Drogheria in Austria immutata dai tempi di Maria Teresa

Il vecchio registratore di cassa è ancora conservato, compresi i libri di cassa

Shopping come ai tempi della bisnonna

Thörl-Maglern ha un museo della drogheria da 26 anni. Il negozio Aprießnig, nelle cui stanze si trova ora un museo, era fornitore locale dell’area dal tempo di Maria Teresa al 1989. Si trova a pochi passi dal confine italiano.

Diana Erath ha restaurato amorevolmente la vecchia drogheria e l’ha resa accessibile al pubblico. Ci sono stati beni di ogni genere per oltre 200 anni e molti di questi originali sono ancora oggi conservati. Anche gli arredi sono stati conservati e sono ancora nelle loro condizioni originali. È rimasto tutto allo stato originale , la struttura ha più di 100 anni.

Dalle spezie al tessuto
Il grande armadio delle spezie con allume, zucchero d’orso, cannella, anice, pimento, è tutto ancora lì.

Nel Greißlermuseum fai un passo nel passato e ottieni informazioni su come e cosa è stato acquistato ai tempi di Maria Teresa: “Devi immaginarlo in quel modo, allora e anche 50 anni fa, le persone erano autosufficienti. Avevano latte, uova e un po ‘di carne, erano stati acquistati tessuti e lana e si erano fatti i vestiti da soli. L’acquisto di vestiti non era cosa comune all’epoca. La gente cuciva anche i grembiuli e la biancheria intima. ”

La birra era già disponibile
A quel tempo si potevano anche acquistare bevande di ogni tipo: “C’era già birra, ho bottiglie di argilla molto vecchie, c’era acqua minerale, in seguito forse anche mosto o grappa. Sei venuto con una bottiglietta e il commerciante, per esempio, ha riempito un litro di rum. Il rum era necessario per cuocere il reindling “, afferma Erath.

I dolci erano molto importanti oggi e poi, ovviamente: “Ho dei bellissimi contenitori di vetro, c’erano le caramelle. Tutte le persone anziane che vengono a visitare ricordano lo zucchero nei bicchieri, era qualcosa di speciale. Ed è stato molto speciale quando il commerciante ha regalato una caramella. Il mercante qui, il signor Aprießnig, era lì fino al 1923 circa. Dava sempre caramelle ai bambini. Lo ricordavano tutti. ”

Semi sciolti per l’orto
I proprietari dell’azienda avevano l’ambita licenza commerciale di Maria Teresa, che consentiva di offrire sale e tabacco, sui quali lo stato aveva il monopolio. Il negozio aveva anche una vendita di semi. La vecchia scatola di semi è ancora conservata: “Questa è una grande scatola di legno, come un caso tipo. Quello era l’accordo sui semi con semi per fagioli o piselli. Sono stati venduti apertamente. ”La cassa del commerciante e la scrivania in piedi sono ancora conservate. “La gente comprava con un libro dei debiti. Nessuno pagava in contanti. I clienti avevano un piccolo libro e il commerciante uno grande.

Non tutti hanno pagato per tutti i loro acquisti
Ci sono anche libretti di cassa del passato sotto il registratore di cassa: “Nel giugno del 1929, il signor Stefan Logar acquistò sei metri di materiale per camicia, mezzo chilo di pancetta, un quarto di chilo di formaggio, olio, caffè e polvere di diamanti. Probabilmente era per una grande cerimonia. ”

A quel tempo il signore avrebbe dovuto pagare 573 scellini. Ma non lo fece perché: “Ho visto che molto spesso solo una parte di esso veniva pagata alla fine del mese. La gente non aveva così tanti soldi, il resto è stato trasferito nel mese successivo. ”I clienti erano fuori città, non scappavano dal commerciante. Lo hanno fatto tutti, dice Erath.

Anche il Greißlermuseum di Thörl Maglern sorprende con uno spettacolo speciale ogni anno. Quest’anno parla del costume di Gailtal. Il museo è aperto ogni venerdì dalle 15:00 e alle 18:00 è prevista una visita guidata. Solo i gruppi devono registrarsi per un tour, afferma il direttore del museo Eratz.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *