Valichi sloveno-croati e austriaci, tempi di attesa in diminuzione

sloveno-croato Dragonja

L’affollamento ai valichi di dalla alla e all’ sta lentamente diminuendo. Il periodo di attesa più lungo rimane ai valichi Sečovlje, Dragonja, Sočerga, Podgorje, Jelšane, Dobovec e Gruškovje. Anche la congestione sul lato austriaco di fronte al tunnel Karavanke, che era lunga 25 km, ora si è ridotta.

Di fronte al tunnel Karavanke, la congestione sul lato austriaco è ora ridotta da 25 a sei chilometri. L’ingorgo si è verificato anche sul lato sloveno dell’autostrada Gorenjska, lungo due chilometri. Verso Kranjska Gora, i conducenti possono utilizzare l’uscita Jesenice East, riferisce il Traffic Information Center.

Condizioni stradali

Sul lato austriaco del valico di Šentilj per la Slovenia, il traffico è lungo circa due chilometri. Tuttavia, la situazione si è completamente calmata agli altri valichi di frontiera della Gorenjska con l’Austria. Durante il giorno, è stato segnalato anche un aumento del traffico dai valichi alpini Korensko sedlo e Ljubelj, la colonna si era formata ancora prima del passaggio Rateče con l’Italia all’ingresso della Slovenia.

Tempi di attesa ai valichi di frontiera con la Croazia

Il traffico è notevolmente aumentato durante il giorno in direzione dei valichi di frontiera con la Croazia. C’è stato un ingorgo lungo un chilometro sull’autostrada Podravska di fronte al valico di frontiera Gruškovje. Al valico, sia l’ingresso che l’uscita dal paese si impiegavano da una a due ore.

C’èra pure un ingorgo di quattro chilometri di fronte al valico di frontiera di Sečovlje, uno di otto chilometri di fronte a Dragonja, uno di due chilometri di fronte a Dobovec e un chilometro di fronte a Sočerga. All’incrocio Sečovlje, il tempo di attesa per l’ingresso in Croazia è da una a due ore, e a Dragonja, nonostante la colonna più lunga, circa due ore. Il periodo di attesa a Dobovec è lo stesso e a Podgorje è un’ora. Meno di mezz’ora circa, si deve aspettare a Jelšane e Sočerga.

A partire da lunedì, gli avvisi di spetteranno agli agenti di polizia

Come riportato dalla giornalista Franja Pižmoht per TV Slovenia, alle 10 del mattino sono state emessi 17 avvisi di quarantena al valico di frontiera Gruškovje. I passeggeri provenivano principalmente dalla Bosnia ed Erzegovina, dal Kosovo e dal Montenegro. Fino a domenica a mezzanotte, gli avvisi di quarantena saranno ancora a carico dai dipendenti del Ministero della Salute e, a partire da lunedì, le persone a cui è stato ordinato di essere messe in quarantena saranno in grado di entrare in Slovenia a qualsiasi valico di frontiera e se ne occuperanno gli agenti di polizia.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...