Il quotidiano spagnolo El País parla di Trieste, della rotta Balcanica e l’angelo dei migranti in piazza Libertà

Lorena Fornasir piazza Libertà Trieste rotta balcanica migranti

è un spagnolo. Con una media di 457.675 copie giornaliere è il non sportivo con maggior diffusione in . Secondo l’Estudio general de medios del 2005 conterebbe circa 2,1 milioni di lettori, seguito da «El Mundo», con una stima di 1,29 milioni.

Il famoso quotidiano spagnolo ha di recente pubblicato un servizio sull’ « Angelo della Stazione Centrale », , che da sempre si occupa di aiutare i appena giunti in città, medicandoli, prestando loro cure e attenzione. Il servizio inizia con “In un piazzale antistante la stazione, ogni pomeriggio Lorena Fornasir aspetta gli immigrati appena arrivati ​​nella città di dai Balcani e lava e i loro piedi”

E il giornale continua con:


Monika Bulaj, fotografa e scrittrice, triestina polacca o polacca triestina, viaggiatrice dice: “Il confine divide, è un muro. Il confine è una zona di incontro e di passaggio, di scambio. Intuitivamente, sono sempre andata al limite ”.

Cos’è Trieste? Confine o zona di confine ? E l’Europa?

A 18 anni Bulaj stava già viaggiando dalla Polonia alla Spagna, dall’altra parte della cortina di ferro, in autostop. Ora ha 54 anni. Il suo lavoro – pubblicato nel libro Genti di Dio. Viaggio nell’altra Europa – l’ha portata alla ricerca di minoranze ai confini dell’Europa e alla ricerca di esperienze spirituali collettive ad Haiti o Cuba, o in Iran e Afghanistan. Il mondo slavo, che è il suo, è a venti minuti di bicicletta. Quando può, va in barca a vela con una piccola barca a vela o sale su una nave mercantile diretta a est. Il virus ha colpito l’Italia e lei era in Sierra Leone. Tornò, superò il confine nelle montagne bergamasche e lo documentò.

“Vieni”, dice entrando da una fessura nel recinto della vecchia stazione di Campo Marzio. Strade morte, erbacce, auto bruciate e convogli della Grande Guerra. La stazione ospitava una mostra sui treni; Ora è chiuso, in fase di restauro.

“Scrivo a Trieste e aspetto la bora”, dice Monika Bulaj mentre cammina tra i treni arrugginiti. La Bora è il vento che soffia su Trieste e che ne plasma il carattere. “La mia vita”, aggiunge, “è in un altro luogo, nel grande libro del mondo, che in questo momento è chiuso”.

In un campo vicino ai binari, tre famiglie hanno parcheggiato le loro roulotte da febbraio. Fu allora che le fiere furono sospese e queste famiglie, abituate a passare di città in città con le loro giostre e altre attrazioni, furono confinate. Sembrano bloccati su questo terreno a quattro passi dal centro turistico di Trieste, in attesa che qualcuno li ricordi.


la rotta balcanica

Articolo completo su ” El País “ »

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...