Piccole imprese allo sfacelo – Progetto FVG chiede più coraggio al Governo di Roma

Nota di Giorgio Cecco “ – Trieste”

L’Amministrazione Regionale si è attivata subito a supporto dell’economia del Friuli Venezia Giulia e sta preparando nuove iniziative per dare respiro alle nostre imprese in questo momento difficile, ma purtroppo non si vede lo stesso impegno dal Governo centrale. Servono immediatamente risposte che il Decreto “Cura Italia” dà solo in parte, con risorse insufficienti e pensando poco alla piccola e micro impresa, un comparto che rappresenta fra l’altro il 90% del nostro tessuto economico. In queste condizioni come faranno ad arrivare a fine mese le famiglie dei piccoli imprenditori, commercianti, artigiani e professionisti, ora a casa e con le attività sospese o al minimo e passata la buriana riaprire bottega, mentre spese e tasse non si fermano? Chiediamo quindi coraggio anche e soprattutto da Roma, con interventi tempestivi di ampio respiro per dare liquidità alle imprese, blocco delle tasse e contributi per un adeguato periodo, nonché ripensare al bonus di 600 euro incrementando importo e platea.


corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...