Pallanuoto Trieste, bene la squadra maschile ma disastro per le orchette

Giornata sportiva a luci alterne quella della pallanuoto triestina.

Quanta paura, ma alla fine è arrivato un successo a dir poco fondamentale. Alla “Bruno Bianchi” la Pallanuoto Trieste evita una beffa e nel sesto (penultimo) turno del girone scudetto della serie A1 si impone per 13-12 sulla Rn Salerno, grazie ad un gol di rapina di Mislav Vrlic arrivato a 39’’ dalla sirena. Tre punti pesantissimi in chiave classifica: la squadra sponsorizzata Samer & Co. Shipping torna al quarto posto, a -1 dall’Ortigia e a +1 dalla Rn Savona. Sabato 9 aprile sempre in casa il match che vale una stagione, avversario proprio l’Ortigia Siracusa; 32 minuti di gioco che metteranno in palio il terzo posto e la qualificazione alle coppe europee. “Non è stata una prestazione brillante – spiega l’allenatore Daniele Bettini – l’abbiamo spuntata grazie ad un pizzico di fortuna. Complimenti al Salerno, ci ha messo in grande difficoltà. Se vogliamo vincere la prossima partita dobbiamo giocare con maggiore intensità e organizzazione”.
La cronaca. I campani si presentano alla “Bianchi” senza particolari assilli e si esprimono con linearità. Nei primi due tempi si segna soltanto con l’uomo in più. Alle marcature di Bini e Inaba risponde per due volte l’ex Elez: 2-2 dopo 8’. In di seconda frazione arriva il 3-2 di Inaba, Gluhaic mette dentro il 3-3 e Mezzarobba in transizione (ad uomini pari) trova il nuovo vantaggio interno: 4-3 a metà gara.

Michele Mezzarobba

Michele Mezzarobba

Nel terzo periodo ci si aspetta l’allungo dei padroni di casa, invece il Salerno non sbaglia praticamente nulla. Elez su rigore firma il 4-4, Pica in superiorità scrive 4-5, di nuovo Elez con una precisa colomba fa tremare la “Bianchi” con la rete del 4-6. Trieste si scuote e nel giro di 30’’ trova il pareggio con una rapida controfuga di Mladossich e un diagonale dello scatenato Inaba (6-6). Gli ospiti però non si scompongono e per due volte rimettono la testa avanti con Parrilli e Pica, Inaba li riacciuffa con una rete in superiorità e una di rapina praticamente sulla linea di porta. Oliva evita il nuovo vantaggio giallorosso e si entra negli ultimi 8’ con il punteggio fissato sull’8-8. Nel quarto periodo accade di tutto. Tomasic in superiorità fa 8-9, poi Mezzarobba (uomo in più) e una fuga di Mladossich valgono il 10-9. Qui arriva il clamoroso parziale ospite: Parrilli (superiorità), Gluhaic da posizione “2” e Sanges spingono il Salerno sul 10-12 a 3’20’’ dalla fine. Trieste vede le streghe, però trova la forza per rimontare. Bini con l’uomo in più sigla l’11-12, sempre in superiorità arriva anche il 12-12 ad opera di Vrlic a 1’28’’ dalla fine. Il pareggio però non basta, serve vincere. Bettini chiama time-out a 55’’ dalla fine, i suoi però perdono palla. Nella ripartenza il Salerno sbaglia un passaggio, la sfera finisce nelle mani di Vrlic che indisturbato mette dentro il preziosissimo 13-12. L’ultimo assalto ospite si infrange tra le mani di Oliva e il pubblico della “Bianchi” può esultare. “Dovevamo vincere – conclude il d.s. Andrea Brazzatti – e ci siamo riusciti. Non sono soddisfatto di quanto fatto oggi, sabato contro l’Ortigia servirà una prestazione di tutt’altro livello per andarci a prendere questo tanto agognato terzo posto”.

PALLANUOTO TRIESTE – RN SALERNO 13-12 (2-2; 2-1; 4-5; 5-4)
PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio, Buljubasic, Vrlic 2, Jankovic, Bego, Mezzarobba 2, Razzi, Inaba 5, Bini 2, Mladossich 2, Cattarini. All. Bettini
RN SALERNO: Santini, Spatuzzo, Esposito, Sanges 1, Gluhaic 2, Gallozzi, Tomasic 1, Cuccovillo, Elez 4, Parrilli 2, Fortunato, Pica 2, Taurisano. All. Citro
Arbitri: Castagnola e Brasiliano
NOTE: usciti per limite di falli Podgornik (T) nel terzo periodo; Buljubasic (T), Fortunato (S), Esposito (S) e Sanges (S) nel quarto periodo; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 7/11, Rn Salerno 7/11 + 1 rigore

La classifica del girone scudetto: 54, An Brescia 44, Ortigia Siracusa 36, Pallanuoto Trieste 35, Rn Savona 34, Telimar Palermo 32, Rn Salerno 18


Samantha Rezende

Samantha Rezende

Prevedibile sconfitta (10-20) per la Pallanuoto Trieste nella nona (terzultima) giornata di ritorno del campionato di serie A1 femminile. Alla “Bruno Bianchi” le orchette si sono arrese alla Sis Roma, una delle favorite allo scudetto e fresca vincitrice della Coppa Italia. La squadra alabardata resta al sesto posto in classifica (ultimo utile per accedere ai play-off) ma vede avvicinarsi a -2 il Bogliasco. E mercoledì 6 aprile, nel turno infrasettimanale, Trieste sarà di scena proprio sul campo della compagine ligure in un confronto praticamente decisivo. “Sono abbastanza soddisfatta – spiega l’allenatrice Ilaria Colautti – la prestazione a tratti è stata buona, le ragazze si sono aiutate. Continuiamo a commettere diversi errori individuali, soprattutto in difesa, che squadre di questa caratura non perdonano”.
Le giallorosse fanno subito pesare la loro maggiore qualità. Ranalli e Cocchiere da boa scrivono 0-2, Rezende accorcia in superiorità dal palo (assist di Riccioli), Avegno e Santapaola non sbagliano su rigore (2-3). Cocchiere di nuovo da boa, Ranalli con l’uomo in più e Giustini imbastiscono la prima fuga ospite: 2-6. A 44’’ dalla fine del primo periodo una bella conclusione di Santapaola in superiorità tiene in scia Trieste sul 3-6. Equilibrio nella seconda frazione. Ranalli segna su rigore e Riccioli risponde con l’uomo in più (4-8). Una doppietta di Giustini vale il 4-9, le orchette reagiscono e con Cergol (inserimento sui due metri) e una controfuga di Rezende ricuciono il gap sul 6-9. Tabani prima dell’intervallo lungo mette dentro il 6-10.
Nel terzo periodo la Sis cambia passo. Nel giro di 2’20’’ vanno a segno Tabani, Avegno, Galardi e Picozzi. Sul 6-14 la Colautti chiama time-out e scuote le sue ragazze. Klatowski e Rezende (numero in dribbling) fanno 8-14, ma la rimonta a questo punto è praticamente impossibile. La Sis allunga fino al 10-17 e negli ultimi 8’ non concede gol alle padrone di casa. Galardi, Roche e Tabani chiudono i conti sul 10-20 della sirena finale. E adesso testa al Bogliasco.

PALLANUOTO TRIESTE – SIS ROMA 10-20 (3-6; 3-4; 4-7; 0-3)
PALLANUOTO TRIESTE: Ingannamorte, Lonza, Rezende 3, Abla, Marussi, Cergol 1, Klatowski 2, Riccioli 2, Colletta, Leone, Jankovic, Santapaola 2, Krasti. All. I. Colautti
SIS ROMA: Eichelberger, Cocchiere 2, Galardi 2, Avegno 2, Giustini 4, Ranalli 3, Picozzi 1, Tabani 5, Nardini, Di Claudio, Storai, La Roche 1, Brandimarte. All. Capanna
Arbitri: Ialeggio e Ercoli
NOTE: uscita per limite di falli Ranalli (R) nel secondo periodo; nel terzo periodo Abla (T) ha sbagliato un rigore (palo); superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 4/6 + 2 rigori, Sis Roma 2/6 + 2 rigori

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...