Casino bonus senza deposito non AAMS possono ottenere nuovi giocatori e giocatori abituali.
 

Presentato Se.Me. progetto che unisce performance teatrale e tutela dell’ambiente

Dal 23 agosto a dicembre 2023 – Presentato “Se.Me.”, progetto che unisce performance teatrale, tutela dell'ambiente e saperi antichi

se.me. sentieri della memoria

Il progetto curato da BRAT e Hombre Collettivo coinvolgerà otto diverse località del Friuli Giulia, sottolineando l'importanza dell'azione individuale nel contesto dello sviluppo comunitario


FVG – Si è svolta nella giornata di martedì 25 luglio, nella sede udinese della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, la conferenza stampa di presentazione del progetto “Se.Me.” Sentieri della Memoria, a cura delle compagnie BRAT e Hombre Collettivo (Claudio Colombo, Agata Garbuio, Angela Forti, Riccardo Reina, Aron Tewelde, con la collaborazione di Marco Gnaccolini): progetto performativo e di ricerca che affronterà, da agosto e per tutto il 2023, la tematica ambientale, sottolineando l'importanza dell'azione individuale nel contesto dello sviluppo comunitario.

se.me. sentieri della memoria

“Se.Me.” realizzato con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, bando Ripartenza Cultura e Sport, in partenariato con numerosi enti pubblici e privati – trae spunto dal celebre racconto di Jean Giono, “L'uomo che piantava gli alberi”: una metafora di speranza e di responsabilità verso il . L'iniziativa si svilupperà in otto diverse località del Friuli Venezia Giulia, tra le province di Udine (con Porpetto, le Valli del Natisone e Udine), Pordenone (Piancavallo, Azzano Decimo, Cordenons e Pordenone) e Gorizia, fino a valicare il confine sloveno con un appuntamento in programma al Monastero di Castagnevizza di Nova Gorica. Attraverso performance, laboratori e interviste, il progetto mira a creare una mappa culturale della regione, dando nuovo risalto a tradizioni e memorie a rischio d'estinzione, e promuovendo un network di relazioni tra gli enti che si occupano attivamente di tematiche ambientali in Friuli Venezia Giulia.

«Ritengo questa iniziativa particolarmente meritevole, proprio perché indaga la memoria del passato ascoltando gli anziani, per presentarla al presente. Sappiamo che non c'è futuro se ci si dimentica delle esperienze del passato, anche nella visione politica, – ha dichiarato in un video messaggio il Vicepresidente e Assessore regionale alla cultura e allo sport, Mario Anzil – questo ci può dare degli spunti per comprendere come la società sta evolvendo. La Regione testimonia il plauso nei confronti di queste iniziative volte a recuperare e conservare anche la piccola memoria quotidiana delle genti, anche semplici, del passato». 

«Con questo progetto vogliamo affrontare alcune tematiche che per noi non sono solo urgenti, ma improrogabili. Tematiche che a volte, per paradosso, vediamo trasformarsi in alibi per non agire, rassegnandosi ad aver raggiunto il punto di non ritorno. Ma se il punto di non ritorno è superato, allora che senso ha agire, cosa può fare un singolo individuo? Dalla narrativa di Giono abbiamo capito che forse le risposte diventano possibili, se si pongono in modo diverso le domande. Abbiamo ritrovato la fiducia, sofferta, conquistata palmo a palmo, nella forza dei piccoli gesti. I gesti sono sempre individuali, ma non necessariamente solitari. Le individualità, da sole, quando si sentono sole, si scontrano, entrano in conflitto. Ma se muta l'intenzione e si rivolge all'altro, il singolo, a piccoli gesti, può comunicare. Può inventare parole e coltivare quelle più antiche. Può costruire strade, ponti, case. Può fare comunità. Può piantare dei semi, che, se germoglieranno, se troveranno il terreno adatto, potranno dare frutti. Che non saranno più del singolo, ma di tutti. Questa è l'idea che tenteremo di restituire ai nostri spettatori tramite un progetto complesso, che si compone di più fasi e si fonda su tecniche e linguaggi teatrali contaminati dalla ricerca etnografica», hanno spiegato Agata Garbuio, di BRAT e Riccardo Reina, regista di Hombre Collettivo.

«Il progetto Se.Me è assolutamente in linea con le attività culturali e turistiche che portiamo avanti dal 2004 nel territorio delle Valli del Natisone e siamo lieti di collaborare alla buona riuscita di una tappa di questo percorso – ha chiarito Antonio De Toni, presidente Pro Loco Nediške Doline – Valli del Natisone APS -. Domenica 27 agosto vi aspettiamo ad Altana, San Leonardo, per farvi conoscere la bellezza dei prati e dei boschi, per rigenerarvi, per riconnettervi con il genius loci, per piantare un seme di cultura e pace tutti assieme».

«Tradizione, scambio generazionale, radici. Non sono solo parole ma concetti profondi che intrecciano la società e l'ambiente in cui viviamo. Come un bosco, in cui le piante adulte e le piante del sottobosco si sostengono in un mutuo scambio di nutrienti, le comunità hanno bisogno di interconnessioni, il progetto Se.Me. ha la valenza di mettere in luce queste connessioni nascoste – ha sottolineato Michele Grego, responsabile del coordinamento dei progetti di Legambiente FVG -. Ma non solo, le principali direttive del progetto intrecciano l'arte e la natura tramite forme di comunicazione e coinvolgimento miste. Al giorno d'oggi la comunicazione assume forme e contorni diversi, facendo dello stesso corpo delle soggettività umane e non un mezzo concettuale, simbolico e performante, nel senso di espressione di capacità, messaggi, e molto altro. Per questo motivo Legambiente FVG sostiene e supporta le iniziative del progetto dando il proprio contributo nell'accompagnare attività come escursioni e laboratori nella natura, incontri e conferenze aperti alla popolazione e nelle scuole e ovviamente nella promozione del progetto».

IL PROGETTO – Le azioni previste dal progetto “Se.Me.” includono in primis interviste e : grazie alla collaborazione con Foenis, Anteas FVG e Auser aps FVG, è stato possibile incontrare le comunità di anziani di Roveredo in Piano, Aviano, Cordenons, Porpetto, Carlino e delle Valli del Natisone, e condurre una serie di interviste sul tema dell'infanzia, del rapporto con la natura e dei giochi “di una volta”. Le registrazioni, oltre a rappresentare un materiale di ricerca basilare nello sviluppo del percorso performativo, diventeranno accessibili online per il Museo Etnografico del Friuli.

ESPERIENZA TEATRALE ITINERANTE – Da agosto il materiale raccolto sarà tradotto in un'esperienza teatrale itinerante in numerosi luoghi naturali della regione. La performance è pensata per accogliere un misto di adulti e bambini in un percorso teatrale accessibile e immersivo, anche grazie all'utilizzo di nuove tecnologie, come le cuffie bluetooth.

LABORATORI – Il programma di “Se.Me” prevede, inoltre, laboratori di giochi “di una volta” aperti a tutti, condotti dal gruppo di lavoro insieme, quando possibile, ai rappresentanti delle comunità di anziani che hanno collaborato, con le loro testimonianze, alla loro riscoperta. Infine, in occasione delle giornate di progetto, i partecipanti potranno incontrare i rappresentanti degli enti locali attivi nella tutela ambientale, che promuoveranno le proprie iniziative sul territorio.

TEATRALE – “Se.Me.” si concluderà a dicembre 2023 con la realizzazione di uno spettacolo teatrale che rielaborerà il materiale raccolto durante il progetto e debutterà, ospite del CSS Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia, al Teatro San Giorgio di Udine il 12 dicembre, alle 21.

SE.ME. – Il progetto “Se.Me.” è realizzato con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Bando Ripartenza Cultura e Sport, in partenariato con Ortoteatro società cooperativa, CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, CTA Centro Teatro Animazione e Figure di Gorizia, Compagnia degli asinelli aps, Museo Etnografico del Friuli, Club Alpino Italiano sezione di Pordenone, Legambiente FVG, Pro Loco Nediške Doline – Valli del Natisone APS, Foenis società cooperativa; in collaborazione con Dietro Le Quinte aps, Anteas Associazione Nazionale Tutte le Età Attive per la Solidarietà della Regione Friuli Venezia Giulia ODV, Auser aps FVG, Science Centre Immaginario Scientifico di Pordenone, con il patrocinio di Comune di Pordenone, Comune di Porpetto; media partner PromoTurismo FVG.

IL CALENDARIO

Mercoledì 23 agosto, alle 17 – Porpetto
partenza dall'Arena in Via Don Minzoni
Spettacolo itinerante e laboratorio di giochi
Presentazione del libro “L'alfabeto dei giochi popolari” di Diego Lavaroni
Evento gratuito con prenotazione obbligatoria via mail a sentieridellamemoria@gmail.com

Giovedì 24 agosto, alle 17 – Udine
Partenza dal Teatro Palamostre
Spettacolo itinerante
1 euro, acquistabile online al sito www.cssudine.it

Venerdì 25 agosto, alle 17 – Cordenons
Partenza dal Bosconuovo, raggiungibile da via Molin Brusà
Presentazione delle attività dell'Associazione Naturalistica Cordenonese
Spettacolo itinerante e laboratorio di giochi
Evento gratuito con prenotazione obbligatoria al sito www.ortoteatro.it o telefonicamente al 320 0530007

Sabato 26 agosto, alle 16 – Piancavallo
partenza dall'Infopoint in Via Collalto 1
Presentazione delle attività del CAI – Sezione di Pordenone
Spettacolo itinerante e laboratorio di giochi
Evento gratuito con prenotazione obbligatoria al sito www.ortoteatro.it o telefonicamente al 320 0530007

Domenica 27 agosto, alle 16 – Valli del Natisone
partenza dalla Trattoria “Da Walter”, Frazione Altana 26 (San Leonardo)
Presentazione delle attività della Pro Loco Nediške Doline – Valli del Natisone APS
spettacolo itinerante e laboratorio di giochi in collaborazione con la fattoria didattica “La Casa del Tempo”
Evento gratuito con prenotazione obbligatoria via mail a sentieridellamemoria@gmail.com

Domenica 3 settembre, alle 16 – Torre di Pordenone
partenza dall'Immaginario Scientifico, Via Vittorio Veneto 31, Pordenone
Spettacolo itinerante e laboratorio di giochi, visita all'Immaginario Scientifico
Spettacolo e laboratorio – ingresso gratuito, visita – biglietto unico 4 euro
Prenotazioni via mail a sentieridellamemoria@gmail.com

24 settembre, alle 16 – Azzano Decimo
partenza da Via Saccon 39
Presentazione delle attività della Compagnia degli Asinelli
Spettacolo itinerante e laboratorio di giochi
Biglietto in via di definizione, prenotazione obbligatoria via mail a sentieridellamemoria@gmail.com

5 ottobre – Gorizia e Nova Gorica
alle 10 – spettacolo itinerante e laboratorio, per la scuola primaria
alle 16 – partenza da via della Cappella 7, Gorizia
spettacolo itinerante
visita guidata al Monastero di Castagnevizza
Evento gratuito con prenotazione obbligatoria via mail a organizzazione@ctagporizia.it o telefonicamente 0481 537280 (10-12, 14:30-16:30) o al 335 1753049

26 novembre – Udine, Museo Etnografico del Friuli Venezia Giulia
alle 10:00
Inaugurazione dell'archivio multimediale delle interviste del progetto Se.Me.
Laboratorio di giochi
Presentazione del libro “L'alfabeto dei giochi popolari” di Diego Lavaroni

12 dicembre, alle 21 – Udine, Teatro San Giorgio
Spettacolo teatrale Se.Me. Sentieri della Memoria – Prima nazionale


Il programma aggiornato è disponibile al sito www.compagniabrat.it

Informazioni via mail a sentieridellamemoria@gmail.com o telefonicamente al (+39) 3406096652.

Condividi
Per poter migliorare e aggiungere contenuti di qualità riguardanti la nostra amata Trieste, puoi effettuare una donazione, anche minima, tramite Paypal. Ci sarà di grande aiuto, grazie!

You may also like...

Almanacco News