Troppi cappottamenti, colpa del baricentro alto

Alla luce degli innumerevoli casi di cappottamento avvenuti negli ultimi tempi, con una frequenza sempre maggiore, chiediamo l’aiuto di un esperto per capire meglio le possibili ragioni.

Tanto più basso è il baricentro di una vettura, tanto migliore risulta il suo comportamento dinamico in quanto si disturba meno l’equilibrio complessivo quando soggetto a forze esterne. Un veloce ripasso delle nozioni fondamentali:
In fisica il centro di massa o baricentro di un sistema è il punto geometrico corrispondente al valore medio della distribuzione della massa del sistema nello spazio. Semplificando: il baricentro è un punto immaginario in cui si considera concentrata tutta la massa di un corpo e dove alcune forze trovano applicazione. In un veicolo la posizione del baricentro è definita dalle sue caratteristiche geometriche (altezza, lunghezza, larghezza) e dalla disposizione delle singole masse che lo compongono ( motore, guidatore, passeggeri, bagagli…) .Tanto più sarà basso il baricentro, tanto migliore risulterà il comportamento dinamico dell’auto in quanto si disturba meno l’equilibrio complessivo quando soggetto a forze esterne.

DISTRIBUZIONE DEL PESO
Può quindi variare tra veicolo vuoto e veicolo pieno o in conseguenza dai trasferimenti di carico indotti dalla forza centrifuga, vedi curve o dossi, o dall’inerzia, frenata o accelerazione. Quando affermiamo che il peso di un veicolo è distribuito , per esempio per il 55 % sull’asse anteriore e per il 45% sull’asse posteriore, questo dato è riferito unicamente al veicolo in sosta o mentre procede in rettilinea a velocità perfettamente costante. In marcia, un’auto raramente si trova in queste condizioni ideali. A seconda delle vostre manovre, al carico statico sulle ruote dovuto al peso del veicolo, dei passeggeri e dei bagagli, si andrà a sommare o sottrarre un carico inerziale che può modificare anche di molto l’iniziale ed ottimale distribuzione del peso della vettura.

BECCHEGGIO
La rotazione intorno all’asse trasversale del vostro veicolo indotta dal sovraccarico dinamico longitudinale viene definita beccheggio. Per chi è al volante si evidenzia con il sollevarsi o l’abbassarsi del muso e contemporaneamente della coda della vettura. A questi movimenti corrispondono spostamenti di peso sui due assi e quindi differenti variazioni di aderenza sui pneumatici. In accelerazione avremo un trasferimento di carico sull’asse posteriore ed una migliore aderenza dei rispettivi pneumatici. All’opposto in frenata il peso va a gravare sull’anteriore , mentre l’asse posteriore si alleggerisce.

Gli effetti dei trasferimenti di carico sono avvertibili anche durante la percorrenza di una curva . Come è noto in questa situazione l’auto è spinta verso l’esterno dalla forza centrifuga. Quest’ultima è una particolare manifestazione della forza d’inerzia e il veicolo è trattenuto dall’aderenza degli pneumatici. La forza centrifuga ha un chiaro effetto, quello di provocare la rotazione del corpo vettura interno all’asse longitudinale del veicolo in un movimento che viene definito rollio. Il rollio sovraccarica le ruote esterne,con conseguente compressione delle sospensioni, e alleggerisce quelle interne. Il rollio genera dunque come conseguenza uno spostamento dei pesi su un lato della vettura; l’auto va dunque in appoggio. Il coricamento della vettura è misurabile tramite il cosiddetto angolo di rollio.

La posizione del baricentro, in una vettura gioca un ruolo cruciale in quanto determina il peso gravante su ogni ruota e quindi l’aderenza degli pneumatici, nonché il comportamento dell’automezzo nelle diverse condizioni di marcia. L’entità del trasferimento di carico è determinata dall’intensità delle accelerazioni , o decelerazioni, ma è anche condizionata molto anche dalle caratteristiche geometriche del veicolo. A parità di variazione di velocità, i trasferimenti longitudinali sono più evidenti in quei veicoli con baricentro alto ed interasse corto, al contrario diminuiscono se il baricentro è basso e l’interasse lungo. In modo analogo, i trasferimenti trasversali dipendono dall’altezza del baricentro della vettura e dall’ampiezza della sua carreggiata.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...