Aggiornamento: i portuali rifiutano il compromesso sui tamponi gratis – Porto bloccato dal 15 ottobre

corteo no green pass

I portuali di Trieste dicono no all’intesa sui gratis: «Il 15 ottobre blocchiamo tutto»

Niente accordo dopo l’incontro di oggi con il prefetto. Il presidente del porto minaccia le dimissioni. Il sindacato: «Non scenderemo a patti»

È scontro a Trieste sull’obbligo di Green pass per i lavoratori del porto della città. Dopo il maxi corteo di lunedì 11 ottobre contro la certificazione verde, oggi si è tenuto un incontro tra le aziende del settore, il prefetto Valerio Valenti, e il segretario generale dell’Autorità portuale del Mare Adriatico Orientale, Vittorio Torbianelli. La schiarita tanto attesa, però, non è arrivata. Nel pomeriggio è stato pubblicato un comunicato del sindacato Coordinamento Trieste che conferma un totale delle attività nello scalo marittimo il 15 ottobre, giorno in cui entrerà in vigore l’obbligo di certificazione verde anti-Covid per tutti i lavoratori pubblici e privati. Il presidente del porto, Zeno D’Agostino, ha minacciato le dimissioni in caso di un blocco a oltranza delle operazioni. Nelle ultime ore era circolata l’ipotesi di un compromesso, con le aziende operanti nel che avrebbero pagato di tasca propria i tamponi ai lavoratori fino al 31 dicembre. Dal sindacato commentano: «Siamo venuti a conoscenza che il governo sta tentando di trovare un accordo, una sorta di accomodamento riguardante i portuali di Trieste, e che si paventano da parte del Presidente Zeno D’Agostino le dimissioni. Nulla di tutto ciò ci farà scendere a patti. Non solo noi, ma tutte le categorie di lavoratori».

Pallanzani


corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...