Casino bonus senza deposito non AAMS possono ottenere nuovi giocatori e giocatori abituali.
 

L’ENERGIA DEI LUOGHI | Festival del Vento e della Pietra | Bora Scura

Al via l'ottava edizione della rassegna
L'Energia dei Luoghi – Festival del e della Pietra
organizzata dall'Associazione
Casa C.A.V.E. – Contemporary Art Visogliano/Vižovlje Europe
In attesa della della rassegna completa, un anticipo sul primo evento!

SABATO 13 AGOSTO 2022
inaugurazione ore 19.00

Portopiccolo Art Gallery – Sistiana (TS)

ENERGIE PRIMIGENIE | Bora Scura

Mostra d'arte visiva a cura di
Massimo Premuda

“La bora è l'unica cosa veramente originale che abbiamo” (Carlo Wostry)

Artisti partecipanti
Cecilia Donaggio Luzzatto-Fegiz
Maurizio Frullani
Massimo Gardone
Roberto Pastrovicchio
Mario Sillani Djerrahian

Videointervista di
Simone Modugno

Collaborazioni
DoubleRoom arti visive, Portopiccolo
Museo della Bora Trieste, Agriturismo Juna

La mostra è aperta sino al 4 settembre
Orario: Ven / Sab 17.00-20.00 – Dom 10.00 – 13.00 /
oppure su prenotazione al +39 333 4344188
Parcheggio presso Portopiccolo gratuito dalle ore 18.30

Festival del Vento

“Bora scura” è la prima mostra del ciclo “Energie primigenie” e presenta cinque artisti della nostra regione che, fra immagini ed evocazioni, ci portano alla scoperta del forte vento, vera e propria energia primitiva del territorio che, travalicando ogni confine, caratterizza anche la città di Trieste e i suoi .

La bora, con la sua forza cinetica, sembra dunque rappresentare, nella visione degli artisti, il motore primordiale capace di dare impulso e movimento allo sviluppo della nostra città-porto, grande emporio di culture del Novecento. Il progetto, curato da Massimo Premuda, prende ispirazione da questo brusco evento atmosferico portatore di tempesta (bora scura) o foriero di bel tempo (bora chiara), e intende esplorare la bora come specchio dell'animo contraddittorio e inquieto delle popolazioni della nostra area, ma anche mettere in relazione visiva le ricerche di artisti contemporanei con i pezzi della collezione d'arte del Museo della Bora di Trieste. Accompagna l'esposizione infatti un video realizzato da Simone Modugno nel 2021 che analizza, attraverso una serie di interviste, il particolare rapporto fra la bora e gli artisti in mostra.

Si parte con la “Cavalcata delle Valchirie”, un lavoro storico del grande fotografo isontino Maurizio Frullani (Ronchi dei Legionari, 1942-2015) che rappresenta una rilettura visiva delle leggendarie creature sul campo di , che invece di essere a dorso di cavalli sono immaginate su delle bizzarre biciclette. La foto costruita in studio sembra investita da un vento intenso e trasmette una forte impressione di movimento e velocità.

Si prosegue con le fotografiche di Mario Sillani Djerrahian e la sua ricerca sulla fine del paesaggio: una serie di enigmatici scatti che rappresentano metafisiche pietre del Carso triestino pronte a riorganizzarsi in diverse configurazioni fisiche e visive, come messe in moto dai movimenti dell'aria o dai transiti dei pianeti. Si passa così a un quadro ad olio di grandi dimensioni dell'artista visiva triestina Cecilia Donaggio Luzzatto – Fegiz che, con la sua “Bora scura”, ci immerge in una profonda atmosfera invernale, in cui gelide sferzate di bora alzano il pelo di un mare percosso da raffiche che lo tingono del caratteristico color cobalto, gradazione fredda e desaturata del blu.

Si scorre poi il progetto video “Altri mari / Other seas” del fotografo triestino Massimo Gardone, un trittico in cui, sovrapponendo gli scatti in una visione verticale, l'oggettivo e il soggettivo si fondono e si perdono, e quello stesso mare diventa altri mari, o come recita l'aforisma del poeta inglese Alexander Pope che appare in apertura del lavoro: “Il mare unisce i paesi che separa”.

Il progetto visivo si chiude infine con un singolare prestito dalla collezione d'arte del Museo della Bora, “ Catabatica”, una serie di lightbox del fotografo triestino Roberto Pastrovicchio. Analisi Catabatica è l'invenzione di un metodo per rappresentare una raffica di bora attraverso l'effetto che essa crea. Fotografando e analizzando l'oggetto “ombrello” e facendo una correlazione con i dati meteo del giorno in cui è stata effettuata la campionatura, il fotografo ha iniziato così a creare un estetico delle raffiche.

Condividi

You may also like...

Almanacco News