Triestini turisti mordi e fuggi in Austria, pochi pernottano

I confini con l’ sono stati riaperti dopo la crisi del coronavirus circa due settimane fa. Mentre i vacanzieri provengono sempre più dalla vicina Germania, i turisti triestini e friulani che decidono di pernottare si fanno ancora attendere

Gite di un giorno sì – pernottamenti no, ecco come si sono comportati i visitatori della dalle regioni vicine della Slovenia e del Friuli Venezia Giulia nelle prime settimane dopo l’apertura del confine, ha dichiarato Wolfgang Kuttnig, presidente della divisione per il e la gestione del tempo libero nella Camera di commercio della Carinzia.

“Quello che vediamo è che abbiamo ancora pochi ospiti dai paesi vicini che decidono di pernottare in Carinzia. Tuttavia, prevediamo che Ferragosto porterà un forte afflusso dalle regioni italiane vicine, che porterà inevitabilmente ad un aumento delle prenotazioni alberghiere”.

La Kärnten Therme vive soprattutto del turismo proveniente dal FVG

Disponibili le prenotazioni per l’Avvento
L’afflusso di vacanzieri è ancora gestibile nel centro di Villach, ha affermato Claudia Boyneburg-Spendier, portavoce degli hotel del centro di Villach: “Certo, prevediamo che gli italiani diminuiranno in estate, perché anche l’Italia è diventata molto cauta e trascorrono le vacanze principalmente nel proprio paese. Ma abbiamo già prenotazioni per l’Avvento.”

Dopo la crisi del virus, le esigenze di sicurezza degli ospiti italiani erano particolarmente elevate. Un numero consistente di informazioni sull’igiene e sulle misure di protezione verrà ricevuto prima della prenotazione. Boyneburg-Spendier sostiene che gli italiani ora hanno perso la “leggerezza” che da sempre gli ha contraddistinti. Ora sono diventati esigenti e attenti.

Ai triestini e ai friulani piace fare nuovamente acquisti a Villach, ma solo in giornata

Lo shopping gioca un ruolo importante tutto l’anno. “Shopping senza confini” è il motto del centro commerciale Atrio di Villach, dove ora si possono vedere sempre più targhe straniere nel parcheggio, secondo il direttore Richard Oswald: “Dall’apertura dei confini, abbiamo notato quanti, di nuovo sloveni e italiani di nuovo vengono da noi. Si migliora di settimana in settimana e ne siamo molto, molto felici ”.

La Kärnten Therme, che aprirà la prossima settimana, conferma anche alcune richieste degli ospiti italiani. Perché anche i temi del benessere e della salute svolgono un ruolo importante per loro durante un soggiorno in Carinzia, secondo il centro termale di Warmbad. Tuttavia, invece dei soliti 1.000, nei bagni termali sono ammessi solo 500 bagnanti. All’ingresso la temperatura corporea viene misurata senza contatto con una termocamera.

Regole rigorose sui treni da e per l’Italia

Nel frattempo ÖBB ha ripreso il suo traffico ferroviario verso l’Italia e la Slovenia, ma a nuove condizioni. Solo la metà della capacità disponibile può essere utilizzata per viaggi in Italia, al fine di mantenere la distanza di sicurezza nei convogli.

Reinhard Wallner, direttore regionale, ha dichiarato: “Esiste un sistema di prenotazione obbligatoria dei posti, in particolare MICOTRA, che è molto popolare tra i nostri clienti – per i viaggi in bici verso la Valle del Canale, verso Venzone, Udine. Il secondo problema è che la protezione della bocca e del naso deve ancora essere adottata sul treno. Il terzo punto è che anche i disinfettanti devono essere resi disponibili”.

Dalla stazione ferroviaria principale di Villach, i pendolari viaggiano normalmente verso il Friuli Venezia Giulia, ma stanno aumentando le escursioni di piacere.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...