Esplosione contagi di ritorno: la Slovenia dichiara guerra alla Croazia

Dragonja confine Croazia Slovenia

in aumento esponenziale in , (): “Il governo agirà! Nessuno sarà tenuto in ostaggio da feste (notturne) ”, ha scritto su Twitter

“Nessuno, bambini, studenti, genitori e insegnanti, sarà tenuto in ostaggio delle feste notturne irresponsabili”, ha scritto su Twitter il portavoce del governo sloveno Jelko Kacin sul numero di nuovi casi di coronavirus in Croazia e sull’introduzione di infezioni in Slovenia. Ha annunciato che il governo sloveno si adopererà affinché l’anno scolastico inizi in tempo e per intero. Ha anche scritto che i risultati dei test preoccupano tutti e che le importazioni dalla Croazia sono in aumento, soprattutto tra i giovani.

Gli epidemiologi sloveni sottolineano anche il rapido deterioramento della situazione in Croazia. Il capo del gruppo consultivo di esperti per il , Bojana Beović, ha già annunciato in questi giorni che proporrà un “regime notevolmente più rigido al ”. Ha menzionato la o almeno i test obbligatori al ritorno dalla Croazia.

Già nelle scorse settimane si vociferava che la Slovenia progettasse di chiudere il confine con la Croazia 14 giorni prima dell’inizio dell’anno scolastico, limitando così la diffusione del coronavirus, che le autorità hanno smentito a fine luglio. Il quotidiano croato Jutranji List riporta oggi che Jelko Kacin ha annunciato l’inclusione della Croazia nella lista rossa.

Le infezioni provenienti dalla Croazia ci stanno portando a un regime di ingresso in Slovenia più rigido, ha scritto su Twitter il ministro degli Interni sloveno Aleš Hojs, probabilmente già la prossima settimana. Sulla base dei risultati dei test nel fine settimana e lunedì, il governo della Repubblica di Slovenia ascolterà le proposte del gruppo di esperti per COVID-19 e, sulla base della valutazione epidemiologica, rafforzerà l’ingresso, ha aggiunto.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...