Casino bonus senza deposito non AAMS possono ottenere nuovi giocatori e giocatori abituali.
 

Presepi sloveni al Vaticano

A Roma, nelal Città del Vaticano, tra gli oltre 120 presepi provenienti da 22 paesi, ci sono anche tre presepi sloveni

In serata Piazza San Pietro in Vaticano è stata illuminata dalle di Natale. Durante la cerimonia, alla quale ha partecipato un gran numero di visitatori, sono state accese le luci sull'abete, sotto il quale campeggia il presepe centrale. L'illuminazione natalizia decorerà la piazza fino al 7 gennaio.

presepi sloveni Vaticano Roma

Quest'anno l'abete alto 30 metri è stato portato dal Piemonte. Dopo le feste, l'albero verrà inviato ad un'azienda che utilizzerà il suo legno per realizzare giocattoli per bambini, che verranno poi distribuiti dalla . “Sono gesti di rispetto e di gratitudine per i doni di Dio”, ha detto Papa Francesco , accogliendo la delegazione piemontese.

Questa volta il presepe rende omaggio all'800° anniversario del primo presepe, fatto erigere da Francesco d'Assisi in una grotta vicino a Greccio. Quelli di quest'anno sono stati realizzati proprio al posto dei primi nella diocesi di Rieti, a nord di Roma. La loro pianta rappresenta, tra l'altro, quattro santuari francescani della valle.

Presepi sloveni di Celje, Ptuj e Mala Polana

Venerdì pomeriggio è stata inaugurata in piazza anche la tradizionale mostra dal titolo 100 presepi. L'evento, con quasi mezzo secolo di tradizione, viene preparato da più di vent'anni, con una costante partecipazione slovena. Quest'anno alla mostra saranno presenti tre presepi sloveni.

“Un presepe può riflettere una delle tante tradizioni del mondo, può essere fatto di viti o includere la macchina da cucire di una nonna. Un gruppo venezuelano ha salvato figure di ceramica rotte durante un volo attraverso l'Atlantico. Abbiamo incontrato anche Giuseppe Altamura di Bari , che quest'anno è tornato alla mostra per la quinta volta, ogni volta con un allestimento nuovo, ogni volta fatto con la pasta”, ha riferito per Radio Slovenia il corrispondente da Roma Janko Petrovec .

La mostra si è tenuta su iniziativa privata in Piazza del Popolo per ben quattro decenni, ma cinque anni fa è stata spostata in Vaticano. Ora se ne occupa il Dicastero per l'Evangelizzazione, ovvero il sacerdote Christian Chira . “Guardando i presepi conosciamo le persone. Quest'anno abbiamo qui più di 120 presepi provenienti da 22 paesi”, spiega.

Elizabeta Kirn dell'Ambasciata presso la Santa Sede descrive da dove provengono i presepi sloveni: “Ecco Barbara Dimec di Celje, che ha un presepe fatto di pasta, Peter Gojkovič di Ptuj lo ha fatto con tiglio sloveno, e la terza è la cooperativa Pomelaj da Mala Polana.”

Martina Friškič è tra i vivaisti del Prekmurje che hanno portato personalmente il loro prodotto a Roma e l'hanno installato : “Il disegno è fatto di litchi, abbiamo usato anche rafia e muschio, e il presepe è fatto di ramoscelli di salice”.

Anche questa mostra resterà aperta fino alla fine delle vacanze.


Leggi anche » Sicurezza digitale: quali sono i piani degli hacker per il 2024?


Condividi

You may also like...

Almanacco News