Bambino morto nel pozzo, si configura reato di omicidio colposo

La procede le indagini a carico di ignoti, ancora da chiarire l’esatta dinamica della caduta nel pozzo: l’ipotesi di un ribaltamento della grata su cui il tredicenne era salito

La Procura di ha aperto un fascicolo per colposo contro ignoti sulla morte di Stefano Borghes, il tredicenne caduto mercoledì mattina in un pozzo all’interno del Parco Coronini Cronberg, dove stava svolgendo un’attività di orienteering, una sorta di caccia al tesoro, durante un centro estivo parrocchiale. Non ci sono ancora persone iscritte nell’elenco degli indagati, ma comunque in questa fase preliminare delle indagini si tratterebbe di un atto dovuto per un incidente che ha scosso tutta Gorizia. La squadra mobile della Polizia, coordinata dalla Procura, sta procedendo con le audizioni delle persone informate sui fatti, cioè gli altri ragazzini presenti nel parco: il gruppo era composto da 7 persone, oltre gli animatori e i responsabili della struttura.

È stato conferito l’incarico per l’autopsia al medico legale Carlo Moreschi, non è stata ancora definita la data dell’esame. Conferito anche l’incarico per svolgere esami nella struttura, posta sotto sequestro. Il ragazzino è caduto nel pozzo, largo poco più di un metro e venti, morendo probabilmente sul colpo dopo un volo di 30 metri: a quanto sembrerebbe, la piastra di metallo che ricopriva il corpo non si è sfondata, ma si sarebbe ribaltata. Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

Il sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna aveva spiegato che il pozzo aveva una copertura fissata in maniera stabile e, proprio di recente, era stata oggetto di controlli, quindi secondo la sua tesi sarebbe impossibile che si sia spostata.

Intanto la Fondazione Coroninini Cronberg ha espresso tramite la propria pagina Facebook il proprio cordoglio per la scomparsa di Stefano Borghes “nella consapevolezza che nulla potrà colmare la loro sofferenza”.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...