Museo Sartorio, rassegna Let’s Play: in scena “Dalla Carne e dalle ossa”

“Dalla Carne e dalle ossa” è la cooproduzione Bonawentura-Teatro Miela e Artifragili che, venerdì 1 luglio alle ore 21, viene presentata nell’ambito della rassegna Let’s Play presso il parco del Civico Museo Sartorio. Ispirata al romanzo breve “San Manuel Bueno Martire” di Miguel De Unamuno è la prima drammaturgia del giovane Omar Giorgio Makhloufi, che ne cura anche la regia. Un testo e uno spettacolo di grande profondità, interpretato da Filippo Capparella, Veronica Dariol e Paolo Fagiolo e che indaga la complessità dei rapporti familiari, ma anche, più in generale, il bisogno dell’essere umano di un’identità esistenziale e spirituale al di la di un senso di appartenza e/o biologico. Ambientato a Valverde, un immaginario paese di provincia come ce ne sono tanti in Italia, lo spettacolo mette in scena una famiglia disfunzionale che, dopo alcuni anni e in un’occasione molto speciale, si ritrova. Angela infatti sta per diventare madre. Lazzaro, suo fratello, torna in paese dall’estero dopo molto tempo. Intanto Blasillo, il matto del paese, ha un’importante rivelazione divina, mentre Manuele, il prete defunto e che non credeva, viene santificato. Angela, protagonista della vicenda, ci introduce nei suoi personali ricordi: adesso che sa che sarà madre, vuol ricordare ciò che è stata la sua vita, ripercorrendola tra memorie, visioni, sogni ricorrenti e fantasie.

carne e ossa

Lo spettacolo è abilmente giocato con un tavolo, il ‘desco’ famigliare attorno al quale si riunisce la famiglia, ma che diviene anche elemento simbolico e concreto e perno di tutte le relazioni raccontate. Di scena in scena assume significati diversi: il tavolo della famiglia si ritrova, l’altare della chiesa, un campo di gioco, e, quando abitato nella parte sottostante, anche un nascondiglio segreto.

“Dalla Carne e dalle ossa” è anche un’ teatrale e drammaturgica sul senso della ‘fede’, anche nell’accezione più ampia del termine, nell’esistenza umana. Il drammaturgo e regista Omar Giorgio Makhloufi descrive il suo spettacolo come “una fotografia di una famiglia tutta italiana, la narrazione di una natività contemporanea e popolare, di una ricerca spasmodica di una Fede nella vita e nell’esistenza. Di una Fede che esca dagli schemi e dai dogmi, per ritrovarsi nell’incontro con l’altro in carne e ossa”.

Organizzazione : Bonawentura
Prenotazione obbligatoria: c/o biglietteria del teatro 040.365119 da lunedì a venerdì, 9.00 – 13.00. www.vivaticket.com


In caso di maltempo lo spettacolo verrà recuperato domenica 10 luglio al Teatro Miela

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...