Slovenia, ventilata ipotesi di chiusura confini – Croazia introduce controlli

Riunioni di a Lubiana e a Roma a causa del nuovo
È stata convocata una commissione parlamentare per la salute e si terrà un incontro con i dirigenti degli ospedali.
A causa del focolaio di infezioni da coronavirus nella vicina Italia, una commissione parlamentare per la salute si riunirà a Lubiana, i sindaci dei comuni sloveni dell’Istria si incontreranno a Capodistria e un incontro dei ministri della sanità dei paesi vicini avrà luogo a Roma.

A causa dello scoppio delle infezioni da coronavirus in Italia, il Ministero della Salute stima che la possibilità di questo virus in sia elevata. Pertanto, i membri del Comitato Sanitario Nazionale saranno informati dai rappresentanti del Ministero della Salute e dell’Istituto Nazionale di Sanità Pubblica, nonché da altre persone competenti, con informazioni sullo stato attuale e misure preventive in fase di attuazione o in fase di attuazione.

A causa delle misure straordinarie adottate dall’Italia nel fine settimana della diffusione del nuovo coronavirus, rappresentanti dei servizi sanitari competenti e di altri servizi si incontreranno oggi presso il Comune di Capodistria su iniziativa dei sindaci dei comuni sloveni. Lo scopo della riunione è rivedere le procedure esistenti per gestire la possibile insorgenza di coronavirus nel territorio dell’Istria slovena e concordare l’adozione di misure preventive nei singoli settori di attività.

Oggi si terrà a Roma l’incontro dei Ministri della Sanità dei Paesi limitrofi convocato dal governo italiano a causa della diffusione del coronavirus. L’incontro, a cui parteciperà anche il ministro sloveno Ales Sabre , discuterà di ulteriori misure per frenare il nuovo coronavirus.

Una missione internazionale di esperti per valutare la situazione sarà inviata anche in Italia, dove il focus delle infezioni da coronavirus è in Lombardia. Le stime esistenti suggeriscono che il rischio di focolai in altri paesi dell’UE è da moderato a elevato.


La ha annunciato un rafforzamento dei controlli sanitari ai valichi di frontiera con la Slovenia. Quarantena anche nelle caserme vicino al confine con la Slovenia?
Secondo la RAI, uno dei campi di quarantena sarà allestito nella caserma a Lazaretto, vicino al confine con la Slovenia. Coloro che potrebbero essere in contatto con i malati dovrebbero essere accettati lì.

Sebbene non siano stati ancora rilevati casi di nuova infezione da coronavirus in Friuli-Venezia Giulia, domenica 1 marzo saranno prese misure di emergenza. Gli asili, le scuole primarie e secondarie e i musei sono chiusi. Vengono annullati eventi culturali e sportivi, nonché cerimonie religiose e funerali.

Misure simili erano già state introdotte a Venezia , Emilia-Romagna , Lombardia e Piemonte pochi giorni fa, dove le autorità lì hanno adottato una misura per chiudere scuole, pub e altri luoghi pubblici e cancellato tutti gli eventi sportivi.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...