Il sindacato dei soldati dell’esercito sloveno si scusa con Trieste

Il sindacato dei soldati dell’ si è scusato con per aver affermato in precedenza che il ragazzo ha attraversato illegalmente il confine di stato durante l’epidemia. Si sono imbattuti in un “rapporto mediatico fuorviante”: Malalan è di Trieste, quando in realtà ha la doppia cittadinanza e vive a . Il sindacato dei soldati della ( SVS ) inizialmente stimò , sulla base di informazioni pubblicamente disponibili , che Daniel Malalan di Trieste aveva violato la misura che vietava l’attraversamento del confine di stato a causa dell’epidemia di covid-19. Tale valutazione è sbagliata, notano ora.
Un giornalista ha avvertito il sindacato che in realtà era uno sloveno che aveva la doppia cittadinanza e risiede a Kozina ed era a passeggio con la sua ragazza. “Quindi questo non è un incidente internazionale, come riportato dai media”, ha scritto il sindacato. Malalan ha ricevuto pubbliche scuse, come pure la città di Trieste, per il fatto increscioso.

La crisi internazionale si è verificata perché i media hanno dichiarato una data sbagliata (8 maggio) e il ministro della Difesa Matej Tonin ha spiegato pubblicamente che, secondo le assicurazioni dell’esercito sloveno, quel giorno non c’erano soldati sloveni con agenti di polizia nell’area. A seguito di ciò, la deputata italiana Debora Serracchiani ha informato il Ministero degli Esteri italiano “delle notizie riguardanti gli eventi preoccupanti al confine tra Italia e Slovenia” e che avrebbe invitato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio a chiedere chiarimenti al governo sloveno su tutti gli aspetti dell’evento. “inaccettabile il fatto che membri armati di strutture paramilitari si muovano attorno al confine”.

Dopo il cambiamento della data dell’evento e il fatto che si tratti di uno sloveno che vive a Kozina, è chiaro che l’incidente internazionale non ha motivo di esistere, riferisce l’Unione dei soldati sloveni.


corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...