Rivoluzione province in Slovenia, prenderanno il nome dalle città

Le slovene prenderanno il nome dalle città più grandi? In atto il terzo tentativo di stabilire le province nella vicina repubblica

Un nuovo tentativo di stabilire province è in corso in dallo scorso anno. In autunno, dovrebbero essere noti i calcoli finanziari di quanti soldi ogni provincia dovrebbe ottenere. Tuttavia, la scelta dei è ancora complicata.

Secondo l’ultima proposta, Pomurska diventerebbe Murska Sobota, Štajerska Maribor, Osrednjeslovenska Lubiana, provincia di Savinjska Celje, ecc.

L’ultima proposta prevede che le province prendano il nome dalla più grande città all’interno di una singola unità.

Il gruppo per la preparazione della legislazione provinciale è stato l’ultimo a preparare una proposta per 10 province con lo statuto speciale dei comuni di Lubiana e Maribor. Ma si è discusso parecchio riguardo i nomi delle province. Infine, il parere è stato preparato dalla commissione governativa per la standardizzazione dei nomi geografici, che ritiene che l’attuale proposta non sia valida.

Matjaž Geršič , presidente della commissione per la standardizzazione dei nomi geografici: “In alcuni luoghi il nome deriva dal nome del fiume o del bacino fluviale, in alcuni punti dalle ex unità amministrative austro-ungariche, in alcuni luoghi abbiamo alcune nuove identità provinciali e questo introduce una leggera confusione”.

Lubiana, Maribor, Celje, Koper …
La provincia dovrebbe quindi ricevere il nome della città più grande. Pertanto, ad esempio, la provincia di Štajerska diventerà la provincia di Maribor, la provincia di Carinzia-Šaleš, la provincia di Osrednjeslovenska Lubiana, la provincia di Savinjska Celje e la provincia di Primorsko-Notranjska Koper. I comuni di Maribor e Lubiana rimarrebbero eccezioni nominali.

Borut Holcman , membro del gruppo di redazione della legislazione provinciale, non è entusiasta della proposta. “Temo che questa commissione, che sta prendendo in considerazione la standardizzazione dei nomi, abbia raggiunto un accordo”. Il gruppo di esperti discuterà della proposta, afferma Holcman, ma la parola in primis spetta al campo: prima, certamente i sindaci, e infine i politic, che non hanno ancora trovato un consenso sulle province in 30 anni di regolamentazione costituzionale.

“Questo paese è stato in grado di modificare l’articolo 143 due volte. Ma per sviluppare economicamente ed economicamente le province, lo stato non è ancora arrivato. E ora siamo al terzo tentativo, e spero che vada tutto per il meglio”, ha concluso Holcman. .

Tuttavia, il quadro finanziario per il funzionamento delle province sarà noto in autunno. I calcoli sono già in preparazione presso i singoli ministeri.


corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...