Progetto FVG: a Trieste ancora un’impresa su tre ferma

Nuova nota da Progetto FVG riguardante le aperture delle imprese:

“Il Governo ascolti le Regioni a Trieste ancora un’impresa su tre ferma, è fondamentale riaprire prima possibile con regole certe. Ci sono lavoratori autonomi da più di due mesi a casa con 600 euro, e per certi nemmeno quelli, il Governo ascolti le Regioni sulle aperture – così si esprime Giorgio Cecco di Progetto Fvg – pieno sostegno alle richieste della partite iva, commercianti e artigiani, cresce la preoccupazione per il persistere della sospensione di tante attività, soprattutto a Trieste con la maggior percentuale in Regione delle imprese ancora chiuse, è fondamentale riaprire prima possibile, certamente con tutte le sicurezze del caso, ma già entro pochi giorni, perchè troppi lavoratori autonomi sono a rischio chiusura definitiva e le relative famiglie a rischio povertà. Quindi con tutte le misure di sicurezza e le verifiche del caso, si dia la possibilità di riprendere subito il lavoro ad attività come, per esempio, quelle di servizio alla persona, perchè molte di queste potrebbero non poter più riaprire se devono aspettare ancora. Oltre a ciò da rilevare sicuramente importanti interventi dell’Amministrazione Regionale per il sostegno all’economia del territorio, ma purtroppo non ancora supportati da altrettanti del Governo e da un fantomatico decreto – sottolinea Cecco – è evidente che servono immediatamente regole chiare e soprattutto ulteriori contributi a fondo perduto per il fermo di questi mesi e anche per sopperire ai nuovi costi che avranno le imprese proprio per le dotazioni e presidi anti-Covid 19”

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...