Visita alla Foiba di Basovizza, quando nel 1989 ci andò una delegazione PCI

6 agosto 1989 – delegazione : , Nico Costa, Stojan Spetič

Lunedì 13 luglio i Presidenti della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, e Slovena, Borut Pahor, si recheranno al Monumento ai Martiri delle Foibe di e al contiguo Monumento ai Caduti di Basovizza – cioè ai 4 fucilati nel 1930 dai fascisti – per poi concludere la giornata con la cessione del Palazzo che oggi ospita la Scuola per Interpreti dell’Università di Trieste alla minoranza slovena. Una giornata storica con la volontà condivisa di riappacificazione e di svolta.

Ma tornando indietro nel tempo, in un’altra occasione c’è stata una visita altrettanto significativa (e inedita per l’epoca).

Accadde il 6 agosto 1989, in occasione del 44° anniversario dell’attacco con la bomba atomica americana a Hiroshima. Una delegazione del Partito Comunista Italiano (PCI) ha visitato l’ex campo fascista di Rab, la riseria di Trieste e la . L’allora segretario dell’organizzazione giovanile, Gianni Cuperlo, aveva ideato una marcia di pace per condannare qualsiasi forma di violenza. Era accompagnato da Stojan Spetič e dall’allora segretario del PCI di Trieste, Nico Costa.

Cinque anni dopo, il 31 ottobre 1994, tre sloveni visitarono la Foiba. Ma la loro visita è passata inosservata. “La prima posa congiunta di corone nei monumenti” era il titolo sulla prima pagina dei giornali dell’epoca. Il mondo era completamente diverso, il muro di Berlino era caduto, la Jugoslavia era crollata, la Slovenia aveva già iniziato a soddisfare le condizioni per aderire all’Unione europea. Trieste era gestita da un’amministrazione di centrosinistra.

Questo era il quadro politico in cui iniziò la tradizione di visitare diversi monumenti insieme nel giorno del ricordo dei morti. La delegazione comprendeva i sindaci di Trieste e dei comuni circostanti. La corona è stata posata anche sul foyer e nel monumento agli eroi di Basovizza. La prima delegazione del 1994 comprendeva anche tre sindaci sloveni di Dolina, Sgonico e Monrupino, Marino Pečenik, Tamara Blažina e Igor Dolenc.

Anche Miloš Budin, senatore tra il 2001 e il 2006 e poi segretario di stato presso il Ministero del commercio estero per due anni, ha partecipato alla visita alla foiba. Erano gli anni in cui si svolgevano numerose visite simboliche.
L’inizio del terzo millennio è stato caratterizzato da negoziati informali e senza successo tra i due paesi in una visita simbolica congiunta dei presidenti di Italia e Slovenia a due monumenti di Basovizza.

L’attuale parlamentare sloveno a Roma, Tatjana Rojc, ha partecipato a diversi eventi ufficiali. Ha abbandonato la cerimonia di quest’anno a Basovizza, il 10 febbraio, in segno di protesta durante il discorso del senatore Maurizio Gasparri. Ha detto che la destra si era appropriata dello spazio commemorativo di Basovizza e stava abusando della Giornata della Memoria con propaganda inappropriata.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...