Triestini nel mondo: la storia di Andre, dall’Inghilterra al Messico con il cuore a Trieste

Cancùn –

Questo è il di Andre, un triestino che è diventato cittadino del mondo, tra studio, viaggi, lavoro e nuove interessantissime esperienze:

Mi chiamo Andre, nato a Trieste il 26.9.1982. Fin da quando sono nato, ho avuto la fortuna di viaggiare e conoscere nuovi luoghi, nuovi paesi, nuove culture, nuove lingue e nuovi punti di vista. Sono quelle lezioni che non ti annoiano mai e che ti permettono di crescere fin dal punto più profondo dello spirito.

Viaggiare è uno dei piaceri della vita, grazie al quale sei in un processo di conoscimento costante, di te stesso, dell’ambiente che ti circonda e di nuovi punti di vista. È come se ogni giorno imparassi qualcosa di nuovo. Anche il solo fatto di vedere la stessa cosa però da una prospettiva diversa, è una maniera unica di apprendere e maturare.
Quindi mi definisco un cittadino del mondo. Fin da bambino ho sempre fatto conoscenza con altre persone foranee, prima di altri paesini, poi di altre città e poi diventando più grande di altri stati e continenti.

Finita la scuola superiore, sono stato accettato da due università d’ per studiare il corso di Laurea lì. Sfortunatamente per una situazione familiare, ho deciso di fare dietro front e così ho optato per Milano. Tra studio e lavoro, ci metto in mezzo la mia grande passione: il calcio. Non avendo potuto andare avanti come avevo sempre sognato, decisi di essere il punto di referenza per altri giovani che cullavano lo stesso sogno: diventare calciatori professionali. Se non ci ero potuto arrivare io, mi ero messo in testa di essere io il canale per apportare la mia parte e aiutarli a rendere reale il loro sogno nel cassetto, svolgendo la funzione di allenatore di calcio giovanile e osservatore/Talent scout in collaborazione con il Calcio Padova.

Dopo due anni nel capoluogo lombardo, essendo il corso di laurea una seconda scelta, non ho voluto sprecare altro tempo ed energie in un qualcosa che non potesse alimentare realmente il mio essere. Sono troppo spontaneo, non posso usare maschere o costumi, non posso dissimulare e molto meno fingere, figuriamoci prendere per i fondelli a me stesso. Quello che sento e penso, lo dico e lo faccio senza filtri. Quindi ho optato per delle esperienze a Barcelona ed Islas Canarias prima di rientrare a Trieste.

Qui, dopo aver avuto grandi esperienze di vita e lavorative in tutti i posti in cui era stato, realizzo il mio sogno di aprire un locale tipo pub in stile pirata!!! Eh già, tocco rustico, con celle, teschi, forziere del tesoro, ambiente a tema, ampia scelta di differenti rum provenienti da vari luoghi dal mondo. Sfortunatamente, lavoravo pure come dipendente in un negozio per poter stare con la tranquillità di arrivare a fine mese dopo i tanti sacrifici fatti per poter aprire il locale. Questa situazione si era prolungata un pò troppo, spingendomi verso un estremo che si riassume in sveglia alle 7 del mattino e rientro a casa tra le 2 e 3 di notte, tutti i giorni senza eccezioni!!!! Quindi guardandomi allo specchio, mi sono detto: Andre, questo è davvero lo stile di vita che vuoi??!!? Sinceramente ai miei 27 anni di allora dissi con tutta franchezza e tranquillità un rotondo NO.

Decisi di staccare la spina per completo e andarmene in vacanza per 2 settimane, destino: Messico. Uno dei posti dal quale sono sempre stato attratto fin da ragazzino. Ed effettivamente al mio arrivo ho percepito qualcosa di nuovo, che in nessun altro posto al mondo ho sentito finora, il fatto di essere rientrato a casa dopo tanto tempo. Quindi le 2 settimane diventarono 5. Ritornai per mettere in ordine varie cose. Lasciai il lavoro, regalai la mia quota della società e terminai la stagione calcistica.
Pronto per ripartire ed iniziare un percorso che mi ha fatto totalmente rinascere nello spirito e poter espressare alla massima potenza tutto il potenziale genuino che il mio essere ha sempre avuto.

Mi sono stabilito nella zona sud orientale del paese latino, a Cancùn per l’esattezza. Ho lavorato per una delle aziende messicane di caffè più riconosciute, nell’area di import/export. Sono stato guida turistica e di snorkeling in una delle barriere coralline più visitate al mondo ( Isla Mujeres ). Sono passato all’area di vendite e marketing di servizi turistici per imprese private e anche fondatore di un progetto personale di agenzia turistica digitale ( Turtle Tours Cancun ). Il progetto lo porto avanti da ormai quasi 6 anni e inoltre lavoro come coordinatore di un progetto turistico e vice responsabile dell’area vendite online e Marketing in un corporativo messicano specializzato in prodotti turistici, parchi tematici e prodotti d’intrattenimento.

Purtroppo ad inizio anno per la situazione della pandemia che si è sviluppata in tutto il mondo però ahimè uscita totalmente dalle mani in quasi tutto il continente americano, è scesa una profonda crisi in Messico. In questo caso speciale, il settore a livello mondiale più colpito è stato proprio il Turismo, Cancùn è stata totalmente colpita da un “terremoto” economico, dato che dipende al 90% dagli ingressi generati da uno dei motori turistici più grandi ed influenti in tutto il Globo, sfociato poi in un disastro sociale per la scarsa organizzazione politica riflessa nelle azioni scandalose applicate per far fronte all’attuale contingenza.

Per questa ragione, dopo più di 10 anni, ho deciso di rientrare in Italia perlomeno temporalmente, per cercare di vedere che effettive opportunità mi può presentare il Bel Paese. Spirito positivo e buona volontà per imparare non sono mai finiti, inoltre con tanti anni di esperienza all’estero alle spalle, tre lingue perfettamente parlate e scritte, mi metto in gioco di nuovo. Sono un guerriero di nascita e amante delle sfide.
Vediamo quale sarà il prossimo passo….

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento