Canzoni triestine | “Antonio Freno”

Nacque a Trieste il 4 dicembre 1876 da Rocco, un “musicante” di origine meridionale e da Maria Mladinovich; all’epoca del delitto commesso la sera del 24 settembre 1904, era celibe. Fu dapprima condannato a morte, poi, graziato, all’ergastolo. Passò lunghi anni in carcere, a Capodistria e a Marburgo (Maribor). Nel 1922 la condanna all’ergastolo gli fu commutata in 30 anni di carcere e successivamente, nel 1924, in 22. Messo il libertà nel 1926, visse in miseria a Trieste. Il 10 giugno del 1932 sposò una vedova, Maria Ghersel, nativa di Monte di Capodistria da cui non ebbe figli. Morì a Trieste il 10 marzo 1936.

Dalle sue gesta nacque la famosa canzone popolare triestina, di cui riportiamo il testo integrale, e più in basso il video “Antonio Freno – versione Rena vecia, un classico della tradizione popolare triestina con Luciana Rigotti e Fulvio Bozzetta”

Iera un sabo de sera
quando Antonio Freno,
vegnudo fora de un’osteria
de via Capiteli,
apena imbocà la via Crosada,
una guardia lo ga fermà.
– Lei Freno la vegni qua –
lu ghe xe andà vizin
e che ga dito cussì…
– La scusi siora guardia,
che mi no go fato gnente,
in mezo a tanta gente
la me fa vergognar. –
– Sta zito, o bel moscardin!
Te ciapo pel cupin
e te meto in preson! –
‘lor andai a casa
e presi il coltello
e feci il macello di quel traditor.
Un sabato de sera
le diese za sonade,
vignia comeso un fato
de grande serietà:
‘na guardia de patulia
de posto in Via Crosada,
vigniva asasinada
da un nostro zitadin.
Tuti lo conosemo:
se ciama Antonio Freno
e col coltelo in seno
girava la cità.
In punto a mezanote
la man insanguinada,
con l’anima turbada,
girava la cità.
Dopo comeso ‘l fato
a Isola el xe andado
e là i lo ga arestado
pasando in criminal.
Tuti lo conosemo,
se ciama Antonio Freno
e col coltelo in seno
girava la zità.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento