Casino bonus senza deposito non AAMS possono ottenere nuovi giocatori e giocatori abituali.
 

Paura per l’Ucraina anche in Carinzia, razzo russo esplode vicino a stabilimento austriaco

L'attacco della Russia all'Ucraina colpisce anche molte persone in Carinzia. Dipendenti di aziende locali con sedi in Ucraina, parenti di ucraini che vivono in Carinzia. Stanno tutti cercando di comunicare tra loro e sono molto preoccupati per la situazione.

Il Console Onorario dell'Ucraina a Klagenfurt, Nils Grolitsch, è attualmente impegnato a trovare una soluzione. È una situazione di crisi, il suo telefono squilla costantemente. È una giornata nera per l'Ucraina e c'è molto da organizzare, ha detto brevemente.

Anche lo spazio aereo sopra l'Ucraina non è più sicuro, l'AUA ha interrotto i dell'Ucraina. Secondo la Camera di commercio, circa 200 aziende austriache hanno un punto d'appoggio in Ucraina e molte anche dalla Carinzia.

Un esempio che vale per tutti mostra quanto siano sofferenti le persone in Carinzia dopo l'attacco russo all'Ucraina. Un ucraino residente in Carinzia che era solo a casa e che voleva rilasciare un'intervista all'ORF, ha deciso di annullare l'appuntamento per paura di ritorsioni.

Waltraud Tomaschitz ha un altro problema: si trova a Klagenfurt in un magazzino con forniture di soccorso per l'Ucraina. Il trasporto delle programmato all'inizio di marzo probabilmente non sarà in grado di proseguire il . L'aiuto all'Ucraina da parte della provincia austriaca confinante esiste da 20 anni e ogni anno inviano fino a otto camion con merci di tutti i tipi.

Anche la Croce Rossa si sta preparando, si tratta anche di soldi per sostenere l'organizzazione di soccorso ucraina per cibo, acqua e cure mediche per la popolazione. Qui le persone stanno già pensando ad un ulteriore passo avanti per aiutare possibili paesi alternativi per gli ucraini in fuga, come la Slovacchia. Migliaia di persone stanno cercando di lasciare il Paese.

L'unica cosa che può aiutare ora, se i politici già non riescono a trovare soluzioni attraverso i canali diplomatici, sono raccolte fondi come quella di Waltraud Tomaschitz. A Klagenfurt, insieme ai volontari, prepara tutto per il prossimo trasporto umanitario in Ucraina. “Mandiamo molte cose per bambini. È davvero brutto ora in questa situazione. Speriamo che arrivino ancora”, dice Tomaschitz.

Quasi 200 aziende austriache hanno una filiale in Ucraina. L'azienda carinziana Hirsch Servo AG, che produce materiali isolanti, ha anche uno stabilimento nel sud di Kiev, in Ucraina. “Personalmente mi colpisce molto. In mattinata sono stato informato dal nostro manager ucraino che c'erano stati attacchi. Il nostro stabilimento si trova a Cherkasy, a circa 220 chilometri da Kiev. Ci lavoriamo da tre anni. Naturalmente, i dipendenti sono rimasti tutti a casa. Un deposito di munizioni vicino al nostro stabilimento è stato colpito da un razzo”, afferma l'amministratore delegato Harald Kogler.

“Abbiamo anche in Polonia, Slovacchia e Ungheria, dove abbiamo molti lavoratori migranti ucraini. Siamo anche in contatto con loro e chiediamo se possiamo aiutare. La maggior parte di loro vuole andare a casa e combattere. È stato incredibile e sorprendente per me”, afferma Kogler.

Carinzia Ucraina paura

Condividi

You may also like...

Almanacco News