Piccolo Opera Festival con la “GO! Borderless Opera”

PICCOLO OPERA FESTIVAL: GIÀ AL LAVORO CON LA “GO! BORDERLESS OPERA”, FINANZIATA DA GO! 2025 E INSERITA NEL PROGRAMMA UFFICIALE DELLA CAPITALE EUROPEA.

La sedicesima edizione del Festival, che si svolgerà tra giugno e luglio 2023, terminerà in piazza Transalpina con un’opera da camera, composta ad hoc da due autori transfrontalieri under 35.

Il Piccolo Opera Festival, in attesa della sedicesima edizione, è già al lavoro e ha commissionato a due artisti under 35 – per l’Italia Sara Caneva (classe 1991, attualmente ricercatrice presso l’Università di Birmingham) e per la Slovenia Juraj Marko Žerovnik (classe 1993, oggi Master presso l’Accademia di Musica di Lubiana) – la composizione di un’opera da camera, la cui prima esecuzione assoluta chiuderà il Festival nella simbolica location di piazza Transalpina.

Il progetto GO! Borderless Opera Lab, proposto dal Piccolo Opera Festival è, infatti, stato finanziato e inserito nel programma ufficiale di GO! 2025 ed è parte integrante delle attività della Capitale Europea della Cultura 2025. L’Opera Lab è parte di un più ampio accordo che vede il Festival protagonista di diversi appuntamenti e progetti fino al luglio 2025, che sono già stati finanziati e inseriti nel di GO! 2025. La nuova pagina di teatro musicale – la Go! Borderless Opera – che sgorgherà dalle penne dei due giovani autori, intende confermare il connubio di Gorizia e Nova Gorica come centro d’eccellenza nel quale si può sviluppare il linguaggio del teatro musicale di prossima generazione, favorendo l’integrazione e la condivisione culturale.

La nuova opera
I due compositori sono firme emergenti del mondo musicale odierno e hanno il compito di raccontare in musica i temi della Capitale Europea della Cultura e del territorio di Nova Gorica – Gorizia, sulla base di una ricerca sulla storia e identità del territorio che coinvolge realtà artistiche e culturali locali di altre discipline artistiche.

È già iniziato il percorso creativo, che si sta strutturando e proseguirà in forma di residenza artistica, con incontri on-line e dal vivo. A fine gennaio i due giovani saranno entrambi per la prima volta a Gorizia e Nova Gorica, per una prima residenza in presenza e per vivere personalmente il territorio che racconteranno in musica.
Il libretto dell’opera sarà in più lingue, per restituire le tante radici linguistiche e culturali del territorio e valorizzarne l’ tanto peculiare. L’operazione godrà della collaborazione e della supervisione del regista e docente Igor Pison per la parte drammaturgica, della Prof.ssa Metka Malčič dell’Università della Primorska per la parte linguistica e del noto compositore e direttore dell’accademia musicale Chigiana Nicola Sani per la consulenza musicale.

Per la parte musicale saranno coinvolte Music Biennale Zagreb e Fondazione Imago Sloveniae di Lubiana, entrambe partner del progetto, che affiancheranno i giovani compositori anche grazie a diversi workshop. Fondazione Imago è anche coproduttore dell’operazione: con essa, infatti, il progetto ha partecipato al bando per artisti emergenti indetto dall’EFA (European Festival Association).

L’organico dell’opera coinvolgerà alcuni solisti, diversi attori e altri artisti, con una compagine orchestrale di 15-20 elementi, espressione del progetto GO! Borderless Orchestra, l’accademia orchestrale transfrontaliera nata in occasione del per la visita a Nova Gorica-Gorizia dei Presidenti di Slovenia ed Italia Borut Pahor e Sergio Mattarella (21 ottobre 2021). L’opera avrà un suo allestimento di scenografie e costumi, pensato e costruito ad hoc.

I compositori
Juraj Marko Žerovnik, nato a Fiume e formatosi tra la Croazia e la Germania, oggi si sta specializzando post-laurea a Lubiana, con Vito Žuraj. Inizia sin da giovanissimo la sua attività di compositore e vede eseguite le sue pagine già dal 2009 (il suo “Magnificat”) e 2011 (“Allegro molto appassionato per trio con pianoforte”). Žerovnik ha eseguito il suo per pianoforte e orchestra come solista con la Varaždin Chamber Orchestra sotto la direzione di Pavle Dešpalj. Il Teatro Nazionale Croato di Fiume ha commissionato il brano Ištipana hartija per solisti, coro e orchestra sinfonica, che è stato eseguito in prima assoluta nel 2016 sotto la direzione di Ville Matvejeff e con i solisti Dubravka Šeparović-Mušović e Giorgio Surian. È docente, pianista e assistente didattico all’Accademia di musica dell’Università di Pola.

Sara Caneva è compositrice, direttrice e sound artist; nominata per Classical: NEXT! 2020 Innovation Award e selezionata per il concorso “La Maestra Conducting Competition” alla Philharmonie de Paris, dal 2016 al 2017 ha vinto lo Y.A.P. al Teatro dell’Opera di Roma, dove ha composto e diretto un nuovo dittico d’opera.
Le sue musiche sono state commissionate e programmate da istituzioni come Teatro La Fenice di Venezia, Teatro dell’Opera di Roma, Fondazione I Teatri, Romaeuropa Festival, Salzburg Mozarteum, Bludenzer Tage zeitgemäßer Musik, Moscow Philharmonic, MusiikkItalo Camerata, BEAST, e trasmesse su le radio nazionali italiane, austriache e francesi. Dal 2018 i suoi pezzi sono pubblicati dalle Edizioni Suvini Zerboni.
Sara Caneva è stata compositrice in residenza in diverse strutture di tutto il mondo sviluppando composizioni a tecnica mista e progetti multidisciplinari. Ha diretto diverse anteprime mondiali in tutta Europa, tra cui opere di Balch, Zuraj, Xiao, Panni, Kallionpää. Ha inoltre collaborato con l’Ensemble Modern, BCMG, Orchestra di Padova e del Veneto, ORT, Danubia Orchestra Óbuda e l’Ensemble ‘900 dell’Accademia di Santa Cecilia. Nel 2019 ha portato l’opera multimediale “Trilogia in due” di A. Liberovici in una tournée con Helga Davis e lo Schallfeld Ensemble.

Testimonianze del 2022
Già l’edizione 2022 si era conclusa nella suggestiva Piazza Transalpina con il primo passo del progetto GO! Bordeless Opera: lo scorso 17 luglio, infatti, era andata in scena l’opera “La cantante”, prima assoluta del compositore toscano Maurizio Agostini, per la regia di Vanessa Codutti. I solisti e il GO! Borderless Ensemble sono stati diretti da Igor Zobin.
In questi giorni la serata è stata trasmessa su TV Koper Capodistria, mentre sulla RAI del Giulia andrà in onda nella versione italiana l’8 gennaio 2023 alle 9.15 (replica l’11 gennaio alle 21.20) e nella versione slovena sarà trasmessa su Rai3/Bis il 5 gennaio alle 20.50.


PICCOLO OPERA FESTIVAL: PRIPRAVE ZA “GO! BORDERLESS OPERA”
PROJEKT FINANCIRA GO! 2025 V OKVIRU DEJAVNOSTI ZA EVROPSKO PRESTOLNICO KULTURE

Šestnajsta izvedba festivala bo na sporedu junija in julija 2023
Zaključila se bo na Trgu Evrope s komorno opero avtorjev under 35 iz dveh držav

Piccolo Opera Festival pripravlja svojo šestnajsto izvedbo in je že naročil dvema mladima skladateljema komorno opero, ki bo doživela krstno izvedbo julija na zaključnem večeru festivala na trgu Evrope. Skladatelja sta Italijanka Sara Caneva, rojena leta 1991 in trenutno zaposlena kot raziskovalka na Univerzi v Birminghamu, in Juraj Marko Žerovnik, rojen leta 1993, ki študira na ljubljanski Akademiji za glasbo.
Projekt festivala GO! Borderless Opera Lab spada v uradni program Prestolnice kulture. v okviru širšega dogovora med GO! 2025 in Piccolo Opera Festival, ki bo aktivno sodeloval pri oblikovanju programa z raznimi dogodki. V tem okviru bo zaživelo tudi novo poglavje glasbenega gledališča, ki je sad kreativnosti dveh mladih umetnikov iz sosednih držav, kar simbolično potrjuje povezavo med Gorico in Novo Gorico.

Nova opera
Obetavna mlada skladatelja bosta uglasbila teme, ki zaznamujejo koncept Evropske prestolnice kulture in obmejnega teritorija, na osnovi raziskave o zgodovini in identiteti teritorija na več umetniških in kulturnih nivojih.
Umetniški proces se bo nadaljeval v obliki umetniške rezidence, s spletnimi srečanji in v živo. Na koncu meseca januarja bosta skladatelja aktivno sodelovala na teritoriju, med Gorico in Novo Gorico.
Večjezični libreto bo zrcalil jezikovne in kulturne korenine tega specifičnega območja. Dramaturgijo bo oblikoval režiser Igor Pison, lektorica Univerze na Primorskem Metka Malčič bo skrbela za jezikovno plat, skladatelj in umetniški vodja Akademije Chigiana Nicola Sani pa bo svetovalec za glasbo.
Pri projektu bosta kot partnerja sodelovala še Glasbeni bienale Zagreb in fundacija Imago Sloveniae, ki bosta poskrbela za glasbene delavnice. Fundacija Imago Sloveniae je tudi koproducentka, saj se je s tem projektom udeležila razpisa za mlade umetnike društva European Festival Association.

Zasedba predvideva soliste, igralce, orkester. Slednji izhaja iz čezmejnega projekta GO! Borderless Orchestra, ki je nastal za koncert ob obisku predsednikov Slovenije in Italije, Boruta Pahorja in Sergia Mattarelle, v Novi Gorici 21. oktobra 2021. Festivalska umetniška ekipa bo seveda poskrbela tudi za scene in kostume.

Kmalu na televizijskem ekranu
Tudi lanska izvedba festivala se je zaključila na Trgu Evrope s prvim poglavjem projekta GO! Bordeless Opera, ko je 17. julija doživela uprizoritev komorna opera “La cantante” (Pevka), ki je bila krstna izvedba dela toskanskega skladatelja Maurizia Agostinija, z režijo Vanesse Codutti. Soliste in orkester GO! Borderless Ensemble je vodil dirigent Igor Zobin. Izvedbo je posnel slovenski program RAI3/bis, ki bo predvajal slovensko različico 5. januarja ob 20.50. Italijansko različico pa bo italijanski program RAI predvajal 8. januarja ob 9.15 (s ponovitvijo 11.januarja ob 21.20). Opero so na božični dan predvajali tudi na RTV Koper-Capodistria.


Skladatelja 2023

Juraj Marko Žerovnik se je rodil na Reki, nakar je študiral med Hrvaško in Nemčijo. Trenutno se izpopolnjuje na podiplomski ravni z Vitom Žurajem v Ljubljani. S pisanjem glasbe je začel zelo zgodaj: leta 2009 je doživel izvedbo njegov Magnificat, leta 2011 pa skladba za klavirski trio “Allegro molto appassionato”. Sam je izvedel lastni Koncert za klavir in orkester s komornim orkestrom iz Varaždina, ki ga je vodil Pavle Dešpalj. HNK na Reki mu je naročil skladbo za soliste, zbor in simfonični orkester Ištipana hartija, ki je doživela krstno izvedbo leta 2016 pod vodstvom dirigenta Villeja Matvejeffa in s solistoma Dubravko Šeparović-Mušović in Giorgiom Surianom. Je docent, pianist in pedagoški asistent na Glasbeni Akademiji v Pulju.

Sara Caneva je skladateljica, dirigentka in oblikovalka zvoka. Prejela je nominacijo za Classical: NEXT! 2020 Innovation Award in je bila izbrana za natečaj “La Maestra Conducting Competition” v pariški Philharmonie. Za Opero v Rimu je napisala in dirigirala operni diptih.
Njene skladbe so doživele izvedbo v okviru programov prestižnih gledališč in festivalov kot so Teatro La Fenice v Benetkah, Teatro dell’Opera v Rimu, Fundacija I Teatri, Romaeuropa Festival, Salzburg Mozarteum, Bludenzer Tage zeitgemäßer Musik, Moscow Philharmonic, MusiikkItalo Camerata, BEAST. Predvajale so jih državne radijske postaje v Italiji, Avstriji in v Franciji. Od leta 2018 njene skladbe izdaja založba Suvini Zerboni.
Kot rezidenčna skladateljica Sara Caneva razvija pisanje z mešano tehniko in večdisciplinarne projekte. Dirigirala je več krstnih izvedb po celi Evropi. Sodelovala je s skupinami Ensemble Modern, BCMG, Orchestra di Padova e del Veneto, ORT, Danubia Orchestra Óbuda in Ensemble ‘900 Akademije svete Cecilije v Rimu. Leta 2019 je gostovala z multimedijsko opero “Trilogia in due” Andree Liberovicija, skupaj z newyorško umetnico Helgo Davis in skupino Schallfeld Ensemble.


Transalpina

Transalpina

(Nelle foto: i cantanti Kamilla Karginova e Salvatore Angileri: immagini della serata in piazza Transalpina, luglio 2022, “La cantante” di Maurizio Agostini e “La scuola di guida” di Nino Rota)
***

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...