Stop alla navigazione in acque slovene, multe da 500€

A partire da oggi, la inizierà a infliggere ammende ai proprietari di navi di dimensioni inferiori a dieci metri che salperanno nelle acque slovene senza un’adeguata registrazione. Finora solo avvertimenti: le autorità hanno iniziato a mettere in guardia già a metà settembre dell’anno scorso. I cittadini italiani che hanno navigato nelle acque territoriali slovene con una nave non registrata sono stati finora avvertiti della violazione e d’ora in poi saranno puniti, sottolinea l’Amministrazione marittima slovena. Alla domanda se la questione di questa estate possa essere risolta attraverso la diplomazia, hanno risposto che non era di loro competenza.

Questa volta non c’entra la pandemia, ma piuttosto l’esigenza delle autorità di Lubiana di applicare un norma che da anni è rimasta sospesa come una spada di Damocle su molti diportisti adriatici e cioè l’obbligo di avere una barca immatricolata per navigare in acque slovene. Ora il periodo di tolleranza è finito. Per bordeggiare in Slovenia serve una barca iscritta nei registri marittimi e visto che i natanti italiani, le unità fino ai 10 metri di lunghezza, non hanno questo obbligo gli sarà vietato l’ingresso. Questo significa per centinaia (migliaia?) di barche, fine alle gite giornaliere a Isola o Portorose, ai week end in baia e anche agli attraversamenti per raggiungere la Croazia.

Il motivo delle decisione sembra risalga a due incidenti avvenuti la scorsa estate in acque slovene che hanno visto coinvolti natanti italiani la cui identificazione è stata particolarmente problematica per le autorità. In uno, in particolare, il proprietario sarebbe sparito lasciando il relitto in mare. Da qui la scelta di applicare a tutte le barche, anche se straniere, le regole in vigore nel Paese, dove è prevista la registrazione per tutte le unità oltre i 3 metri o con motore superiore ai 3,7 kW.

La notizia naturalmente ha colto di sorpresa tutti i circoli nautici dell’alto adriatico, che si sono mobilitati per effettuare pressioni sul Governo italiano e cercare una mediazione. Ma preoccupa anche i marina sloveni che sicuramente risentiranno dei contraccolpi economici del provvedimento. Tra l’altro non è chiaro cosa dovrà fare chi ha un natante ormeggiato stabilmente in un porto sloveno. Un compromesso potrebbe essere quello adottato con la Francia anni fa per lo stesso motivo. Si decise che ad attestare l’“identità” del natante e del proprietario poteva essere il certificato di assicurazione.

Il periodo di transizione, cioè di avvertimento, è già finito e da oggi 15 luglio ai trasgressori scatteranno le : dai 160 ai 500 euro.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...