Respinto progetto di ristrutturazione del Magazzino 26

Magazzino 26 Porto Vecchio Trieste

Incredibile: l’estensione in vetro sopra l’ultimo piano non soddisfa i severi requisiti dell’Istituto per la Tutela dei Beni Culturali

L’Istituto per la Tutela dei Beni Culturali, con sede nel Palazzo Economo in Piazza Libertà, ha definitivamente la soluzione concettuale per la di una parte del , prevista dallo studio dell’ spagnolo . Continua la disputa tra l’ente e il Comune di Trieste, committente del . All’istituto affermano che “la soluzione concettuale non corrispondeva ai punti di partenza del originario, inoltre li superava completamente, quindi non rispondeva ai rigidi requisiti dell’istituto per quanto riguarda i punti di partenza originali.

Sebbene il progetto non sia ufficiale ed è stato respinto “a voce” due volte, questo è il primo rigetto formale per l’istituto, in quanto negli incontri provvisori hanno solo redatto e inviato raccomandazioni scritte su ciò che deve essere corretto affinché il progetto diventi accettabile per l’istituto. Lo hanno fatto gli architetti dell’ufficio spagnolo, ma a quanto pare il divario tra il modo in cui l’istituto vede la ristrutturazione del Magazzino 26 e il modo in cui lo vedono gli architetti è ancora troppo grande. Diversi elementi sono inaccettabili per gli esperti nel campo della protezione culturale, e il più evidente sarà l’estensione in vetro, che secondo i piani degli architetti dovrebbe crescere sopra l’ultimo piano del Magazzino 26.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...