Quarantena in Slovenia, emerge disparità di trattamento tra regolari e irregolari – Italia rinforza controlli ai confini

In un quadro internazionale delicato, dove dalle zone “rosse” dei Balcani arrivano non solo stranieri regolari, ma pure quelli irregolari, in ci si interroga sulle disparità di trattamento in tra queste due categorie. Di regola, gli stranieri sono alloggiati in aree comuni, indipendentemente dalle loro condizioni di salute e dall’ora di arrivo al centro per gli stranieri o altre circostanze.

La situazione sta scoppiando

I dipendenti del Centro per stranieri di Postumia hanno avvertito la direzione della polizia di una situazione insopportabile a causa del pericolo di una potenziale infezione di coronavirus. Negli ultimi giorni, la situazione per la sicurezza e la salute, dovuta principalmente al graduale aumento del numero di pazienti nei Balcani occidentali, da cui proviene la stragrande maggioranza degli stranieri che vivono nel centro, si è nuovamente deteriorata, avvertono.

Il 18 giugno il governo sloveno ha adottato un decreto che aggiunge la Bosnia-Erzegovina, la Serbia e il Kosovo all’elenco dei paesi con un quadro epidemiologico peggiorato. Questi sono i paesi della cosiddetta rotta balcanica, attraverso la quale viaggiano la maggior parte dei migranti illegali, che intendono entrare nella Repubblica di Slovenia e continuare il viaggio verso altri paesi dell’UE.

Perché i migranti non sono soggetti a quarantena?

“È preoccupante che gli stranieri – immigrati clandestini – non siano soggetti alla misura di quarantena istituita dal decreto su tutti gli stranieri e i cittadini della Repubblica di Slovenia che ritornano nella Repubblica di Slovenia dai paesi della lista rossa. Non vivono in locali idonei, che sarebbero destinati all’isolamento o alla quarantena per 14 giorni, perché gli stranieri appena arrivati ​​sono sempre alloggiati in questi stessi locali insieme a stranieri già alloggiati – migranti illegali “, hanno scritto nell’invito all’ispettorato.

Secondo loro, tale trattamento di stranieri, immigrati clandestini, non è solo discriminatorio nei confronti di altri stranieri o cittadini sloveni, ma è particolarmente pericoloso a causa della protezione e della salute degli agenti di polizia e dei dipendenti del centro per gli stranieri che vengono con loro quotidianamente in contatto. “Pertanto, è praticamente impossibile contenere e controllare o prevenire la diffusione di infezioni”, osservano.

Secondo loro, a causa del mancato rispetto delle norme sulla residenza nel centro per stranieri, il rischio di agenti di polizia o dipendenti per infezione è di nuovo in aumento. Secondo loro, al fine di garantire la protezione e la salute degli agenti di polizia e dei dipendenti, l’Unione di polizia della Slovenia è tenuta a invitare le istituzioni competenti “a rispettare il decreto e le regole di cui sopra e con l’obiettivo di frenare e controllare con successo l’epidemia”. immagine, da collocare in locali speciali (isolati) e fornire una quarantena obbligatoria di 14 giorni ” .

MOTIVI SCONOSCIUTI

Secondo le informazioni ricevute dal Sindacato della Polizia della Slovenia da agenti di polizia o dipendenti del centro, queste misure non vengono attuate per motivi sconosciuti. Di norma, gli stranieri sono alloggiati in aree comuni, indipendentemente dal loro stato di salute e dall’ora di arrivo al centro per gli stranieri o altre circostanze.

L’ITALIA RAFFORZA I CONTROLLI AI CON LA SLOVENIA

A causa del crescente numero di migrazioni illegali dalla Slovenia verso l’Italia, il governo di Roma ha annunciato che avrebbe inviato un ulteriore contingente di soldati in Friuli-Venezia Giulia al confine con la Slovenia, ha affermato la senatrice Tatjana Rojc . In tal modo, risponderanno all’appello delle autorità provinciali secondo cui è necessario controllare meglio i valichi di frontiera più piccoli con la Slovenia.

ieri il senatore ha incontrato il ministro degli Interni italiano Luciana Lamorgese, che ha presentato i piani del governo per aumentare il numero di truppe al confine con la Slovenia. Il governo di Roma sta monitorando da vicino gli sviluppi nell’Italia nord-orientale e vuole rafforzare la cooperazione con la Slovenia nella lotta contro i trafficanti, ha assicurato il ministro, secondo l’agenzia di stampa austriaca APA.

A causa di controlli più severi nell’area di Trieste e Gorizia, sempre più migranti arrivano in Italia con l’aiuto dei trafficanti ucraini attraverso valichi di confine più piccoli e meno conosciuti nell’area di Udine e di Trieste. I migranti vengono trasportati in Italia da piccoli autobus, camper o camion.

In una lettera al governo italiano della scorsa settimana, le autorità del Friuli-Venezia Giulia hanno chiesto “un’azione rapida e mirata” per fermare il passaggio dei migranti dalla Slovenia all’Italia. Si prevede che il loro numero aumenterà drasticamente nelle ultime settimane e in FVG aumenta la preoccupazione per la possibile diffusione del virus a macchia d’olio.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento