Assalto alle strutture mediche, più di 4000 in attesa del tampone

tampone virus provetta

Più di 4.000 vacanzieri stanno aspettando il prelievo di un , e sotto pressione nell’ultima settimana

L’assalto alle strutture mediche responsabili del prelievo con tamponi covid-19 è stato impressionante nell’ultima settimana. Da giovedì scorso, quando è entrato in vigore un decreto ministeriale che imponeva il test obbligatorio del coronavirus per tutti i viaggiatori che entrano in Italia da , Grecia, Spagna e Malta, Asugi ha eseguito 1.270 test nella sola provincia di Trieste (fino a ieri pomeriggio). ). Tutti i test sono stati negativi. Nei prossimi giorni dovranno prelevare i tamponi di circa quattromila vacanzieri che hanno già ordinato un tampone. Dall’introduzione delle nuove regole, in base alle quali i vacanzieri interessati dal regolamento devono dimostrare di aver superato un test molecolare o antigenico per un virus negativo entro e non oltre 72 ore prima del rientro a casa.

L’informazione è stata fornita dall’amministratore delegato di Asugi Antonio , il quale ha ammesso di essere stato letteralmente travolto nei primi giorni dalle telefonate di vacanzieri preoccupati. “Per i primi due giorni, abbiamo ricevuto 1.500 chiamate o e-mail al giorno. Poi abbiamo registrato tra i 700 e i 600 ordini per pochi giorni, e negli ultimi giorni ci siamo fermati a 500. Prevediamo che la tendenza rallenti nei prossimi giorni, poiché la maggior parte dei vacanzieri è già tornata dalle “, ha spiegato Poggiana, aggiungendo che si sono preparati per i test dei vacanzieri organizzando due soste fisse nel Parco di San Giovanni, in cui si prelevano i tamponi tra le 9:00 e le 13:00 e tra le 14:00 e le 19:00. Al mattino, tra le 9:00 e le 14:00, è presente anche un sistema drive-in che permette di prelevare un tampone da un’auto.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...