Vito Potenza (Popular Assembly Project) replica alla proposta di Maurizio Fogar sul TLT

Popular Assembly Project PAP

Riceviamo la replica al comunicato di Maurizio Fogar sulla questione referendum TLT, da parte di Vito Potenza, Presidente dell’associazione Popular Assembly Project

Negli ultime mesi la La politica Triestina in generale sta rivedendo le posizioni assunte in precedenza in merito alla questione del Territorio Libero di Trieste.
Notiamo sui media, certe aperture che qualche anno fa non si vedevano e spuntano delle proposte sull’indizione di un referendum sul TLT.
Noi come PAP crediamo che in un sistema nel quale il nostro popolo non si è espresso nemmeno nel Referendum del 2 Giugno 1946,il quale fu indetto per la scelta della forma Istituzionale dello stato Italiano, che senso avrebbe esprimersi su uno stato già in essere ma in amministrazione civile provvisoria?
Tutto questo rumore è dovuto all’ autogol del governo italiano, il quale con la sua recente amissione nel decreto interministeriale per il rilancio dei punti Franchi di Trieste,Il quale, tramite il riconoscimento dell’ ALL. VIII (Strumento per il Porto Libero di Trieste), riporta varie ammissioni sulla questione del Territorio libero di Trieste, legittimando inoltre l’allegato VII (Strumento per il regime provvisorio) e non per ultima la legge di ratifica 3054/52 che rende parte integrante dell’ordinamento italiano il Trattato di Pace del 1947
In base a quanto sopra, vista la pessima informazione fatta dai media in generale su questa importante questione, con quale preparazione la gente dovrebbe esprimere un consenso in questo Referendum? Quando i stessi consiglieri comunali ( i gestori del nostro benessere) , sono all’oscuro delle peculiarità di queste convenzioni internazionali?
La posizione della Pap rimane squisitamente giuridica:
-Il Territorio Libero di Trieste é stato costituito nel Trattato di Pace di Parigi del 1947 all’ ARTICOLO 21:
“-1 E’ costituito in forza del presente Trattato il Territorio Libero di Trieste, consistente dell’area che giace fra il mare Adriatico ed i confini definiti negli articoli 4 e 22 del presente Trattato. Il Territorio Libero di Trieste è riconosciuto dalle Potenze Alleate ed Associate e dall’Italia, le quali convengono, che la sua integrità e indipendenza saranno assicurate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite .
Su queste basi approderemo nei tribunali internazionali “da Cittadini del Free Territory of Trieste”

Vito Potenza
Pres. Popular Assembly Project


Leggi il comunicato di Maurizio Fogar »

alla Voliga
Pesce e polenta da oltre 40 anni a Trieste!
Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...