Casino bonus senza deposito non AAMS possono ottenere nuovi giocatori e giocatori abituali.
 

Il busto imperiale del Ferdinandeo

Nei primi giorni di novembre del 1918 – con il passaggio di Trieste all' – si provvide a far sparire tutte le immagini che potevano ricordare il passato . Si è miracolosamente salvato dalla distruzione il busto dell'Imperatore Ferdinando I che, tra “Giustizia e Gloria”, guarda la città dall'alto del “Ferdinandeo”. L'edificio che prende nome dal sovrano, venne a lui intitolato quale riconoscimento della cittadinanza allorquando Ferdinando I, durante la sua visita a Trieste nel 1844, donò tutta la zona del al Comune.

statua Ferdinandeo Trieste

A costruire “l'edificio del piacere” – così veniva pomposamente soprannominato l'albergo “Ferdinandeo”- fu chiamato l'architetto Federico Hitzig coadiuvato, per la parte scultorea, dall'artista Francesco Cameroni. La lapide affissa sotto il marmoreo ricorda la donazione imperiale. Il Ferdinandeo è a due piani, con una pianta ad “U” e la facciata centrale è compresa tra due torrette. Sul bordo della terrazza c'è una balaustra ornata da un gruppo scultoreo dell'artista Cameroni costituito da due figure femminili, rappresentanti Giustizia e Gloria, reggenti una ghirlanda con al centro il busto di Ferdinando I, con l'iscrizione “Recta Tueri” il motto dell'imperatore e un'epigrafe latina che commemora il del alla cittadinanza. L' probabilmente sfuggì all'”epurazione” per ignoranza degli iconoclasti, che non la riconobbero, decretandone in tal modo la sua sopravvivenza.

Condividi
Per poter migliorare e aggiungere contenuti di qualità riguardanti la nostra amata Trieste, puoi effettuare una donazione, anche minima, tramite Paypal. Ci sarà di grande aiuto, grazie!

You may also like...

Almanacco News