Imponente manifestazione a Capodistria per tornare a scuola – Zoom ormai odiato

manifestazione Koper Capodistria

Ennesima protesta per aprire le . Un gran numero di persone si è riunito a ma pure a Portorose. La maggior parte delle scuole primarie inizierà le lezioni lunedì, ad eccezione delle scuole e degli asili nelle regioni epidemiologiche nere.

Su iniziativa dei genitori, diffusa sui social, centinaia di genitori con i loro figli e altri manifestanti si sono riuniti questa mattina a Capodistria, nonostante il maltempo.

Il disaccordo con la decisione del governo di sospendere le lezioni nelle scuole per la prima triade di studenti lunedì è stato espresso con una serie di striscioni con la scritta “I bambini a adesso!” , “Asilo aperto, governo chiuso” e “Vogliamo andare a scuola” . Oltre a questi, sono emersi anche slogan delle proteste antigovernative di venerdì, che esprimono insoddisfazione generale per il lavoro del governo.

Il filo rosso della protesta, però, è stata la chiusura delle scuole. “Questa non è una rivolta, non è una rivoluzione. Questa è una lotta per i diritti fondamentali di tutti noi, in particolare dei nostri figli. Siamo qui oggi per dire un sonoro ‘no’ a distruggere ulteriormente il futuro dei nostri figli, “ha sottolineato un genitore.

Come ha affermato, la chiusura delle scuole avrà conseguenze molto negative sia per i bambini che per le famiglie nel lungo periodo, quindi secondo lui è “giunto il momento che questo finisca in modo che l’epidemia diventi un problema di salute, non politico” .

I bambini stessi per lo più hanno sottolineato come saltano le lezioni a scuola. “È meglio lavorare a scuola che a casa”, ha detto uno degli studenti, mentre un altro ha aggiunto che anche loro mancano di conoscenza poiché ottengono meno materiale. Una delle ragazze presenti, però, ha sottolineato che vorrebbe tornare a scuola perché lì “ci divertiamo, facciamo quello che vogliamo” .

A giudicare dalle chiamate sui social network, una protesta simile è stata organizzata questa mattina davanti alla scuola elementare di Hrpelje dai genitori locali. Un’altra di protesta si è svolta a Portorose, le foto sono sotto.

Già sabato circa 200 persone di Zasavje a Trbovlje hanno preparato una protesta per l’annunciata chiusura delle scuole. La protesta era principalmente finalizzata a una “chiamata alla ragione” nei confronti dei bambini. Pertanto, l’unica richiesta dei manifestanti era che le scuole aprissero.

Intanto lunedì i genitori dei bambini della scuola elementare Tone Okrogar di Zagorje ob Savi annunciano che metteranno le cartelle davanti all’ingresso della scuola tra le 7 e le 10 in segno di protesta quando le scuole saranno nuovamente chiuse. . In questo modo vogliono comunicare che i loro figli meritano la conoscenza.

La maggior parte delle scuole elementari inizierà le lezioni lunedì
Lunedì le scuole delle Regioni Rosse saranno aperte alla prima triade di studenti. Gli insegnanti saranno testati per la nuova infezione da coronavirus prima delle lezioni.

Pertanto, le lezioni saranno organizzate da quasi il 90% delle scuole, mentre le lezioni a distanza si terranno in altre. Nelle regioni nere , tuttavia, verranno fornite cure di emergenza ai bambini i cui genitori sono impiegati nei settori delle infrastrutture critiche.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...