In Slovenia una app come “immuni” controllerà gli spostamenti dei cittadini

Scattano però le prime opposizioni, in quanto tale metodo di costituirebbe una grave violazione dei diritti umani

Con lievi modifiche, il comitato del lavoro ha approvato il disegno di legge sulle misure di intervento in preparazione della seconda ondata di covid-19, che fornisce la base per una domanda di localizzazione dei contatti con gli infetti. L’opposizione non è riuscita a rimuovere questo dal testo, quindi sta annunciando una revisione costituzionale.

Vale a dire, il governo sloveno ha incorporato una base giuridica per l’istituzione e il funzionamento di un’applicazione mobile nella proposta della quarta legge anti-covid, il cui scopo è quello di informare sui contatti con le persone infette dal coronavirus e le persone in quarantena. Pertanto, vogliono prevenire la diffusione di infezioni.

L’uso dell’ sarà volontario, ad eccezione di quelli in quarantena e confermati positivi. “Dovrai installare l’applicazione”, ha dichiarato Janez Cigler Kralj , ministro del lavoro, della famiglia, degli affari sociali e delle pari opportunità . Le disposizioni sulla domanda sono scritte nel testo legale per motivi preventivi, con l’obiettivo di proteggere la salute e la vita delle persone, ha affermato.

Ma l’opposizione ha sottolineato durante un’audizione durante una riunione del comitato del lavoro parlamentare che il governo aveva nascosto il controllo dei cittadini e la repressione tra le misure sociali.

Trattamento dei dati personali

Anche il servizio legislativo e legale dell’Assemblea nazionale è critico nei confronti delle disposizioni relative all’applicazione mobile. “La progettazione proposta dell’applicazione mobile si basa sulla premessa errata che non si tratta di elaborare dati personali”, ha affermato l’avvocato dell’Assemblea Nazionale, spiegando che l’applicazione, sebbene anonima, si basa sul trattamento di dati personali di coloro per i quali l’uso sarà obbligatorio.

Vojko Starovič (SAB) ha ricordato che anche il Commissario responsabile dell’informazione ha espresso un ampio parere negativo su tali disposizioni . “Le disposizioni relative al trattamento di dati identificativi e personali sono assolutamente inaccettabili”, ha avvertito. Lui stesso si opporrà al capitolo sull’introduzione di un’applicazione mobile anche se il suo utilizzo fosse completamente volontario.

Il primo ministro Janez Janša ha scritto su Twitter alcuni giorni fa che ci sono solo due opzioni: una drastica limitazione della o un’applicazione che sarebbe obbligatoria per tutti.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...