto e riportarlo al suo antico splendore. “Il collegamento ferroviario con il Nord, in parte eredità della monarchia austro-ungarica, è uno dei grandi vantaggi di Trieste”, afferma.

Poche altre città sono state così fortemente influenzate dalla geopolitica come Trieste. Ancora oggi, la sua posizione strategica lo rende un luogo ideale per la nuova marittima. A marzo 2019 l’Italia ha firmato un accordo con la Cina, diventando il primo Paese del G7 a entrare a far parte del Nuovo Silk Road, un progetto infrastrutturale su larga scala che collega le rotte commerciali tra Asia, Africa ed Europa. Le controversie intorno a questo progetto sono oggetto di un nuovo documentario DW chiamato China’s Gateway to Europe – The New Silk Road.

Critiche dure da Bruxelles – Eppure la decisione di collaborare con la Cina non è stata priva di critiche, soprattutto da Bruxelles e da altri Stati membri dell’UE. “Quello che è stato pubblicizzato al pubblico italiano come una dichiarazione di intenti puramente commerciale è in realtà un riconoscimento politico del progetto Via della Seta da parte di uno Stato membro del G7 – in altre parole, è una questione molto seria”, spiega la sinologa italiana Giada Messetti.

Nel suo ultimo libro, Nella mente del dragone (Nella testa del Dragone, 2020), spiega la strategia politica e culturale della Cina : “I cinesi hanno pianificato fin dall’inizio di diventare quello che sono oggi. Hanno perseguito un’agenda economica. E poiché la loro importanza economica nel mondo è così forte, è, infatti, ovvio che vogliono influenzare il mondo “.

Una pedina nella politica internazionale? – Il porto internazionale di acque profonde è il più importante porto per petroliere del Mediterraneo e la sua posizione è considerata strategica e vantaggiosa. L’accordo con la Cina prevede che la China Communications Construction Company (CCCC) sarà coinvolta con il porto di Trieste.

A differenza di altri porti in Europa, come il porto greco del Pireo, che è stato di proprietà maggioritaria della Cina dal 2016 il porto di Trieste non può essere semplicemente venduto. Questo è qualcosa che l’Autorità Portuale della città ripete più e più volte.

Tuttavia, il controverso accordo tra Cina e Italia non ha ancora prodotto progetti concreti. Mesi dopo la visita a Roma del presidente cinese Xi Jinping, rimane un punto morto.

Ma dietro le quinte le cose sembrano diverse: “In realtà, da tempo stiamo trattando con i cinesi”, dice Francesco Parisi. In qualità di Presidente del CdA della Piattaforma Logistica Trieste (PLT), si occupa della realizzazione di un nuovo terminal polifunzionale nell’area portuale di Trieste ed è alla ricerca di partner per lo sviluppo del progetto. “Non preferiamo necessariamente la Cina come partner commerciale, percepiamo semplicemente che il paese è cresciuto e che ora è il partner commerciale numero uno”.

Una ricca storia economica – Parisi si occupa di trasporti in tutto il mondo. La sua azienda, fondata nel 1807, fa parte della storia della città. Come imprenditore dell’ottava generazione, non può ignorare il confronto tra Stati Uniti e Cina.

Lui stesso ha vissuto il periodo della Guerra Fredda a Trieste. “Il pensiero di una guerra fredda è ciò che mi spinge personalmente – come uomo d’affari ma anche come cittadino dell’Unione europea. Ma il commercio internazionale può essere un ponte per aiutare a mantenere la pace”.

Ma è qui che le opinioni divergono: è lecito fare affari con un paese noto per la violazione dei diritti umani? E come ci si comporta in mezzo a una disputa commerciale tra Cina e Stati Uniti? La pressione politica è alta e la città di Trieste si è improvvisamente trovata coinvolta nel conflitto.

Ma alla fine di settembre 2020 è stato annunciato che un nuovo partner europeo sarà coinvolto nello sviluppo del porto. “Hamburger Hafen und Logistik AG (HHLA) sta acquisendo una quota di maggioranza del 50,01% nel terminal multifunzione del porto di Trieste”, si legge nel comunicato. Sebbene possa essere più una decisione commerciale, anche la posizione geopolitica di Trieste gioca un ruolo.

L’esperta di Cina Giada Messetti vorrebbe vedere una posizione più chiara a livello europeo sulla Cina: “L’Europa rischia di diventare il campo di battaglia di Cina e America. Ma l’UE potrebbe essere il terzo attore nell’arena globale. Spero che scelga di essere proprio questo, ” lei dice.


AUDIO E SULL’ARGOMENTO


corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...