In partenza da Trieste l’Adriatic Adventure Rally 2019

The Adriatic Adventure Rally 2019
18-29 settembre 2019

Dopo il successo del tanto apprezzato evento Baltic Classic 2017, il team ERA ha lavorato sodo per escogitare un evento ‘sorella’ altrettanto entusiasmante per i concorrenti che cercano una nuova sfida per affrontare altri successi. Pertanto, settembre 2019 vedrà la prima edizione di ERA Adriatic Adventure.


Avendo luogo per 12 giorni di fila e aperta alle auto costruite prima del 1976, l’Adriatica Adventure promette di essere un raduno di due metà; dalle montagne dei Balcani interni allo splendore abbagliante della costa adriatica.

Adatto sia agli equipaggi esperti che ai nuovi arrivati, questo nuovissimo evento rispecchierà il classico baltico in termini di stile e porterà i concorrenti in paesi che sono nuovi territori per il rally.

IL PERCORSO

L’evento inizia e termina a Trieste, che offre uno sfondo perfetto per il nostro evento. Quasi prima di lasciare la città, seguiamo il percorso della famosa salita Trieste – Opicina. La prima volta nel 1911, l’evento fu teatro di una delle prime vittorie della Scuderia Ferrari con il leggendario Tazio Nuvolari alla guida di un’Alfa Romeo per il team italiano.

Una volta lontano dalla costa, attraversiamo rapidamente la Slovenia e ci dirigiamo a nord verso le pendici e i passi alpini che un tempo erano notoriamente impegnativi per i concorrenti del Liegi-Sofia-Liegi negli anni ’60.

Le strade di montagna della Slovenia sono state molto ammirate nel 2016 Pechino – Paris Rally e quindi, per assicurarci di sfruttarle al meglio, pernotteremo nella molto accogliente capitale, Lubiana, prima di dirigerci a nord-est e su verso le montagne di nuovo a Maribor. Maribor è la seconda città amante del vino della Slovenia e ospita la vite più antica del mondo!

Da Maribor, guidiamo verso sud quasi interamente su tranquille strade di campagna attraverso dolci colline con diverse sezioni di regolarità e un test sul menu, quindi saltiamo oltre il confine nella splendida Croazia e un arrivo anticipato nella sua capitale, Zagabria.

Il quarto giorno serve l’azione direttamente da fuori con una corsa su per la salita della collina Sljeme alla periferia della città. Quindi ci dirigiamo a sud lungo il fiume Sava per attraversare la Bosnia ed Erzegovina e poi per la nostra sosta notturna nel più grande hotel termale del paese. Circondato da montagne, boschi e la valle del fiume Usora, questo complesso benessere è famoso per le sue acque curative.

Con i nostri battiti cardiaci e pulsazioni ripristinati alla normalità, ci dirigiamo a sud-est su strade più remote e deserte per Sarajevo, che è salito dalla quasi estinzione negli anni ’90 a seguito della guerra in Bosnia. Mentre rimangono ancora le cicatrici del conflitto, Sarajevo è ora, circa 21 anni dopo, una città ricostruita e ristabilita come il principale centro culturale dei Balcani. Si consiglia una visita pomeridiana al centro storico.

Da Sarajevo, guidiamo più a sud verso il Montenegro e sperimentiamo lo straordinario Piv Canyon e il Parco Nazionale del Durmitor prima di incontrare la scintillante costa adriatica a Budva. Ci fermiamo qui durante la notte nel punto più a sud dell’evento.

Dopo una mattinata libera per esplorare i centri storici di Budva e Kotor, ci dirigiamo verso l’interno per la competizione del pomeriggio e poi torniamo sulla costa per la corsa verso nord in Croazia e Dubrovnik. Abbiamo un meritato giorno di riposo da dedicare a tutto ciò che questa vecchia città assolutamente incantevole può lanciarci. I fan di Game of Thrones riconosceranno molti dei punti di riferimento di Dubrovnik e ci sono tour da fare se desideri canalizzare il tuo Lannister interiore …

Completamente riposati, lasciamo la costa ai turisti e rientriamo in Bosnia ed Erzegovina per un pranzo prolungato vicino al vecchio ponte a Mostar, prima di tornare in Croazia e una delle migliori regolarità dell’evento su una strada di montagna accidentata disseminata di tornanti . Poi è tornato sulla costa e su Spalato, affollata e vivace. Questa è la seconda città più grande della Croazia ed è stata messa sulla mappa dai romani che hanno costruito il Palazzo di Diocleziano per il loro imperatore a cavallo del IV secolo d.C. – è ancora oggi ed è ora un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Da Spalato abbiamo un numero inferiore di colline ma un’ottima guida mentre prendiamo un percorso tortuoso per il nostro hotel resort fuori Zara. Questa sera sarà uno per i cocktail a bordo piscina mentre godiamo dello splendore che Alfred Hitchcock ha dichiarato di essere “… il tramonto più bello del mondo!”

Da Zara, manteniamo l’Adriatico alla nostra sinistra mentre ci dirigiamo ripetutamente verso l’interno per trovare incredibili strade vuote prima di tornare sulla costa per un po ‘di ristoro. Guidiamo verso nord per la giornata a Opatija, la città balneare preferita dei grandi e dei buoni durante l’impero austro-ungarico. Le strade della città ospitavano il Gran Premio dell’Adriatico negli anni ’30 e le corse continuarono per le strade fino alla metà degli anni ’70.

Dopo una notte di riposo ad Abbazia, partiamo di nuovo la mattina per l’ultimo giorno della nostra avventura adriatica. Sulla strada per il confine italiano passiamo vicino a Motovun, capitale del tartufo croato e luogo di nascita del pilota americano di Formula 1 campione del mondo, Mario Andretti.

Da lì è un breve salto a Trieste dove ci aspettano un caloroso benvenuto e una sontuosa cena di gala.





Euroland, il bazar tutto triestino! Segui la pagina facebook e metti un like, per non perdere le offerte e le news!

Almanacco News

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *