Vertice sloveno-croato: Andrej Plenković: “le zone costiere sono al sicuro”

I primi ministri di Slovenia e Croazia, Janez Janša e Andrej Plenković, si sono incontrati a Otočec. Al primo incontro personale, hanno parlato della lotta congiunta contro il e hanno concordato una cooperazione ancora più stretta tra i due paesi.

Dopo l’incontro di lavoro, il portavoce del governo Jelko Kacin ha scritto su Twitter che “la parte croata avverte che nelle zone costiere, dove i turisti trascorrono le vacanze, hanno 10 per 100.000 abitanti e dovrebbero essere al sicuro (verde) secondo i criteri prestabiliti. E una percentuale molto più alta di infetti si trova a Zagabria e in Slavonia, il che rovina l’immagine dell’intero paese”.

Oggi il governo croato ha reintrodotto l’uso obbligatorio delle maschere nei bar e nei negozi, e questo era già attivo con i trasporti pubblici.

Un accordo su una cooperazione ancora più stretta
Come ha detto Janša alla conferenza stampa dopo i colloqui, si sono scambiati informazioni sul quadro epidemiologico in entrambi i paesi e sulle misure che i due paesi hanno già adottato o prenderanno per rendere la vita il più normale possibile durante la stagione turistica. Ha inoktre sottolineato che gli esperti epidemiologici di entrambi i paesi hanno scambiato preziose informazioni e ora hanno concordato contatti quotidiani ancora più stretti. “Siamo tutti consapevoli che in questa situazione e in questo momento solo le azioni coordinate possono dare frutti”, ha aggiunto.

Janša ha accolto con favore le misure adottate dalla Croazia alle frontiere esterne dell’Unione europea per contenere il virus e le informazioni secondo cui la Croazia stava anche preparando una domanda per tenere traccia delle infezioni. Secondo Janša, tale applicazione è “uno degli strumenti chiave che può consentire alle persone in questi tempi di nuova normalità di svolgere le proprie mansioni lavorative e di trascorrere le vacanze il più possibile” . Plenković annunciò che l’applicazione sarebbe stata pronta tra dieci giorni.

Janša ha anche espresso soddisfazione per il fatto che il turismo non è una delle attività più pericolose per diffondere la nuova infezione da .

Questo è stato il primo incontro bilaterale diretto tra i primi ministri Janša e Plenković, ma si sono recentemente ascoltati più volte al telefono in relazione alla pandemia di covid-19. La situazione relativa al coronavirus in Croazia è peggiorata nelle ultime settimane, con 116 nuove infezioni confermate il giorno scorso, il più dall’inizio dell’epidemia. A causa dell’aumento delle infezioni, la Slovenia sabato ha rimosso la Croazia dalla lista verde dei paesi epidemiologicamente sicuri da cui è possibile entrare senza restrizioni.

Janša e Plenković hanno dedicato l’incontro alla lotta contro il coronavirus. “Oggi non abbiamo aperto altri argomenti, perché mi sembra che ci siano argomenti che possono aspettare e ci sono argomenti che non possono aspettare. Oggi abbiamo affrontato questi ultimi”.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...