Serve uno scatto per dare prospettiva al Friuli Venezia Giulia

Trieste 23 giugno 2020 – “Rispetto alla rinegoziazione del patto con lo Stato serve uno scatto per dare prospettiva al Friuli Venezia Giulia. Invece, siamo fermi. La specialità deve essere esercitata, non basta chiedere soldi; bisogna metterci una progettualità, idee per lo , l’economia e il sociale”. Lo afferma in una nota il capogruppo del Partito democratico in Consiglio regionale, Sergio , riferendosi al suo intervento odierno in Aula in occasione dell’incontro tra la Commissione paritetica e il Consiglio regionale sul tema dei rapporti Stato-, in particolare per quanto riguarda gli accordi in materia finanziaria. “Dobbiamo far capire al Governo nazionale – aggiunge il rappresentante dem – che abbiamo progetti capaci di sfidare il futuro su piattaforme economiche, logistiche e sociali, attraverso rapporti con Regioni e Stati vicini. Dobbiamo essere in grado di dare risposte innovative alla comunità regionale, come già accaduto nel dopoguerra e nel post terremoto”. chiede anche “una precisa presa di posizione della Giunta sulla possibilità che il acceda ai di fondi derivanti dal riparto del sistema messo in atto dall’Europa. Il ragionamento sulle politiche europee anti Covid-19 fra Mes, Sure e Recovery fund porterebbe in regione tre miliardi di euro, utili per ridisegnare processi importanti per la comunità”. “Riguardo alle disponibilità economiche per il prossimo assestamento di bilancio, invito la Giunta a non far passare messaggi che portino la comunità in una spirale di strategico – conclude – che va assolutamente evitato. L’esempio lo forniscono Regioni forti come Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto che hanno già creato un progetto di futuro. Su questo aspetto siamo già in ritardo e l’ultimo treno passerà in settembre. Se non saremo pronti con un progetto complessivo per il futuro del Fvg, non resterà che raccogliere le briciole”.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *