FareAmbiente: attenzione alla centrale A2A di Monfalcone, comunque bene la sfida idrogeno

“Più volte abbiamo evidenziato quanto sia positivo il percorso verso la transizione ecologica ed energetica che si prospetta per il Friuli Venezia Giulia, interessante il passaggio verso l’idrogeno per la mobilità e l’industria e le linee intraprese dalla nostra Regione” – così Giorgio Cecco coordinatore regionale di FareAmbiente. Fermo restando che l’idrogeno nei prossimi anni rappresenterà una parte significativa del mix energetico a livello mondiale, anche in agli idrocarburi, bene quindi l’attenzione in tal senso già espressa quindi da parte dell’amministrazione regionale, di cui bisogna tener conto nella strategia energetica del Friuli Venezia Giulia e per tutto il Nord Italia – evidenzia Cecco. Per quanto concerne nello specifico la centrale A2A di Monfalcone, ne abbiamo discusso in un colloquio con il nostro Presidente Nazionale prof. Vincenzo condividendo l’idea generale del percorso della strategia energetica del Paese verso una transizione graduale – sottolinea il referente del movimento ecologista – è evidente che il tema da tempo non è più ecologico e di tutela ambientale, o comunque lo è solo in parte, ma piuttosto di visione e contrapposte sul futuro dell’area, l’Amministrazione Comunale ha avviato un percorso in un’ottica di sviluppo diversa da quella energetica, che certo capiamo per la valenza locale e per la linea di tutela del territorio e della popolazione, con una proposta interessante, ma riteniamo che la situazione vada valutata sotto molti aspetti e anche in ambito più vasto, in una strategia di respiro regionale e oltre, nonchè di dialogo con l’impresa. Di certo l’inammissibilità di un come quello della A2A non risolve la situazione, visto che il tutto è disciplinato da un Procedimento Autorizzatorio Unico, quello che conta è tener ben presente tutte le conseguenze, mettendo sulla bilancia costi e benefici, in ambito di una strategia nazionale da una parte e delle ricadute sul territorio dall’altra, ambientali ed occupazionali, cosa che finora non trova nè la quadra nè una definizione.

Vincenzo Pepe e Giorgio Cecco

Vincenzo e Giorgio Cecco


corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...