Tonnellate di rifiuti scaricati illegalmente a Divaccia, sono stati “rimpatriati”

rifiuti in Carso

Incredibile e clamoroso. Ieri a () i servizi competenti, su ordine dell’ispettorato ambientale sloveno, hanno rimosso una quarantina di tonnellate di , portati illegalmente dall’Italia con dei camion in primavera. I trasportatori li hanno scaricati alla frana – valle carsica – Risnik, lungo la strada regionale tra Divača e , vicino all’area protetta del Parco delle grotte di Škocjan. Due terzi dei rifiuti sono già stati rimossi e riportati in Italia, mentre restano in sito circa 20 tonnellate, per le quali è ancora in corso il processo di identificazione.

A marzo, i residenti di Divača hanno notato autocarri che scaricavano illegalmente grandi quantità di rifiuti su terreni privati ​​lungo la strada regionale tra Divača e Lipica. Hanno informato la polizia e l’Ispettorato per l’ambiente e la pianificazione del territorio sloveni. Un’ è stata avviata dalla polizia. Trattandosi di un sospetto reato di inquinamento ambientale, il procedimento istruttorio è stato diretto dalla Procura dello Stato del distretto di Capodistria. Le autorità inquirenti hanno riscontrato che i rifiuti erano stati trasportati dall’Italia e poi smaltiti illegalmente. Sulla base dei consensi delle autorità competenti di Italia e , sono già state trasportate in Italia poco più di 39 tonnellate di rifiuti illegali. Per gli altri è ancora in corso una procedura identificativa.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...