Slovenia: ridefinire reato di stupro, troppe assoluzioni sconcertanti

Il caso eclatante che ha dato il via all’iniziativa per la petizione è stata una sentenza del tribunale di Capodistria, che ha assolto lo stupratore perché la vittima dormiva all’inizio dello

alcune esponenti del comitato “8 marzo”

Nell’ambito della campagna anti-stupro, l’8 marzo scorso sono state ricevute oltre 180 testimonianze tramite moduli anonimi presso l’Istituto preposto.

Il Ministero della giustizia sloveno ha preparato una proposta di modifica del codice penale sul di stupro, considerato “troppo morbido” e obsoleto.
Il comitato “8 Marzo” ha presentato una richiesta al Ministero della giustizia per l’accesso alle informazioni pubbliche relative alla procedura di modifica del codice penale nel campo del crimine di stupro, che il Ministero ha già inviato per un coordinamento interministeriale.

Prima di presentare la domanda, i rappresentanti del comitato 8 Marzo leggendo le testimonianze delle vittime di violenza sessuale, raccolte nel quadro della campagna, ho anche attirato l’attenzione sulla legislazione obsoleta e sulla necessità di cambiamenti nella regolamentazione della violenza sessuale. Nell’ambito della campagna, sono state ricevute oltre 180 testimonianze tramite moduli anonimi alla sede del comitato . ” Ci hanno scritto uomini e donne di età e professioni diverse. Il loro messaggio è lo stesso: non vogliono vivere in una società in cui vi sono molestie sessuali e violenza”, ha detto Maik Kores, coordinatore del programma del comitato.

Hanno ricordato che il comitato ha lanciato una petizione per ridefinire il crimine di stupro all’inizio dello scorso anno, raccogliendo oltre 6.000 firme. L’iniziativa per la petizione è stata una sentenza del tribunale di Capodistria, che ha assolto l’autore dello stupro del crimine perché la vittima dormiva all’inizio dello stupro, ha affermato Mojca Lukan del comitato. Ha aggiunto che in quel momento anche l’ex ministro della giustizia Andreja Katič ha risposto alla petizione , che ha anche sostenuto pubblicamente la proposta, sono stati organizzati incontri con la società civile, ma non ci sono stati cambiamenti concreti in questo settore.

Come ha dichiarato il comitato , nella dichiarazione solo pubblico noto per esso per quanto riguarda la questione della definizione insufficiente del reato di stupro, il ministro ha fatto alcune affermazioni inaccettabili e non professionale in Assemblea nazionale il 15 giugno 2020. Ha detto: “Scopriamo che le donne a volte non hanno il coraggio di riferire o segnalare e quindi ritirare la domanda, o addirittura causare determinati problemi stessi con i loro schemi”. Quindi, quando il ministro ha ragione nel constatare che le vittime non stanno facendo domanda per violentarle continuando a dichiararlo”essi stessi causano in qualche modo determinate questioni con i loro schemi” , aggiungono i messaggi di cui sono responsabili.

accettabile solo il modello “sì significa sì”
I rappresentanti del comitato 8 Marzo hanno ribadito che solo il modello ” sì significa sì ” è accettabile per loro , il che risolve i casi di stupro quando la vittima non può dire di no o resistere. Hanno sottolineato che stanno dietro le confessioni che hanno ricevuto e le persone che le si rivolgono. Pertanto, hanno deciso di prendere in mano la situazione e presentare una richiesta di accesso a informazioni pubbliche, ha spiegato Kovac. Secondo lei, vogliono ottenere tutta la corrispondenza, analisi, commenti di pubblici ministeri e giudici su questo argomento.

Abbastanza “casualmente”, il Ministero della Giustizia ha inviato un progetto di al coordinamento interministeriale dopo l’annuncio di ieri della conferenza stampa dell’Istituto l’8 marzo sulla lentezza delle autorità nel trasformare la legislazione nel coordinamento interministeriale, scrivono. Tuttavia, sono molto delusi dall’istituto perché hanno letto nel comunicato stampa che non è stato raggiunto un accordo sulla scelta del sottotipo di modello di consenso, il che a loro avviso significa che il ministro Kozlovič ha respinto il modello ” sì significa sì ” .

Spiegazione del Ministero della giustizia
Come spiegato nel ministero, hanno prima costituito un gruppo di lavoro per preparare emendamenti al codice penale, in seguito hanno pianificato cambiamenti relativi non solo ai crimini contro l’integrità sessuale, ma anche agli obblighi della in relazione all’attuazione di diverse direttive UE- ROM e convenzioni del Consiglio Europa e Nazioni Unite.

In connessione con i crimini di stupro, violenza sessuale e abuso sessuale di una persona vulnerabile, è stato condotto uno studio empirico sulla pratica giudiziaria in questo settore. Hanno scoperto che le descrizioni di questi crimini non coprono situazioni in cui la vittima rifiuta l’atto sessuale ma per varie ragioni non resiste fisicamente o non resiste abbastanza che l’autore debba usare la forza e atti in cui l’autore usa rapidamente la sorpresa vittime.

Il gruppo di lavoro ha quindi ritenuto che nel codice fosse opportuno creare un nuovo reato, che sarà incriminato dopo il “veto modello” come uno dei modelli di consenso ” , che dovrebbe essere integrato dalle circostanze a causa delle quali le vittime per vari motivi spesso non non può nemmeno dire di no e abusando della sorpresa della vittima “, ha detto il ministero in un comunicato stampa.

Le soluzioni proposte in una sezione di natura sessuale dalle loro affermazioni costituiscono la transizione dal tradizionale “modello di coercizione” al “modello di consenso”, la cui caratteristica principale è che “l’offesa del predicato che criminalizza il comportamento sessuale di nekonsenzualna , l’esistenza della forza o la minaccia di diventare circostanze qualificanti” sono ha spiegato.

Sono stati proposti nuovi primi paragrafi degli articoli 170 e 171 del codice penale, che definiscono i reati di stupro e violenza sessuale. Per l’esistenza di un reato, non è più necessario per l’autore di usare la forza o minacciare, e non è nemmeno richiesto che la vittima debba resistere fisicamente all’autore, ma la vittima deve esprimere il proprio disaccordo esternamente . essere in una situazione in cui non può esprimere affatto disaccordo o consenso (completa passività, intossicazione, incoscienza, paura paralizzante, ecc.).

“Ciò indica chiaramente dove si trova la linea tra un atto permesso e un atto proibito, che è anche importante dal punto di vista della sicurezza legale”, ha detto il ministero.

Hanno spiegato che hanno anche collaborato con organizzazioni non governative interessate alla preparazione di soluzioni e che un rappresentante di organizzazioni non governative, selezionato secondo la procedura all’interno del Centro per l’informazione, la cooperazione e lo sviluppo delle organizzazioni non governative (CNVOS), ha partecipato anche ai lavori del gruppo di lavoro .

Vi sono stati inoltre numerosi colloqui tra l’ex e l’attuale ministro della giustizia con i rappresentanti delle ONG interessate . L’ultimo incontro di questo tipo con i rappresentanti dell’Associazione per la comunicazione nonviolenta, Amnesty International Slovenia, l’Associazione SOS e il Centro informazioni legali delle organizzazioni non governative è stato il 18 giugno, ha aggiunto il ministero.

Come hanno scritto, è stato convenuto che nei crimini di stupro, violenza sessuale e abuso sessuale di una persona debole, il tradizionale “modello di coercizione” dovrebbe essere trasceso e il “modello di consenso” legalizzato . Tuttavia, non hanno concordato sulla scelta del sottotipo “modello di consenso” , poiché i rappresentanti delle ONG hanno insistito sulla definizione del crimine secondo il “modello di consenso affermativo ” .

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...