Casino bonus senza deposito non AAMS possono ottenere nuovi giocatori e giocatori abituali.
 

Escursioni nel Carso sloveno: il sentiero delle pecore (Pliskina pot)

Oggi vogliamo descrivere uno dei sentieri meno conosciuti e più suggestivi del carso, a pochissimi km dal confine.
“Pliskina pot” o sentiero delle pecore, dove un tempo appunto c'erano gli allevamenti dei simpatici ovini, i pastori percorrevano questo tragitto in mezzo al bosco, completamente immersi nella .
È lungo circa 6 km, facilmente percorribile da tutti.

Pliskina pot - il simbolo della pecora

Pliskina pot – il simbolo della pecora sulla roccia

Partiamo quindi da località Pliskovica, dove ha inizio l'interessante percorso circolare segnato dalla pietra in cui è incisa una pecorella, simbolo di questo borgo carsico. Seguendo i vari segni, si arriva sulla tipica landa, per poi passare agli infiniti muri di pietra costruiti dagli abitanti locali, quando decisero di trasformare questo paesaggio roccioso in prati, pascoli e campi. Grazie ai cartelli informativi, potrete scoprire le curiosità della landa carsica, conoscere gli uccelli locali e imparare qualcosa di più sugli stagni, sulla loro importanza nella storia passata e al giorno d'oggi. Il sentiero puramente didattico è ideale anche per chi desidera godersi una piacevole camminata nel tipico paesaggio del Carso.

Pliskovica

Pliskovica

Pliskovica - Il parcheggio

Pliskovica – Il parcheggio ai margini del centro abitato, sulla strada principale

Seguendo le indicazioni di visitkras, potremo scoprire gli stagni, i resti della cappella dell'ospedale da campo della Seconda guerra mondiale, la hiška (la casetta dei pastori in pietra) che merita una nota a parte: si tratta di una costruzione in pietra calcarea locale, con tecnica di costruzione a secco tipica del Carso. Questa tecnica di costruzione che è stata riconosciuta anche come patrimonio immateriale UNESCO nel 2018, e di cui la conoscenza è andata a perdersi nel corso dei tempi con l'uso di nuove tipologie di costruzione, viene così ricordata e presentata al pubblico ai fini didattici e di conoscenza del patrimonio paesaggistico culturale legato all'uso della pietra.

Pliskina pot - La mappa del percorso

Pliskina pot – La mappa del percorso

Pliskina pot - mappa topografica

Pliskina pot – mappa topografica

Pliskina pot - Paesaggio

Pliskina pot – Paesaggio lungo il sentiero

Ruderi della cappella militare

Ruderi della cappella militare

Durante la prima guerra mondiale lungo il fiume Isonzo si affrontarono gli eserciti austro-ungarico e italiano. Dal 1915 al 1917 si svolsero violenti combattimenti anche sulla parte occidentale dell'altopiano carsico, mentre la parte centrale del Carso costituiva la retroguardia del fronte, dove l'esercito austro-ungarico disponeva di numerosi magazzini, varie officine, posti di comando e di servizio, ospedali. Uno degli ospedali da campo si trovava su un grande prato vicino a Kosovelje e di esso rimanevano solo le rovine di una cappella militare che si trovava tra le baracche di legno dell'ospedale. Si è conservata la parte in pietra, mattoni su cui poggiava la struttura lignea con tetto e campanile. Un'iscrizione sulla parete di fondo ci dice che l'ospedale portava la denominazione 808, e le iscrizioni sulle pareti laterali rivelano i nomi dell'architetto e dei primari. Nel dopoguerra la popolazione locale utilizzò per qualche tempo la cappella come riparo dalla pioggia, ma durante la seconda guerra mondiale cadde in rovina.
Per rifornire il fronte furono costruite anche due ferrovie polacche da Dutovelj, dove era un importante snodo ferroviario. Una linea a scartamento ridotto lunga ben 13 chilometri passava davanti a Pliskovica e Veliki Dol fino a Gorjanski, e la linea ferroviaria normale lunga 22 chilometri a nord da Kosovelje a Komno e oltre fino a Kostanjevica. Da Skopje a Komno c'è una strada ben conservata, senza , adatta per passeggiate a piedi e in bicicletta.

Ci siamo fermati in un luogo di cui è stato conservato il nome Staje. Il nome rivela il passato pastorale del paese. Si dice che i primi abitanti di Pliskovica fossero pastori con piccoli greggi di pecore, e l'allevamento ovino continuò fino al XIX secolo, quando divenne più importante l'allevamento del bestiame, la forma di allevamento più diffusa sul Carso. Ogni giorno i pastori portavano le pecore a pascolare su modesti pascoli in pietra, dove sistemavano anche stalle e recinti in pietra, dove le pecore si rifugiavano al caldo del sole o prima di un temporale. L'alto muro di pietra era ricoperto anche di rami di prugnolo, che proteggevano inoltre le pecore e le capre dai predatori con le loro spine aguzze. L'ombra era fornita dagli alberi, soprattutto tigli. Nelle vicinanze c'erano spesso dei caliche, piccole vasche, dove scorreva l'acqua per irrigare la piccola casa.

TESTO DI IGOR MAHER. FOTO: JURIJ MIKULETIČ
Il del sentiero Pliska è stato creato in collaborazione con l'Associazione danese degli escursionisti, che ha contribuito con le conoscenze e l'esperienza necessarie per organizzare il sentiero. Il progetto è stato sostenuto dal Consiglio danese per le attività ricreative nella natura e da DANCEE, un programma del Ministero dell'ambiente danese, come parte del Fondo per piccoli progetti.
Il progetto Pliska Trail è stato realizzato in collaborazione con l'Associazione danese degli escursionisti, che ha fornito know-how ed esperienza nella progettazione del percorso. Il progetto è stato sostenuto dallo Small Grant Facility per le ONG, dal Consiglio danese per l'outdoor e da DANCEE, Ministero dell'Ambiente danese.

Pliskina pot - licheni sulle pietre

licheni sulle pietre

Il Carso era considerato un paesaggio brullo, pietroso, sferzato dalle tempeste. Nel corso dei secoli, i boschi di querce e carpini, un tempo vasti, lasciarono il posto ad insediamenti, aree coltivate, pascoli e gran parte del bosco venne utilizzato per legna da ardere e per la costruzione navale. A metà del XIX secolo si iniziarono a realizzare piani per il ripristino delle foreste attraverso il rimboschimento. Il massimo successo lo ottennero con il pino nero, che presto cominciò a diffondersi naturalmente e coprì rapidamente il paesaggio brullo. Oggi i problemi sono esattamente l'opposto, poiché le aree un tempo coltivate stanno diventando nuovamente invase dalla vegetazione a causa del declino dell'agricoltura.

In molti luoghi, nelle vecchie piantagioni di pino nero, si possono ancora vedere i tronchi dei pini neri, sui quali sono presenti insolite tacche una sopra l'altra. Sono le tracce della beccatura o “colata di resina”, molto diffusa sul Carso negli anni del secondo dopoguerra, ma che con la penetrazione del petrolio cadde praticamente nell'oblio. La resina, che contiene colofonia e olio di trementina, veniva utilizzata principalmente come materia prima nell'industria chimica. Se tagli il tronco di un pino nero, la resina fuoriesce dalla ferita. Tuttavia, poiché i canali della resina si intasano rapidamente, sono state necessarie numerose incisioni, che hanno lasciato la resina sull'albero, una sorta di “magazzino” di incisioni. Per il lavoro si usavano attrezzi speciali, raschietti, coltelli da pece, che servivano per tagliare gli alberi. Prima rimuovevano la corteccia e poi tagliavano il tronco. Dalle fessure la resina scorreva lungo una scanalatura di stagno in appositi vasi di terracotta.

Uccello succiacapre a grandezza naturale (Caprimulgus europaeus).

Con l'abbandono dei pascoli tradizionali e del rimboschimento sul Carso sono comparsi estesi boschi di pini e con ciò anche la quantità e la composizione delle specie di uccelli sono cambiate notevolmente. Tra le specie protette non ce n'è nessuna sul Carso che possa vivere nelle pinete chiuse. Laddove i boschi di pini sono intervallati da querce termofile o da boschi misti e macchie di praterie, troviamo alcuni uccelli, tra cui l'interessante fratino o succiacapre. È una specie di uccello notturno che caccia gli insetti nell'aria come fa una rondine durante il giorno. A maggio e nel mese di giugno potremo udire spesso il suo ronzante annuncio, che somiglia all'annuncio del bramour. Mentre fa evoluzioni in volo, sbatte spesso le ali, il che suona come un forte battito di mani. Nidifica sul terreno, mimetizzandosi letteralmente grazie al suo straordinario piumaggio protettivo. Grazie al suo colore protettivo, si accovaccia tranquillamente sul nido, anche quando ci allontaniamo di appena un metro da esso.

Stele con simbolo del percorso Pliskina pot

Stele con simbolo del percorso Pliskina pot

Pliskina pot - gufo reale

Pliskina pot – gufo cornuto

Il grande gufo cornuto (Bubo bubo) Il grande gufo cornuto è il più grande gufo qui presente ed è il più numeroso sul Carso e dintorni. In Slovenia vivono meno di cento coppie di questa specie. Un uccello adulto ha un'apertura alare di quasi due metri e vive in un'area dieci volte più grande di quella coperta dal percorso di Pliska. Nidifica in zone rocciose, solitamente in depressioni rocciose, meno spesso su pendii ripidi. Ha bisogno di molti spazi aperti nelle vicinanze del nido dove può cacciare. Tra i mammiferi le prede più comuni sul Carso sono i ricci, le arvicole e i ratti, tra gli uccelli i tordi, i piccioni e le cornacchie. Viene annunciato principalmente all'inizio della primavera, più spesso a febbraio e marzo, nelle serate calme e calde. Il “woohoo” di un maschio può essere udito fino a due chilometri di distanza in un'atmosfera calma e tranquilla. Poiché sul Carso vivono fino a 15 coppie di questi gufi, qui avremo molte occasioni di ascoltarli.

Linee elettriche pericolose – Uno dei maggiori pericoli per un gufo sono le linee elettriche. Poiché caccia con l'aiuto degli steli e con l'osservazione del terreno, spesso si siede sui pali elettrici, da dove ha una visuale migliore che dagli alberi. A causa della sua vicinanza ai conduttori elettrici e delle sue dimensioni, le scosse elettriche sono comuni. Dato che caccia di notte, quando i poli sono umidi, il salto della scintilla è tanto più facile. L'elevato tasso di mortalità del Bucero maggiore e di altre specie più grandi verrebbe significativamente ridotto da semplici misure come gli isolatori rivolti verso il basso o i cappucci isolanti mostrati nei disegni sopra.

Pliskina pot - il sentiero

Pliskina pot – il sentiero

Vegetazione

Vegetazione

Kosovelje

Kosovelje

Benvenuti a Kosovelje! Il villaggio Kosovelje è il primo o l'ultimo nel comune di Sežana, poiché si trova proprio al confine con il comune di Komen. Il villaggio ha un fascino speciale e ti attira con la sua lontananza. Non si arriva qui per caso, bisogna lasciarsi condurre qui. La storia del paese risale al periodo prima dell'Impero Romano, il territorio del paese ha avuto un ruolo importante anche durante la prima guerra mondiale, quando a nord del paese correva la ferrovia militare tra Dutovlje e Kostanjevica sul Carso. del villaggio, a sud si trovava un ospedale polacco con 200 letti, di cui resta testimonianza ancora oggi il resto della cappella militare. Nelle vicinanze dell'abitato si trovano prevalentemente garighe carsiche sterili e boschi di pino nero, delimitati da muretti a secco carsici e rappresentano un elemento tipico del paesaggio carsico.
La pista ciclabile tra Sežana e Komno è stata realizzata nell'ambito del progetto GEOMOB – Collegamenti ciclistici regionali sul Carso, cofinanziato dalla Repubblica di Slovenia e dall'Unione Europea dal Fondo europeo di sviluppo regionale. Lo scopo del progetto GEOMOB è quello di incrementare e potenziare le infrastrutture per la mobilità sostenibile nell'area del Carso e di migliorare le condizioni del traffico e della ciclabilità. La pista ciclabile principale collega Sesana e Komen ed è lunga 19,9 km. Davanti a Komno partono altre tre diramazioni ciclabili – verso Volčje Grad, Tomačevica e Kobjeglava – per una lunghezza totale di 7,3 km. Pedalare attraverso il paesaggio carsico non è solo una forma di mobilità sostenibile e relax, ma porta anche alla scoperta indimenticabile di storie culturali e e all'ammirazione di diverse bellezze naturali. Il paesaggio carsico è tra le aree più ricche d'Europa di specie vegetali e animali e uno degli hotspot di biodiversità nel mondo.

Targa: Via vignalis - via del vigneto
tracciato dell'antica strada romana

Targa: Via vignalis – via del vigneto
tracciato dell'antica strada romana – Da notare il simbolo dell'alabarda

zona di sosta con panchina in pietra

zona di sosta con panchina in pietra

casetta dei pastori (hiška)

casetta dei pastori (hiška)

Una serra lungo il percorso

Una serra lungo il percorso

Il monte Lanaro, da versante sloveno

Il monte Lanaro, da versante sloveno


SCARICA L'OPUSCOLO IN LINGUA INGLESE »


Condividi
Per poter migliorare e aggiungere contenuti di qualità riguardanti la nostra amata Trieste, puoi effettuare una donazione, anche minima, tramite Paypal. Ci sarà di grande aiuto, grazie!

You may also like...

Almanacco News