Cecco: Trieste, importanti opere pubbliche in avvio e altre da iniziare, si pensi alle priorità

Le parole di () sull’avvio delle pubbliche in città

“E’ importante l’avvio di opere pubbliche nella nostra città, così come le diverse progettazioni in corso, si diano comunque delle priorità per il miglior servizio al cittadino e l’ottimizzazione delle risorse fermo restando che riteniamo solo strumentali le critiche di chi amministrava prima il Comune, quando (per esempio) erano quasi inesistenti tutte le manutenzioni. Bene l’inizio della ristrutturazione dell’Acquario Marino, si per ridare prima possibile ai cittadini una piscina terapeutica e riattivare il tram di Opicina, si pensi con attenzione ad altre opere, come nuove soluzioni per la mobilità anche di supporto al turismo, auspicando possa riprendere prima possibile questo settore, nel merito per esempio sulla da valutare bene sia la sostenibilità economica, non solo nella costruzione (sembra a costo zero) ma anche nell’operatività successiva per i costi di gestione e manutenzione, nonchè l’impatto ambientale. Già interessante l’idea della - e riproposta di recente, non è nuova e nasce da lontano, certo ora con le nuove tecnologie si può coniugare opportunità di sviluppo in ambito turistico e di servizio ai cittadini, con il rispetto del territorio, considerato che sistemi innovativi con funivie urbane sono attivi e in fase progettuale in molte città, anche tipologicamente simili a Trieste. Detto un tanto però non pensiamo che ora ciò sia qualcosa di veramente prioritario e crediamo ci si debba concentrare prima di tutto su opere strategiche come quelle sopra menzionate e altre, per esempio la Galleria di piazza Foraggi, ormai prossima all’avvio – sottolinea Cecco. In ogni caso cercare soluzioni alternative ed ecocompatibili per la gestione del traffico nelle città italiane è ormai un problema ineludibile, è importante quindi progettare a media-lunga scadenza lo sviluppo del territorio, con grande attenzione però a interventi visti nel contesto generale e collegati agli strumenti pianificatori, che anche a Trieste dovrebbero essere comunque in parte rivisti, come il Piano del Traffico e il Piano Regolatore”

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento