Un successo la Notte dei Ricercatori al Porto Vecchio – Tutte le foto

Notte Europea dei Ricercatori 2022
La prima Notte dei Ricercatori nel Porto Vecchio
Grande partecipazione a SHARPER Trieste, che per la prima si è svolta al Magazzino 26, venerdì 30 settembre.

Trieste, 1 ottobre 2022 – Una Notte dedicata alla scienza, nel ricordo di Piero Angela, punto di riferimento ed elemento di connessione fra i mondi della comunicazione, della ricerca e della scuola: SHARPER, la Notte Europea dei Ricercatori si è svolta anche a Trieste, per la prima volta nel Porto Vecchio, all’insegna del dialogo aperto fra ricercatori e cittadini.

Promosso dalla Commissione Europea, l’evento si è svolto in contemporanea in centinaia di città. A Trieste la Notte, nell’ambito del progetto SHARPER, è stata organizzata dall’Immaginario Scientifico, con l’Assessorato alle Politiche dell’Educazione e della Famiglia del Comune di Trieste e gli enti scientifici di della Conoscenza.

Sono stati apprezzatissimi dal pubblico i tanti appuntamenti organizzati fra le 16.00 e le 23.00 all’Immaginario Scientifico e alla Sala Luttazzi, tutti finalizzati a far sì che il pubblico di tutte le età potesse incontrare le ricercatrici e i ricercatori che ogni giorno lavorano negli istituti scientifici della città.

Molta soddisfazione nel vedere una larga partecipazione delle scuole: sono stati oltre 800 gli studenti, dalle dell’infanzia alle secondarie, che hanno partecipato agli eventi a loro dedicati per tutta la settimana, avendo modo di ospitare i ricercatori direttamente in classe, collegandosi con l’Antartide o scoprendo grazie agli spettacoli personaggi come Rosalind Franklin e Paolo Budinich. Lo spettacolo dedicato a quest’ultimo, padre fondatore del sistema scientifico triestino, è stato anche l’occasione per riflettere sul ruolo della scienza come strumento di pacificazione e integrazione.

Il programma di SHARPER per le non si esaurisce il 30 settembre. Grazie a Researchers@School, le attività proseguiranno per l’intero anno scolastico. Anche la mostra Terremoti d’Italia resterà visitabile sia per il pubblico che per le scuole fino all’8 ottobre. Tutte le info sono su www.sharper-night.it

Nonostante le condizioni climatiche avverse, il pubblico ha partecipato numeroso alle attività al Magazzino 26, che è stato possibile raggiungere anche grazie al bus navetta che ha traghettato i visitatori dal centro città. Apprezzatissimo anche il punto ristoro a di Cemut..

I visitatori hanno potuto scegliere fra incontri, giochi, laboratori, spettacoli e dimostrazioni, sui temi come il cambiamento climatico, sviluppo sostenibile, salute dei mari e del pianeta, alimentazione, neuroscienze, città intelligenti, stelle e pianeti. Fra questi tantissimi sono stati anche i bambini e ragazzi che hanno preso parte alle attività e che hanno poi continuato a curiosare fra le diverse postazioni allestite al museo.

Gli istituti di ricerca di della Conoscenza sono riusciti nell’intento di uscire dai laboratori che costellano la nostra città per raggiungere i cittadini, creare con loro un contatto diretto, condividere i loro progetti e ascoltare le loro domande.

Serena Mizzan, direttrice dell’Immaginario Scientifico: “È sempre emozionante sentirsi parte di una rete, di un sistema, di evento corale che valorizza la ricerca scientifica, la condivisione della conoscenza e la diffusione di strumenti utili ai cittadini per sviluppare spirito critico. SHARPER quest’anno a Trieste ha illuminato anche il Magazzino 26, dove l’Immaginario Scientifico già da due anni accoglie migliaia di visitatori curiosi di scienza”.

SHARPER Trieste è stato un lavoro di squadra: 15 partner e 14 collaborazioni, parte del più grande progetto nazionale che, coordinato dalla società di comunicazione scientifica Psiquadro vede la partecipazione di 11 partner, fra cui l’Immaginario Scientifico, e oltre 200 enti culturali e istituti di ricerca. Oltre 1.000 iniziative tra eventi in presenza e attività online, in un programma composito, multidisciplinare e multicanale che si ispira alle cinque Missioni previste in Horizon Europe relative alle sfide chiave per il futuro europeo e globale. In tal senso è stata significativa la Maratona online, evento ormai diventato parte integrante dei programi di SHARPER, che ha visto le città coinvolte dare vita a un vero e proprio palinsesto della comunicazione scientifica.

SHARPER a Trieste è coordinato dall’Immaginario Scientifico e vede la partecipazione di: Comune di Trieste, Area Science Park, Collegio Universitario Luciano Fonda, Elettra Sincrotrone Trieste, ICGEB-International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology, ICTP-The Abdus Salam Internationale Centre for Theoretical Physics, INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste, INFN-Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Trieste, CNR-IOM-Istituto Officina dei Materiali, Istat-Istituto Nazionale di Statistica, OGS-Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale, SISSA-Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati, UNESCO TWAS-The World Academy of Sciences, Università di Trieste e WWF Area Marina Protetta di Miramare.

Collaboratori: EUROPE DIRECT Trieste, Dipartimento della Protezione Civile nazionale, Polizia di Stato, Protezione Civile della Regione Autonoma FVG, CNR-ISMAR Progetto BluNight, LARES Italia, Marevivo, Museo Civico di Storia Naturale, PNRA-Programma Nazionale di Ricerche in Antartide, Science Industries, SiS FVG, Welcome Office FVG.

Contributo di: Fondazione Benefica Kathleen Foreman Casali.


SHARPER è uno dei 7 progetti italiani, sostenuti dalla Commissione Europea, per la realizzazione della Notte dei Ricercatori nel 2022 e 2023, nell’ambito delle azioni Marie Skłodowska Curie (https://www.nottedeiricercatori.it).

Il progetto è coordinato dalla società di comunicazione scientifica Psiquadro, in collaborazione con un consorzio che comprende l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – INFN, cinque Università: l’Università Politecnica della Marche, l’Università di Cagliari, l’Università di Catania, l’Università di Palermo, l’Università di Perugia, il science centre Immaginario Scientifico, l’associazione Observa Science in Society.


foto di Luca Valenta:

notte europea dei ricercatori Sharper

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...