Festival Enoarmonie 2022 al grande debutto

NELLA DATA SIMBOLICA DEL 25 APRILE DEBUTTA IL FESTIVAL ENOARMONIE 2022: LE VOCI DI RADIO 3 RAI, ANGELO FLORAMO, ANDREA DEL FAVERO, GRANDI INTERPRETI E GIOVANI STELLE IN FRIULI PER SPOSARE LA GRANDE MUSICA A RINOMATI VINI

Primo appuntamento all’azienda Pitars, con il gruppo barocco Archicembalo e Marco Mauceri


Si aprirà in una data altamente simbolica, quella del 25 aprile, l’edizione 2022 dell’originale e imitato format del festival Enoarmonie, curato dall’Associazione musicale Sergio Gaggia di Cividale, ideatrice di una formula che abbina all’ascolto della grande musica da camera l’assaggio dei migliori vini del territorio regionale e non solo. Tutto questo in luoghi spesso insoliti e ricchi di fascino: i pomeriggi musicali “viaggiano” infatti tra antiche sale nobiliari a moderne cantine, che si trasformano in speciali auditorium.
Ad ospitare l’enoconcerto del debutto, il 25 aprile appunto, alle ore 18, sarà l’azienda Pitars di San Martino al Tagliamento, storica partner della manifestazione: il salone, costruito con criteri bioarchitettonici, garantisce una perfetta acustica, essendo esso stesso – con le sue pareti in legno – uno strumento risuonante; spazio ideale, dunque, per cogliere gli insoliti e sofisticati “colori” strumentali del noto gruppo barocco l’Archicembalo, che sarà presentato da Marco Mauceri, familiare voce del concerto del mattino di Radio3 Rai.

Il primo maggio sarà poi il Comune di Buttrio, nel palazzo di Toppo Florio (sempre alle 18), ad accogliere Gianluca Luisi, eccezionale pianista che traccerà personalmente le interrelazioni tra i brani in repertorio e i vini dell’azienda Colutta. Spicca, nel programma, l’integrale dei 6 studi trascendentali di Franz Liszt, visionarie trascrizioni di alcuni capricci paganiniani, che hanno suggerito anche il titolo del concerto: “Paganini in bianco e nero”.

Domenica 8 maggio (al consueto orario delle 18) sarà la volta di Cividale, presso la cantina Rodaro, a Spessa (in collaborazione con l’amministrazione comunale): uno dei giovani italiani che si stanno facendo valere in tutta Europa, Elia Cecino, proporrà un pianistico, accompagnato dall’inedito enorelatore Angelo Floramo, che collegherà le musiche ai rinomati prodotti dell’azienda ospitante.

Tappa successiva il 16 maggio: frutto della collaborazione dell’Associazione Fiera dei vini e del Comune di Corno di Rosazzo, l’evento sarà ospitato da Teresa Perusini nell’azienda di famiglia, a Gramogliano. Con la partecipazione di un’altra nota voce radiofonica, quella di Luca Damiani, e della pluripremiata pianista macedone Teodora Kapinkovska si concluderà il trittico di pianistici. “Cime tempestose”, questo il titolo, ha solo apparenti rimandi letterari e cinematografici, derivando in realtà dalla sonata di presentata, “La tempesta” appunto, e dalle altre impervie e trascendentali pagine in programma.

Il 22 maggio Enoarmonie arriverà a Cormons, nella piazzetta della chiesa di San Lorenzo di Brazzano: l’appuntamento rappresenterà un’eccezione rispetto al repertorio classico abitualmente proposto dal festival, pur garantendo sempre un eccezionale livello qualitativo. Lo spagnolo Carlos Piñana “racconterà”, con la sua chitarra, i diversi stili della flamenca. A collegare all’ascolto i vini selezionati dall’Enoteca regionale di Cormons sarà Andrea Del Favero, tra i massimi esperti in regione di musica popolare.

Il 2 giugno il festival approderà nel pieno centro storico di Udine, in una location straordinaria, raramente aperta al pubblico: il giardino segreto di Palazzo Asquini, incantevole cornice per le pagine barocche del gruppo musicale del Festival Internazionale di Alba, nell’usuale gemellaggio enologico cui Enoarmonie ha abituato il suo pubblico. La degustazione dei vini delle Langhe sarà guidata dall’enologo e giudice internazionale Ico Turra.

Torna poi l’atteso appuntamento dedicato al tango, il 12 giugno, al palazzo Lantieri di Gorizia, dove Fabio Furia, uno dei più celebrati bandoneonisti d’Europa, si esibirà con il suo trio. In degustazione tre pregiati vini dell’Iglesiente, ospiti per la prima volta della rassegna enoarmonica.

Ed entrano nel “circuito” di Enoarmonie (che gode del sostegno della Regione Fvg e di Crédit Agricole) due nuovi Comuni, Medea e Mariano del Friuli. Nel primo si esibirà, il 26 giugno, il Guitalian Quartet, gruppo formato da alcuni dei massimi chitarristi italiani, in un programma dedicato alla produzione musicale sudamericana (Brasile e Argentina) e alla nostra tradizione. L’azienda Brumat li ospiterà (alle 18) nella caratteristica aia del proprio agriturismo, presentando tre dei suoi migliori vini.

Gran finale il 3 luglio, a Mariano appunto (nella sede e con i vini dell’azienda Luisa, alle 19), con un concerto che vuole raccontare la storia unica della sonata FAE, composta congiuntamente da tre compositori, Schumann, Dietrich e Brahms. FAE è un acronimo derivante dalla celebre frase con cui un già malinconico Brahms definì la sua condizione di cinquantenne: Frei Aber Einsam (“libero, ma solo”). Ospiti musicali uno dei migliori violinisti europei, Aylen Pritchin, e il pianista Andrea Rucli, direttore artistico del festival; a Umberto Berti, grande esperto del genio di Amburgo, il ruolo di enorelatore.

Archicembalo

Archicembalo

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...