Don Matteo da Nembro a Trieste in bicicletta

Don Matteo da Nembro a Trieste in bici

Da a Trieste in – Il viaggio dei ciclisti lungo il percorso dell’Aida unisce simbolicamente il nord Italia, da confine a confine

Il paese di Nembro, situato a pochi chilometri dalla città di , al centro del nord Italia, a circa metà strada tra Francia e Slovenia, è un punto simbolico da cui è partito un gruppo di giovani ciclisti con un rappresentante della comunità religiosa locale, Cello. Dopo un duro colpo alla pandemia di coronavirus, hanno pedalato nella via di collegamento attraverso le terre italiane più colpite. Nembro è un luogo con 12.000 abitanti, dove 188 persone sono morte in due mesi a causa del covid-19, e il numero di contagiati è stato il più alto d’Europa in rapporto alla popolazione.

L’occasione per la gita in è stata l’incontro con il giornalista Mario Calabresi, ex direttore del quotidiano La Repubblica, che nel periodo in cui la pandemia in Italia era al culmine, riferì su Nembro e introdusse i lettori nel villaggio del centro nord Italia, non solo dal punto di vista del coronavirus. Quando il governo ha revocato il divieto di attraversare i confini provinciali, il giornalista e i suoi amici sono tornati a Nembro in modo insolito. Ha guidato la sua bicicletta da Torino a Nembro sulla rotta dell’Aida.

All’arrivo nel paese della Valle Seriana, ai giovani è stato suggerito di percorrere lo stesso percorso e di ritornare alla visita. Loro invece hanno immaginato di prendere il testimone del giornalista e proseguire il viaggio fino all’estrema punta orientale, unendo così simbolicamente le terre del nord Italia.

I ciclisti si sono fermati lungo il percorso in molti villaggi e città. Da Nembro partirono in direzione Brescia per Verona, Padova e Treviso. A Pordenone hanno svoltato a Udine e finalmente sono arrivati ​​a Trieste, dove sono stati ricevuti ieri mattina al Molo Audace dall’assessore alla Cultura, allo sport e al turismo, Giorgio Rossi.


A discapito del suo nome, probabilmente Don Matteo ha più volte subito un paragone con il celebre personaggio interpretato da Terence Hill nella serie tv omonima per quasi vent’anni. Come potrebbe non essere così quando va in bicicletta per il villaggio ed è molto popolare tra i giovani? Caposaldo della comunità religiosa del villaggio, ha vissuto i momenti peggiori della pandemia a stretto contatto con i residenti del piccolo comune, ancora oggi al centro del dibattito a causa della tardiva introduzione della zona rossa e dell’isolamento.

La domanda rivolta dalla giornalista del Primorski Dnevnik a Don Matteo:
Il villaggio più colpito d’Europa probabilmente sta ancora subendo gli effetti della pandemia. Ma com’è la vita oggi a Nembro?

“L’emergenza medica è ormai solo un vago ricordo e speriamo che rimanga tale. A marzo, l’infezione da coronavirus a Nembro ha raggiunto il suo picco e da metà aprile in poi il numero di morti e infetti ha iniziato a diminuire molto rapidamente. La nostra comunità ha risposto all’attacco del virus in modo energico, senza disperazione o scoraggiamento. Eravamo al centro dell’attenzione dei media, ma questo non ci ha sopraffatti. Ci ha dato forza e ci siamo aiutati a vicenda come mai prima d’ora. I giovani concittadini hanno consegnato cibo e altre necessità alle persone in isolamento. Al termine della quarantena, tuttavia, tutti hanno aderito alle norme di sicurezza e lo è ancora oggi”

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...