Crociere: Venezia dichiara ufficialmente guerra a Trieste

Costa Crociere nave

Trieste – iniziata ufficialmente l’ del settore crocieristico con il porto di . Mentre le compagnie Msc e Costa abbandonano lo veneto , l’ex sindaco e assessore Ugo Bergamo, leader di Venezia è Tua, lancia l’appello polemizzando con la : «Cosa ne pensa delle dichiarazioni del presidente del Friuli, il leghista , che si è detto pronto a fare di Trieste la base della crocieristica in alternativa a Venezia?
Pronta e al vetriolo la risposta del commissario provinciale Andrea Tomaello: «Forse ai signori del centrosinistra dà fastidio che abbiamo portato Salvini a pranzo con le categorie portuali e tutti sono dalla nostra parte – la replica – La posizione del governatore della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia è legittima, ognuno fa gli interessi del suo territorio e lo stesso faremo noi con la nostra Giunta. A Bergamo evidentemente sfugge che il Comune di Venezia e la Regione Veneto hanno sempre difeso il porto. Piuttosto l’indeciso perenne è il governo di cui fa parte il suo candidato sindaco, il sottosegretario Baretta, mentre le forze politiche della loro coalizione vanno a braccetto con i No Nav».

Il tema di dove far approdare le navi passeggeri infiamma la campagna elettorale nel Veneto e  il sindaco Brugnaro rilancia la soluzione adottata dal Comitatone nel 2017, di portare le più grandi a e le più piccole a Venezia.
«In attesa della soluzione definitiva per la crocieristica a Venezia, che richiederà tempi lunghi, occorre che sin d’ora e senza indugi ci si attivi per predisporre e mantenere a Venezia la prossima stagione crocieristica – afferma l’ex sindaco – Non si speculi sulle dichiarazioni del ministro Patuanelli, fatte in un incontro pubblico con le autorità locali a Trieste, in quanto lo stesso ministro si è rimesso alle indicazioni del ministro De Micheli che sul punto è stata chiara ed inequivocabile: si apprestino subito le aree in gronda lagunare per non perdere la prossima stagione crocieristica. Venezia è Tua, senza se e senza ma, è sempre stata sostenitrice di questa soluzione».

Guerra Lega contro Lega
Quindi la sferzata alla Lega: «Ora è necessario che anche la Lega di Venezia e del Veneto decida con chiarezza se stare con il presidente Fedriga a sostegno degli interessi di Trieste o con Venezia e i suoi interessi che sono quelli della sua imprenditoria locale e dei suoi lavoratori», attacca Bergamo che lancia il suo appello all’unità: «Da veneziani, prima che da esponenti di questa o di quella parte politica, auspichiamo che almeno in questa contingenza, da cui potrebbero derivare gravi conseguenze per l’intera economia veneziana, la politica veneziana sia compatta e unita assieme a tutta la città, agli operatori economici, ai lavoratori e a tutte le forze vive e vitali della comunità locale e il governo utilizzi i fondi europei del recovery found per dare un futuro definitivo al grande porto crocieristico e commerciale di Venezia».

contro
La polemica attorno alla Lega sembra essere un po’ la fotocopia di quanto accaduto anni fa, quando a guidare il Friuli Venezia Giulia c’era l’esponente del Partito democratico che, allo stesso modo, spingeva per rafforzare il ruolo di Trieste come porto di riferimento per il Nord Adriatico. «All’epoca il Pd veneziano non apprezzò e si fece sentire, non si governa facendo i dispetti o gli sgambetti. Poi la questione si chiuse lì», dichiara il segretario comunale dem Giorgio Dodi che a sua volta punta il dito contro la Lega: «Fedriga tira acqua al suo mulino.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...