I morti di fame, di solitudine e di tristezza saranno in numero maggiore ai morti di covid

uomo povero

Il giorno 2 dicembre 2020 è stato pubblicato uno studio riguardante i problemi derivati dalla e dell’isolamento. Il problema può aggravare la , l’ e il disturbo da stress post-traumatico nelle donne in gravidanza e dopo il parto, per fare un esempio. Tra 1.123 donne intervistate tra il 21 maggio e il 17 agosto 2020, i ricercatori hanno scoperto che più di 1 su 3 (36,4%) ha riportato livelli di depressione clinicamente significativi. Prima della pandemia, i tassi di depressione perinatale (depressione che si verificava durante o dopo la gravidanza) erano generalmente considerati del 15-20%. Inoltre, 1 su 5 (22,7%) ha riportato livelli clinicamente significativi di ansia generalizzata e 1 su 10 (10,3%) ha riportato sintomi superiori alla soglia clinica per PTSD.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che circa il 9% dei partecipanti ha riferito di provare un forte senso di dolore, perdita o delusione a causa della pandemia. Questo gruppo aveva circa cinque volte più probabilità di sperimentare misure clinicamente significative dei sintomi di salute mentale. Un numero maggiore di intervistati (18%) ha riferito di essere “molto preoccupato” o “estremamente preoccupato” per i rischi per la salute correlati al COVID-19. Questo gruppo aveva una probabilità fino a quattro volte maggiore di manifestare sintomi psichiatrici clinicamente significativi.

È ben documentato che i disastri naturali , le guerre e altri traumi di massa possono portare a un aumento significativo del disagio psicologico a livello di popolazione. Settimane o mesi di ansia, paura, tristezza e isolamento sociale possono avere il loro peso, portando molti esperti a temere che si debba affrontare un’epidemia di salute mentale nello stesso momento in cui si combatte la pandemia virale.

Ora, uno studio pubblicato su JAMA Network Open offre una delle prime stime rappresentative di quanto grave possa essere l’epidemia: triplicato il numero delle persone che hanno soddisfatto i criteri per una diagnosi di depressione durante la pandemia rispetto a prima.

Un sondaggio pre-pandemico su circa 5.000 adulti ha rilevato che l’8,5% di loro mostrava segni di depressione abbastanza forti (inclusi sentirsi giù o senza speranza; perdita di interesse per le cose che normalmente portano gioia; bassa energia; difficoltà di concentrazione) per giustificare una diagnosi probabile. Quando i ricercatori hanno intervistato quasi 1.500 adulti sulla loro salute mentale da marzo ad aprile di quest’anno, quel numero è salito a quasi il 28%. Ancora più persone – quasi un ulteriore 25% – mostravano segni più lievi di depressione.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...