Suns Europe: l’Europa suona in Castello!

Doro Gjat Suns Europe - crediti Fabrizio Rigo

Doro Gjat Suns Europe – crediti Fabrizio Rigo

Domenica 30 agosto, dalle 21, a Udine
Suns Europe: l’Europa suona in Castello!

L’ingresso sarà gratuito ma con prenotazione obbligatoria sul sito www.sunseurope.com


ATTENZIONE! Il concerto il Suns Europe in programma stasera si terrà al Palamostre di Udine a causa delle avverse condizioni del meteo


UDINE – Dopo il grande successo registrato da Suns Friûl, con cui è stata inaugurata la nuova edizione del Festival, a Suns Europe – organizzato annualmente dalla cooperativa Informazione Friulana con il sostegno finanziario della Regione Fvg e dell’Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane (ARLeF) – torna la musica di qualità. Questa volta l’appuntamento è al Castello di Udine. La suggestiva location farà infatti da cornice a quello che il pubblico conosce come il “concertone” finale, che quest’anno si svolgerà con modalità leggermente diverse. Come già annunciato, l’ ha deciso di rimandare al 2021 la competizione, senza rinunciare per questo a questo appuntamento, molto atteso dal pubblico del Festival.

IL CONCERTONE – Il 30 agosto, dalle 21 (ultimo ingresso alle 20.30, dopo tale orario la prenotazione sarà considerata scaduta), a salire sul palco ci sarà il Martina Iori Quartet (Ladinia). Questa giovane polistrumentista è oramai un volto noto del Festival (che ha vinto nel 2014). Originaria di Canazei – Val di Fassa – è una celebrità nelle valli ladine e quest’anno sarà presente con i suoi musicisti. Torna a Suns Europe anche un altro gruppo, tutto al femminile. Si tratta delle gallesi Adwaith, tre ragazze di Carmarthen che suonano con grande energia e personalità. La loro musica è un incrocio di post-punk, pop e folk con una buona dose di soul, marcato da ricami di chitarre e voci. A rappresentare il Friuli ci sarà invece il nuovissimo progetto che unisce Laura Giavon e Marco D’Orlando (Drumlando), due fra i più talentuosi esponenti della nuova generazione jazz e improvvisativa della nostra regione. La loro musica dimostra come la tradizione popolare si possa e si debba manipolare senza e timore reverenziale, sperimentando con intelligenza ed ironia. A Suns Europe 2020 arrivano anche Bujumannu & Jumbo from Train To Roots (Sardegna). Fra le più affermate bands reggae a livello italiano sono da sempre dei fieri ambasciatori della lingua e della cultura sarda. L’esperienza maturata in quindici anni di carriera, cinque album pubblicati e centinaia di concerti in ogni angolo d’Europa emerge dirompente nell’energia dei loro live esplosivi. Una serata da non perdere, insomma, nonostante l’assenza della cantante basca La Basu, che non avrà modo di partecipare: «Purtroppo questa notizia è arrivata una manciata di giorni fa come un fulmine a ciel sereno. Nonostante la sua assenza non abbiamo dubbio che il pubblico sarà entusiasta delle carica che sapranno trasmettere i gruppi presenti. L’anno che stiamo vivendo ci pone davanti a molte complicazioni e imprevisti. Lo sappiamo e lo sapevamo quando abbiamo deciso di imbarcarci in questa nuova avventura. Siamo certi che i risultati ripagheranno l’impegno di tutti coloro che ce la stanno mettendo tutta per la buona riuscita dalla rassegna», hanno fatto sapere gli organizzatori. L’intera serata sarà trasmessa in diretta, su Radio Onde Furlane, dalle 21 alle 23, a cura di Mauro Missana e Paolo Cantarutti. In caso di maltempo la carovana del Festival si trasferirà al Teatro Palamostre e purtroppo i posti saranno drasticamente ridotti, garantendo l’ingresso solo alle prime 200 persone che hanno prenotato. Mattatore della serata, per il secondo anno consecutivo, sarà Doro Gjat!. Per il concerto ci sono ancora posti disponibili, si ricorda che l’ingresso sarà gratuito ma con prenotazione obbligatoria sul sito ( HYPERLINK “https://www.sunseurope.com/it/prenotazione)”https://www.sunseurope.com/it/prenotazione).

CINEMA – Ma Suns Europe, si sa, non è solo musica, ma anche cinema e letteratura.
Quest’anno in programma ci sarà la pellicola galiziana premiata a Cannes nel 2019 “O que arde” che sarà proiettata, grazie alla collaborazione con il CEC – Centro Espressioni Cinematografiche, sabato 29 agosto, alle 21.15 al cinema Centrale, sala “Vip”.

LETTERATURA – Lo stesso sabato 29 agosto, alle 18.15, alla Libreria Friuli di Udine, è in programma la prima presentazione nello stato italiano di “Guillem” della giornalista Núria Cadenes che dialogherà con Carlo Puppo. Il romanzo racconta la storia di Guillem Agulló i Salvador, assassinato da un gruppo di neofascisti l’11 aprile 1993 a Montanejos (Paese Valenziano). Era un atleta, un antifascista, un indipendentista. Aveva solo 18 anni. È una storia, la sua, che ha segnato una generazione e che ha fatto di Guillem Agulló un simbolo di libertà. Il secondo appuntamento letterario di Suns Europe è invece in programma lunedì 31 agosto, alle 20.30 in piazza a Moruzzo (in caso di maltempo: Auditorium “Riedo Puppo”). Lo storico basco Joseba Asiron e l’intellettuale friulano Angelo Floramo daranno vita a “Conquista! Storiis resistentis tra Navare e Friûl”, una serata in cui si metteranno a confronto i 600 anni della caduta dello stato patriarchino aquileiese e quella del regno di Navarra nel 1512.

IL FESTIVAL SUNS EUROPE – organizzato annualmente dalla cooperativa Informazione Friulana con il contributo finanziario della Regione autonoma e dell’ARLeF, Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, e con il sostegno del Comune di Udine e dell’Etxepare Euskal Institutua (Paese Basco) – ha goduto fin dalla sua nascita del patrocinio del Consiglio d’Europa e del NPLD, Network to Promote Linguistic Diversity, la rete europea per la promozione della diversità linguistica. Inoltre si avvale della collaborazione di numerosi soggetti pubblici e privati fra cui i Comuni di Artegna, Mortegliano, Moruzzo e Pozzuolo del Friuli, il CEC, Centro Espressioni Cinematografiche, la Società Filarmonica di Pozzuolo del Friuli, e le associazioni Amici del teatro e Cocula. Suns Europe ha il merito di trasformare la città di Udine in un crocevia di culture, lingue e artisti, creando contaminazione e confronto, dando spazio a una produzione artistica di assoluto valore.

Tutto il programma e le info sono su http://www.sunseurope.com/ e sulla pagina HYPERLINK “https://www.facebook.com/SunsEuropeFestival”Facebook | HYPERLINK “https://www.instagram.com/sunsfestival/”Instagram |


Domenie ai 30 di Avost, di nûf di sere, a Udin

Suns Europe: la Europe e sune in Cjistiel!

La jentrade e je sore nuie ma al covente prenotâ sul sît www.sunseurope.com

UDIN – Dopo dal grant sucès di Suns Friûl, che al à screât la gnove edizion dal Festival, a Suns Europe – inmaneât de cooperative Informazione Friulana cu la poie finanziarie de Regjon Friûl VJ e de Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane (ARLeF) – e torne la musiche di cualitât. Cheste volte l’apontament al è alì dal Cjistiel di Udin che i fasarà di suaze sugjestive a chel che il public al cognòs come il “concierton” finâl che chest an si davuelzarà cun modalitâts un pôc diviersis. Cemût che si à za anticipât, la organizazion e à decidût di rinviâ al 2021 la competizion, ma cence par chest fâ di mancul di un apontament cetant spietât dal public dal Festival.

Ai 30 di Avost, di nûf di sere indenant (dut câs lis prenotazions a saran calcoladis validis dome par cui che al rive dentri di vot e mieze di sere), a lâ sù sul palc a saran il Martina Iori Quartet (Ladinie). Cheste zovine polistrumentiste e je di cjase tal Festival (che e à vinçût intal 2014). Origjinarie di Cianazei, in Val di Fasse, e je zaromai une celebritât intes valadis ladinis e si presentarà compagnade dal so grup. Al torne a Suns Europe ancje un altri grup, dut al feminin. Si trate des galesis Adwaith, trê fantatis di Caerfyrddin che a sunin cun snait e grande personalitât. La lôr musiche e je une misture di sugjestions post punk, pop e folk cuntune buine dose di soul, marcade dai ricams des ghitaris e des vôs. A rapresentâ il Friûl al sarà invezit il progjet gnûf di pache che al met adun Laura Giavon e Marco D’Orlando (Drumlando), doi tra i rapresentants cun plui sgrimie de gnove gjenerazion jazz e improvisative de nestre tiere. La lôr musiche e mostre cemût che la tradizion popolâr si puedi e si vedi di messedâ cence nissune pôre, sperimentant cun cjâf e cun ironie. A Suns Europe 2020 a rivin ancje Bujumannu & Jumbo dai Train To Roots (Sardegne). Tra i grups reggae plui cognossûts ator pal stât talian, a son di simpri ambassadôrs braurôs de lenghe e de culture sarde. Il mistîr che a àn madressût in cuindis agns di cariere, cun cinc albums publicâts e centenârs di concierts ator pe Europe al salte fûr inte energjie dai lôr concierts esplosîfs. Une serade di no pierdi, duncje, cundut de mancjance de cjantante basche La Basu che no podarà jessi presinte: «Magari cussì no, la gnove nus à rivade bot e sclop a metât di cheste setemane. Chel istès, ancje cence di jê, o crodìn che il public al gjoldarà de cjarie che i rivarà dai grups presints. L’an che o sin daûr a vivi nus puarte berdeis e situazions dificilis di previodi. Lu savìn e lu savevin ancje cuant che o vin decidût di programâ cheste gnove edizion. Chel istès, o sin sigûrs che i risultâts a rindaran merit al impegn di ducj chei che je metin dute par che la manifestazion e vegni fûr ben», a àn dite i organizadôrs.
La serade e sarà trasmetude in direte, su Radio Onde Furlane, di 21 a 23, par cure di Mauro Missana e Paolo Cantarutti. Tal câs che al sedi brut timp la caravane dal Festival si spostarà alì dal Teatri Palamostre e magari cussì no i puescj a saran cetancj di mancul, permetint la jentrade dome aes primis 200 personis che a àn prenotât. A presentâ l’event, pal secont an di file, al sarà Doro Gjat! Pal conciert in Cjistiel a son inmò puescj: la jentrade e je sore nuie mi si scugne notâsi sul sît ( HYPERLINK “https://www.sunseurope.com/it/prenotazione)”https://www.sunseurope.com/it/prenotazione).

CINE – Ma Suns Europe, si sa, nol è dome musiche, ma ancje cine e leterature.
Chest an in program si varà la pelicule galiziane premiade a Cannes intal 2019 “O que arde” che e sarà proietade, in gracie de colaborazion cul CEC – Centro Espressioni Cinematografiche, sabide ai 29 di Avost alì dal cine Centrale, sale “Vip”, a nûf e un cuart di sere (21.15).

LETERATURE – La stesse sabide ai 29 di Avost, a 18.15, alì de Librarie Friuli di Udin, e je in program la prime presentazion intal stât talian di “Guillem” de scritore Núria Cadenes che e dialogarà cun Carli Pup. Il romanç al conte la storie di Guillem Agulló i Salvador, sassinât di un trop di fassiscj ai 11 di Avrîl dal 1993 a Montanejos (Paîs Valenzian). Al jere un sportîf, un antifassist, un indipendentist. Al veve a pene 18 agns. E je une storie, la sô, che e à segnât une gjenerazion e che e à fat di Guillem Agulló un simbul di libertât. Il romanç «Guillem» di Núria Cadenes nus conte cun partecipazion umane e tal stes timp cul rigôr de cronache la storie di chest zovin impegnât e combatîf, e ancje chê dal Paîs Valenzian di chei agns. Il secont apontament leterari di Suns Europe si tignarà lunis ai 31 di Avost, a 20.30 in place a Murùs (o, se al è brut timp, alì dal Auditorium “Riedo Puppo”). Il storic basc Joseba Asiron e l’inteletuâl furlan Angelo Floramo a saran protagoniscj di “Conquista! Storiis resistentis tra Navare e Friûl”, une serade là che si metaran a confront i 600 agns de colade dal stât patriarcjin aquileiês e chê dal ream di Navare tal 1512.

IL FESTIVAL SUNS EUROPE – inmaneât de cooperative Informazione Friulana cu la poie finanziarie de Regjon autonome Friûl – Vignesie Julie e de ARLeF, Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, e cul jutori dal Comun di Udin e dal Etxepare Euskal Institutua (Paîs Basc) – fin dal principi si à davuelt sot dal patrocini dal Consei de Europe e dal NPLD, Network to Promote Linguistic Diversity, la rêt europeane pe promozion de diversitât linguistiche. Cun di plui al gjolt de colaborazion di cetancj sogjets publics e privâts tant che i Comuns di Dartigne, Mortean, Murùs e Puçui, il CEC, Centro Espressioni Cinematografiche, la Societât Filarmoniche di Puçui, e lis associazions Amici del teatro e Cocula. Suns Europe al fâs de citât di Udin une crosere di culturis, lenghis e artiscj, al stice miscliçaments e confronts, al met in evidence une produzion artistiche di grant valôr.

Dut il program e lis informazions a son su http://www.sunseurope.com/ e su la pagjine https://www.facebook.com/SunsEuropeFestival | https://www.instagram.com/sunsfestival/ |

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...