Slovenia, passato emendamento per chiusura domenicale forzata dei negozi

centro commerciale negozi Slovenia

L’Assemblea nazionale slovena ha fatto passare un emendamento alla legge, in base al quale i non potranno operare la domenica e nei giorni festivi. Poche le eccezioni: i più piccoli presso le stazioni di servizio, le fermate degli autobus, gli ospedali e altri più piccoli

I negozi non saranno più autorizzati a operare la domenica e nei giorni festivi. Le eccezioni sono i negozi più piccoli nelle stazioni di servizio, nelle fermate e negli ospedali, così come in altri negozi più piccoli, se i proprietari stessi servono i clienti nei loro giorni liberi con l’aiuto di studenti e pensionati. La chiusura dei negozi la domenica e nei giorni festivi è stata proposta dai deputati della Sinistra, e nel voto è stata sostenuta anche dai deputati dei partiti SDS, SD, NSi, SAB e la maggior parte dei deputati di LMŠ e DeSUS. Per i voti dei 72 presenti alla riunione, 13 erano contrari.

“L’attività di impiega circa 115.000 persone, alcune delle quali devono lavorare la domenica, il che significa che la domenica sarà obbligatoriamente giorno libero da passare con la famiglia”, la prima lettura della proposta per la chiusura dei negozi on non-working giorni Luka Mesec ha spiegato a nome dei proponenti.

La terza lettura è stata tenuta dai deputati solo nella sessione di settembre. L’emendamento alla legge è stato così adottato ed entrerà in vigore 15 giorni dopo la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Con la sua entrata in vigore, i rivenditori non saranno più autorizzati a determinare gli orari di apertura dei negozi la domenica e nei giorni di riposo legali . Fanno eccezione i negozi con un’area di vendita fino a 200 metri quadrati presso distributori di benzina, valichi di frontiera, porti, aeroporti, stazioni ferroviarie e degli autobus e ospedali.

Saranno anche la domenica e nei giorni festivi, giorni di apertura di altri negozi minori con una superficie di 200 mq, dove lavoreranno in loro svolgendo titolari di attività commerciali, oppure i loro rappresentanti, ma anche alunni, studenti e pensionati.

La questione se commerciare la domenica e nei giorni festivi, crea un vespaio da decenni. La questione è stata affrontata dalla Corte costituzionale slovena, e nel settembre 2003 anche i cittadini ne hanno fatto richiesta in un referendum. La proibizione dei negozi di domenica è quindi supportata da oltre il 57% degli elettori accorsi alle urne.

La sinistra, oltre a rispettare la volontà referendaria, ha proposto anche le soluzioni proposte contro i consumi eccessivi. La chiusura dei negozi un giorno ogni settimana per dare una chance al nostro pianeta, è considerato prioritario. “In tal modo, potremmo iniziare a portare il quadro climatico in modo da poter lasciare il pianeta ai nostri discendenti all’incirca nelle stesse condizioni in cui lo abbiamo ottenuto noi stessi”

Il governo sloveno non sostiene la chiusura dei negozi la domenica
I legislatori in gran parte della coalizione hanno votato per chiudere i negozi la domenica, ma il governo non lo sostiene. “Il commercio è un settore strategico per l’ economia slovena”, ha detto il venerdì di DZ-ju il segretario di stato al ministero dell’Economia , Simon Zajc , aggiungendo che il governo si prende cura delle conseguenze che possono avere una misura in condizioni economiche già difficili per il commercio, i suoi dipendenti, fornitori, destinazioni turistiche.

Invece di chiudere i negozi la domenica, il governo sta sostenendo il dialogo sociale. “Il governo è consapevole che la proposta è una risposta alle chiamate comprensibili e legittime dei dipendenti del negozio”, ha detto Zajc. Ha ricordato però è che entro la fine del 2022 il contratto collettivo si applica alle attività di commercio, secondo il quale la maggioranza saranno 15 negozi tutti chiusi nei giorni festivi, la domenica lavorativa ma è limitata a 12 domeniche all’anno.

Gli emendamenti alla legge sono fortemente osteggiati anche dalla Camera di Commercio di , dove menzionano anche la possibilità di una revisione costituzionale. Come sottolineato in primavera al momento del deposito del testo legale in parlamento procedimento, la chiusura dei negozi la domenica costituiscono una flessione del fatturato e una riduzione economica dell’attività, nel momento in cui si vanno concentrando tutti gli sforzi sulla crescita economica, ma il consumo e l’aumento esponenziale dei consumi sono le chiavi per conseguire una crescita economica.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...