Infezione da coronavirus anche nel carcere di Gorizia

carcere di Gorizia

Nei giorni precedenti a uno dei detenuti del di è stata diagnosticata l’ da . La notizia è stata confermata ieri da Leonardo Angiulli, capo del di giudiziaria del Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino. “La notizia ci è stata data dal segretario provinciale del sindacato. È una persona in stato di fermo che gode di una certa libertà mentre va a lavorare tutti i giorni. Al suo ritorno in la sera, è stato misurato per avere la febbre, come previsto dalle linee guida. Aveva la febbre, quindi gli è stato prelevato un tampone, che si è rivelato positivo al coronavirus. In conformità con le normative mediche, gli è stato immediatamente ordinato di autoisolarsi ”, spiega Angiulli.

A livello statale, il sindacato di Polizia Giudiziaria richiama l’attenzione su alcune critiche riguardanti il ​​funzionamento delle carceri durante questo periodo di emergenza. “Siamo gli unici a non aver firmato l’accordo predisposto dal ministero della Giustizia. A nostro avviso, dovremmo rafforzarlo molto di più, perché non è affatto adatto a questa situazione. È impossibile che i detenuti idonei possano ancora entrare e uscire dalla prigione. La possibilità di contrarre l’infezione e portare l’infezione in carcere è sempre presente. Non si capisce perché, anche in questo caso, il sistema utilizzato tra la chiusura completa di marzo e aprile non si sia ripetuto: chi certamente ha contatti con il mondo esterno per lavoro veniva rimandato a casa in quel momento e sorvegliato a casa. In questo modo non hanno rischiato di portare il contagio in carcere ”, sottolinea Angiulli.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...